lunedì 19 aprile 2021

Dalle camicie di lusso alle mascherine e ritorno. Storia di una fabbrica che “torna alla creatività”

AGI – Dopo aver prodotto mascherine in serie per mesi, tornare a cucire camicie di lusso significa tornare alla creatività e alla libertà: un segnale di speranza. “Il 2020 è un anno perso, potrebbe pensare qualcuno. Invece no, quest’anno ci ha insegnato a lavorare meglio, a capire l’importanza di ciò che facciamo, a non dare nulla per scontato”.

A parlare è Cristina Gennaioli, titolare dello stabilimento Gap di Città di Castello, un’azienda tessile specializzata da tre generazioni in camicie per brand di lusso a livello mondiale, che per qualche mese, costretta a mettere in stand by il business principale causa Covid, ha s

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SU AGI

Questo contenuto è di proprietà di AGI
Finanza News 24 non detiene alcun diritto su tale contenuto, ma si limita soltanto a diffonderlo