giovedì 05 agosto 2021

Dalle compagnie di autobus ai distillatori, queste industrie chiedono aiuto a Washington

                         

    Capitol Report   

 

  Addetti alle pulizie, giornali, società finanziarie non bancarie, ristoranti e hotel anche tra i settori che recentemente stanno facendo pressioni per chiedere assistenza

                        

                  

           

Il governo degli Stati Uniti ha visto un diluvio di richieste di aiuti da parte di industrie colpite duramente .

                   Getty Images                                               

         

Molte industrie stanno soffrendo e hanno chiesto aiuto al governo degli Stati Uniti, poiché la pandemia di coronavirus porta a forti tagli nei viaggi, nei pasti, nella pubblicità e in altre spese.

      

Di seguito sono riportate alcune delle ultime richieste delle industrie che stanno facendo pressioni per chiedere aiuto a Washington.

      

Il Congresso e l’amministrazione Trump dovrebbero raggiungere un accordo a maggio o giugno su un altro pacchetto di aiuti dopo aver consegnato la legge CARES da $ 2,2 trilioni a marzo e un $ miliardi di misura in aprile.

      

I due grandi pacchetti di aiuti insieme hanno fornito circa $ 670 miliardi per un programma di prestiti di emergenza per le piccole imprese chiamato Paycheck Protection Program.

             

Distillatori: Il Distillato Spirits Council degli Stati Uniti e altri gruppi correlati in un aprile 16 lettera ha chiesto ai migliori legislatori statunitensi di creare un fondo di stabilizzazione del settore, descrivendolo come un “governo- ampio programma di sovvenzioni che darebbe la priorità al settore degli alcolici delle bevande duramente colpito. ” Le associazioni hanno anche chiesto la sospensione delle accise federali sugli spiriti nazionali e importati, nonché una riduzione delle controversie commerciali con l’Unione europea attraverso la simultanea rimozione delle tariffe sugli alcolici distillati dell’UE e degli Stati Uniti

      

Emittenti e giornali locali: I gruppi commerciali che rappresentano le emittenti locali e i giornali locali chiedono che l’ammissibilità del PPP sia determinata a livello locale “usando un quadro simile” che è stato utilizzato per le catene di ristoranti e hotel, piuttosto che guardando la grande società madre di un media outlet. Le associazioni del settore stanno inoltre chiedendo al Congresso di indirizzare “le attuali campagne pubblicitarie del governo degli Stati Uniti (come quelle che promuovono il censimento) verso i notiziari e i media locali”, oltre a fornire il “Dipartimento della sanità e dei servizi umani, la Small Business Administration e altri agenzie pertinenti con un ulteriore $ 5 [billion] a $ 10 miliardi di finanziamenti diretti per la pubblicità dei media locali. ”

      

Vedi: Ecco perché grandi catene come Shake Shack hanno ottenuto l’aiuto del coronavirus per le piccole imprese

      

E leggi: Il Tesoro offre alle grandi società pubbliche fino al 7 maggio la restituzione di prestiti destinati alle piccole imprese

      

Detergenti professionali: The Cleaning Coalition of America in an April 22 lettera al Congresso chiedeva “fondi aggiuntivi sotto forma di sovvenzioni o crediti d’imposta per mantenere gli addetti alle pulizie professionali sul libro paga in modo che possiamo fare in modo che i luoghi pubblici vengano puliti e pronti per l’uso quotidiano prima della riapertura dell’economia “, affermando che” è preoccupato che molte delle nostre società non possano accedere a prestiti per piccole imprese al fine di prevenire ulteriori furti “. Il gruppo commerciale per le imprese di pulizie professionali ha inoltre richiesto l’accesso prioritario ai dispositivi di protezione individuale, una migliore copertura sanitaria e “una guida normativa ben definita e una chiara supervisione” sulla responsabilità del coronavirus per le aziende.

      

Leggi di più: Il consulente di Trump Kudlow parla della limitazione della responsabilità del coronavirus per le imprese

       

E vedi: McConnell segnala interesse a proteggere i datori di lavoro dal contenzioso contro il coronavirus

      

• Compagnie di autobus: L’industria automobilistica potrebbe ottenere aiuti dopo che due importanti House Democratici hanno chiesto al Dipartimento del Tesoro e alla Federal Reserve in un aprile 24 lettera per “fornire almeno $ 5 miliardi di prestiti a sovra- i vettori di autobus stradali nell’ambito della stabilizzazione economica e assistenza ai settori gravemente in difficoltà del programma di economia degli Stati Uniti del recente atto CARES Act. ”

      

Ristoranti: La National Restaurant Association a metà aprile ha chiesto al Congresso di istituire un “Temporary Emergency $ 240 Miliardi di fondi per il recupero dell’industria alimentare e dei servizi alimentari. ” Separatamente, l’Independent Restaurant Coalition chiede un “fondo di stabilizzazione per ristoranti”.

      

Alberghi: Un gruppo commerciale che rappresenta l’industria alberghiera ha chiesto lunedì ai migliori legislatori statunitensi di aumentare l’importo massimo che gli hotel possono prendere in prestito nel PPP. Le altre modifiche richieste dal gruppo includevano il fatto che gli hotel spendessero solo 50% dei proventi da prestiti PPP sul libro paga, in calo rispetto all’attuale requisito di 75%.

      

Relazionato: Prestiti di emergenza per le piccole imprese “dovuti a zone meno colpite” dal coronavirus

      

E vedi: Mnuchin afferma che gli Stati Uniti controlleranno i prestiti alle piccole imprese superiori a $ 2 milioni

      

Uffici del turismo locale e statale: Anche le organizzazioni di marketing di destinazione vogliono aiuti e potrebbero beneficiare di una lettera di un gruppo di legislatori bipartisan che chiede assistenza per le DMO. “Per garantire che i DMO possano continuare a svolgere il loro cruciale lavoro di guida dei viaggi e del turismo nazionali, ti invitiamo a includerli come entità ammissibili al sostegno federale in programmi come il PPP”, aprile 16 ha detto la lettera. “Inoltre, fornire supporto mirato ai DMO può essere uno strumento potente per generare la spesa interna di cui abbiamo bisogno per rilanciare l’economia.”

      

Società finanziarie non bancarie, compresi i finanziatori di giorno di paga: L’American Financial Services Association, un gruppo commerciale che rappresenta società finanziarie non bancarie come istituti di credito rateali e società di finanziamento auto, ha evidenziato in un post sul blog la scorsa settimana come i suoi alleati in Il Congresso chiede al dipartimento per la gestione e il tesoro delle piccole imprese di consentire alle società finanziarie non bancarie di accedere al PPP. Un gruppo di legislatori bipartisan ha inviato un aprile 16 lettera in cui si chiede ai dipartimenti di “armonizzare le norme e le linee guida applicabili in materia di PPP per garantire ai finanziatori il comfort di cui hanno bisogno per estendere i prestiti di PPP a queste società”. I prestatori di Payday non erano esplicitamente menzionati nella lettera, ma un rapporto del Politico affermava che l’intenzione della lettera era quella di includere tali prestatori nella richiesta.

      

Relazionato: Vuoti la palude? La spesa per le lobby di Washington sale al massimo di 9 anni

      

Camere di commercio regionali e gruppi correlati: Il commercio locale e le associazioni professionali organizzate come 501 (c) 6 gruppi non hanno potuto beneficiare di prestiti PPP, ma potrebbero avere accesso all’aiuto in seguito a una lettera di un gruppo di senatori bipartisan. “Per aiutare i locali 501 (c) 6s incontrano la loro corrente obblighi e continuare ad assistere le piccole imprese nelle nostre comunità, sosteniamo l’espansione dell’accesso al programma di protezione della busta paga nella prossima legislazione “, ha affermato la lettera datata lunedì.

      

Questo rapporto è stato pubblicato per la prima volta ad aprile 23, 2020.

                                            
Articolo originale di Marketwatch.com