venerdì 27 maggio 2022

Covid e Natale: Costa dice “no” alle strette

Il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa,  durante la trasmissione  di Rai Radio 1″Radio Anch’io” alla domanda se per il Natale imminente ci sarà una nuova stretta sulle misure anti-Covid afferma: “Il Super green pass è stato fatto per permettere un Natale diverso e non ci sono in previsione nuove misure. Dobbiamo sottolineare che 46 milioni di concittadini si sono vaccinati e grazie a questo risultato il nostro Paese sta attraversando una fase migliore. Stanno aumentando nuovamente le prime dose, molti che avevano paura si stanno rassicurando. Sulla possibilità di estendere l’obbligo vaccinale per ridurre lo zoccolo duro di chi ancora non si è vaccinato, in questo momento non c’è sul tavolo questo argomento.  Si parla dell’ipotesi di concedere una deroga all’obbligo del Green pass per gli studenti che devono prendere i mezzi pubblici per andare a scuola. Valuteremo con le Regioni ma al momento è giusto procedere con le regole già decise”.

Intanto alta è la paura in Europa, Hans Kluge, direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità Europa, afferma: “Hanno perso la vita altre 120mila persone e ci sono stati altri 10 milioni di casi. Entro la fine di questa settimana, una persona su 10 in Europa e Asia centrale risulterà positivo a Covid-19. Mentre la fine dell’anno e le feste natalizie si avvicinano, i decessi dovuti a Covid-19 hanno raggiunto un elevato plateau circa 4.100 morti al giorno, il doppio rispetto ai 2.100 di fine settembre. Il totale delle vittime ha superato 1,5 milioni in 53 Paesi nella nostra Regione appena 2 settimane fa. 

In Italia, dice Brusaferro: “ci sono ancora 6,5 milioni di persone sopra i 12 anni d’età, che non hanno cominciato il ciclo vaccinale, non hanno fatto nemmeno una dose. Molte di questi sono in fascia lavorativa, fra i 30 e i 60 anni. Le coperture più basse si registrano in particolare fra i 30 e i 49 anni, la fascia d’età caratterizzata da una maggior circolazione del virus”.