Entra in contatto con noi

Mercati americani

Crash Dummies: perché le auto autonome hanno rallentato fino allo stallo

Pubblicato

il

Per notizie commerciali ed economiche più nitide e approfondite, iscriviti a Il vantaggio quotidiano notiziario. È completamente gratuito e ti garantiamo che imparerai qualcosa di nuovo ogni giorno.

Tutto era apparentemente normale durante il Ringraziamento sul San Francisco Bay Bridge, la sorella più utilitaria del Golden Gate che collega circa 300.000 automobilisti ogni giorno dalla città a Oakland. Ma intorno alle 12:30, un’auto all’improvviso rallentato fino all’arresto sulla corsia di sinistra, provocando un tamponamento di otto veicoli che ha provocato il ferimento di nove persone, tra cui un bambino di 2 anni, e ha bloccato il traffico sul ponte per oltre un’ora.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Allora, cos’è successo?

Secondo il rapporto della polizia, l’autista aveva utilizzato la nuova funzione “Full Self-Driving” di Tesla, che inspiegabilmente ha attivato i freni del veicolo e lo ha unito alla corsia di sinistra. L’incidente è avvenuto poche ore dopo che Tesla ha lanciato l’aggiornamento Full Self-Driving a oltre 285.000 clienti in Nord America: un aggiornamento di Elon Musk chiamata una “pietra miliare” per l’azienda. Chiaramente, Tesla sta ancora appianando i nodi… sulle strade trafficate.

Oggi ci immergeremo profondamente nello stato dell’industria automobilistica autonoma, cosiddetta a guida autonoma. L’incidente del Ringraziamento è stato un valore anomalo o qualcosa di cui vedremo di più? I sistemi basati su telecamera o i sistemi basati su radar sono superiori? E come viene regolamentato il settore? Ancora più importante, esamineremo perché il sogno di un flusso di traffico completamente autonomo è ancora probabilmente lontano anni, se non decenni, nonostante enormi quantità di finanziamenti, ricerca e sviluppo da parte di alcune delle principali aziende tecnologiche e automobilistiche del mondo.

Advertisement

Quindi assicurati di essere completamente carico, allacciati le cinture e tuffiamoci. E per l’amor del cielo, tieni gli occhi sulla strada.

Regolazione automatica della velocità

A differenza dei cellulari e della posta elettronica, la tecnologia delle auto a guida autonoma rimane un sogno fantascientifico dell’era Jetsons che deve ancora essere pienamente realizzato. L’appello è ovvio: tutto il comfort e la privacy di un veicolo personale con tutti i vantaggi del trasporto pubblico. I pendolari potrebbero diventare il momento per rispondere alle e-mail, leggere un libro o fare un pisolino. I viaggi su strada sarebbero più comodi del volo. E in un ecosistema in cui tutte le auto si guidano completamente da sole, è facile immaginare un mondo in cui i sistemi informatici centralizzati coordinano i viaggi con tale precisione che il traffico non sarebbe quasi mai un problema. Anche incidenti e collisioni che provocano ogni anno 1,3 milioni di vittime in tutto il mondo diventeranno un ricordo del passato.

Questo è il sogno. Siamo arrivati? No.

Accelerare: Il 2016 è stato un anno di svolta per l’industria automobilistica a guida autonoma. Fu allora che Tesla svelò a filmato dimostrativo con le varie straordinarie capacità della tecnologia Autopilot 2.0 dell’azienda. “La persona al posto di guida è lì solo per motivi legali. Non sta facendo nulla. L’auto si guida da sola”, afferma un disclaimer all’inizio del video.

Advertisement

Per quasi quattro minuti, il video ha mostrato una Tesla a guida autonoma che completava senza problemi le svolte, si immetteva sulle strade e navigava nel traffico. “La novità fondamentale è che tutti i veicoli Tesla che escono dalla fabbrica hanno tutto l’hardware necessario per l’autonomia di Livello 5”, dichiarò all’epoca Musk (la Society of Automotive Engineers definisce il Livello 5 come piena automazione della guida).

Improvvisamente, il futuro sembrò arrivare. La prova del concetto di Tesla si è rivelata così impressionante, gli investitori di tutto il settore hanno aumentato l’interesse per lo spazio. Entro il 2021, secondo McKinsey & Co., circa 200 miliardi di dollari sono stati investiti nel finanziamento della tecnologia di guida autonoma. rapporto.

Per Tesla, la tecnologia a guida autonoma lo supererebbe ancora una volta rispetto alle case automobilistiche tradizionali, che stavano conquistando una quota sempre più significativa del mercato dei veicoli elettrici.

Per Google, che ha versato miliardi nella sua filiale a guida autonoma Waymo, l’anticipo ha rappresentato un’opportunità per entrare sia nel settore automobilistico che in quello dei taxi.

Advertisement

Per il distruttore di taxi Uber, che ha flirtato per anni con la tecnologia a guida autonoma, le auto a guida autonoma eliminerebbero il più grande fattore x della sua attività: i conducenti umani e i salari che richiedono. L’intero settore degli autotrasporti e delle spedizioni sta per essere capovolto.

Le opportunità di business sono così vaste – dai semirimorchi a guida autonoma alla consegna dell’ultimo miglio a guida autonoma – un altro recente rapporto di McKinsey stima che il settore potrebbe generare fino a 400 miliardi di dollari di entrate entro il 2035.

Ma i consumatori, per ora, sono ancora più che felici di trascorrere i loro spostamenti ascoltando podcast e Spotify invece di guardare Netflix e Hulu. La domanda di auto a guida autonoma rimane relativamente bassa: solo un intervistato su quattro in un recente sondaggio McKinsey ha dichiarato di essere interessato all’acquisto di un’auto a guida autonoma. Uno dei principali motivi di scetticismo? Sicurezza.

Finora, l’industria non ha fatto molto per guadagnarsi la fiducia del pubblico.

Advertisement

Premi i freni: Con le scuse a Elon Musk e ai suoi più accesi sostenitori, l’importantissimo video di test del 2016 di Tesla non era certo cinema verite:

  • Nel 2021, A New York Times indagine includeva più fonti all’interno di Tesla che affermavano che il percorso intrapreso dall’auto era stato tracciato in anticipo, consentendo all’auto di navigare più facilmente su una mappa digitale tridimensionale non presente nella versione che alla fine sarebbe stata distribuita ai clienti. Fonti hanno affermato che il video ha anche modificato una parte del viaggio in cui la Tesla ha colpito una barriera stradale.
  • Quella NYT l’indagine è stata apparentemente confermata proprio questa settimana. Mercoledì, Reuters ha riferito che Ashok Elluswamy, direttore del software Autopilot di Tesla, ha testimoniato in una deposizione la scorsa estate che il video includeva funzionalità che Autopilot non includeva: piccole cose come fermandosi al semaforo rosso e accelerazione al semaforo verde. Dettagli, dettagli.

Tesla è ora sepolta sotto una montagna di sfide legali relative alla sua tecnologia di guida autonoma, tra cui un’azione legale collettiva per pubblicità ingannevole, un’indagine penale del Dipartimento di giustizia, un’indagine del Dipartimento dei veicoli a motore della California che potrebbe concludersi con la sospensione del licenza dell’azienda per vendere veicoli nello stato e un’indagine della National Highway Traffic Safety Administration che potrebbe portare a richiami diffusi.

Non solo Tesla: Come molti settori tecnologici con promesse di un futuro brillante nonostante la mancanza di una tabella di marcia su come trasformare quei sogni in realtà o di avere un’idea di quanto tempo ci vorrà, l’industria automobilistica autonoma ha visto un boom di finanziamenti durante i primi due anni della pandemia .

Ma con pochi progressi da mostrare, l’industria sta ora subendo un brutale colpo di frusta. In effetti, Musk e la sua azienda sono tutt’altro che gli unici a lottare per decifrare la tecnologia, anche se continuano a fare le promesse più clamorose:

  • Nel 2018, gli analisti hanno stimato che Waymo di Google avesse un valore di mercato di 175 miliardi di dollari. Ma entro il 2021, la società stava completando un round di finanziamento da $ 2,25 miliardi che valutava la società a soli $ 30 miliardi.
  • Cruise, una start-up di tecnologia automobilistica autonoma in gran parte di proprietà di General Motors, ha ottenuto una valutazione di $ 30 miliardi in un round di investimenti nel 2021. Ma quando GM ha acquistato una parte dell’azienda da SoftBank l’anno scorso, quella valutazione era già caduto a soli $ 21 miliardi.
  • Aurora Innovation Inc, una start-up co-fondata da un ex dirigente di veicoli autonomi di Google, ha visto il suo valore di mercato scendere di oltre l’85% tra il 2021 e il 2022 e ora ha un valore inferiore a 3 miliardi di dollari.

Quindi cosa impedisce al settore di raggiungere la massima velocità? I profitti rimangono sfuggenti e il progresso è lento. Mentre gli incidenti sono inevitabili, gli umani – con due occhi, tempi di reazione rapidi e anni di intuizione alla guida – sono guidatori piuttosto forti. Secondo la National Highway Traffic Safety Administration, un singolo incidente mortale si verifica solo una volta ogni 100 milioni di miglia percorse negli Stati Uniti.

Nel frattempo, al momento i robot, sia che si affidino ai sistemi di telecamere preferiti da Tesla o ai sistemi radar e di sensori preferiti dalla maggior parte dei concorrenti, hanno difficoltà a distinguere tra la strada, il cielo e qualsiasi altra cosa possa trovarsi in mezzo. .

Advertisement

“A lungo termine, penso che avremo veicoli autonomi che tu ed io possiamo acquistare”, Mike Ramsey, analista presso il ricercatore di mercato Gartner Inc, detto Bloomberg l’anno scorso. “Ma diventeremo vecchi.”

Per ora, potrebbe essere meglio tenere due occhi sulla strada e due mani sul volante. Non sai mai chi è o non lo è guidando sulla strada intorno a te.

Advertisement

Trending