Entra in contatto con noi

Mercati americani

Decostruire la General Electric con l'autore William D. Cohan

Pubblicato

il

William D. Cohan è uno dei soci fondatori dell’azienda di notizie digitali Puck e l’autore di Interruzione di corrente: l’ascesa e la caduta di un’icona americana.

Cohan si è recentemente unito al produttore di Motley Fool Ricky Mulvey per discutere:

Delos Gioielli
Delos Gioielli
  • La mitologia dietro General Electricla genesi.
  • Come le aziende lottano duramente con la successione del CEO.
  • Jack Welch e la religione della coerenza dei guadagni.
  • Perché crede a una combinazione tra La scoperta della Warner Bros e NBC Universal è “inevitabile”.

Per catturare gli episodi completi di tutti i podcast gratuiti di The Motley Fool, dai un’occhiata al nostro centro podcast. Per iniziare a investire, dai un’occhiata al nostro guida rapida per investire in azioni. Una trascrizione completa segue il video.

10 azioni che ci piacciono di più di Walmart
Quando il nostro pluripremiato team di analisti ha un suggerimento per gli investimenti, può essere utile ascoltarlo. Dopotutto, la newsletter che gestiscono da oltre un decennio, Motley Fool Stock Advisorha triplicato il mercato.*

Hanno appena rivelato ciò che credono siano i dieci migliori azioni che gli investitori possano comprare in questo momento… e Walmart non era uno di loro! Esatto: pensano che questi 10 titoli siano acquisti ancora migliori.

Advertisement

Vedi i 10 titoli

Stock Advisor torna a partire dal 9 gennaio 2023

Questo video è stato registrato il 22 gennaio 2023

Guglielmo Cohan: Penso che diventi quasi psicologico. O non vogliono scegliere qualcuno come loro successore che li supererà e li farà vedere. Certamente era così, sembrava che fosse così con Bob Iger. Penso che su una base subliminale, potrebbe essere stato anche il caso di Jack Welch.

Advertisement

Chris Hill: Sono Chris Hill, e questo è William Cohan, socio fondatore della società di notizie digitali Puck, autore del libro recentemente pubblicato, Power Failure, The Rise and Fall of an American Icon. Ricky Mulvey ha incontrato Cohan per parlare delle origini della General Electric e di ciò che ha causato la caduta di una delle aziende più potenti d’America. Differenze fondamentali tra gli ex amministratori delegati, Jack Welch e Jeff Immelt, e perché Cohan crede in una fusione tra Warner Brother Discovery e Comcast è inevitabile.

Ricky Mulvy: La General Electric è questa macchina che crea miti. Questa è stata una delle cose fondamentali che ho raccolto dal tuo libro. È nato su un mito del coinvolgimento di Thomas Edison, e forse potrebbe morire, anche su miti come John Flannery e Alastair. Quando facevi ricerche sulla General Electric e nel fare queste interviste, so che hai lavorato lì per un paio d’anni. Ci sono state idee che ritenevi vere che si sono rivelate miti che ti hanno sorpreso nel processo?

Guglielmo Cohan: No, assolutamente. Fin dall’inizio, infatti, è sempre stato martellato non solo nella testa dei dipendenti, ma ovviamente tutti in America sapevano che Thomas Edison era il fondatore di GE. Se vai al centro di ricerca fuori Albany, entri in questo posto incredibilmente grande e l’atrio è pieno di cimeli di Thomas Edison, ma in realtà, ha avuto ben poco a che fare con la fondazione dell’azienda. Era contrario alla fondazione della società e alla fusione che ha creato la società, e ha venduto molto rapidamente le azioni che aveva risultanti dalla fusione, e non è mai stato un dirigente della società. Il primo dirigente era questo ragazzo, Charles Coffin, che era un uomo d’affari piuttosto straordinario e un leader dell’azienda. Questo è solo un esempio.

Ricky Mulvy: Questa società diventa quindi una delle più grandi nella storia americana o diventa la più grande capitalizzazione di mercato all’epoca nel 20 ° secolo, e uno dei suoi principali problemi che molte aziende devono affrontare è trovare un amministratore delegato. Il tuo libro evidenzia lo sfarzo coinvolto nel processo di successione della General Electric. Jack Welch ha dovuto partecipare a un concorso di scrittura di lettere. È stata questa cosa dell’eliminazione in stile reality show in cui l’amministratore delegato dell’epoca, Reg Jones, tiene tutti i contendenti molto vicini. Finisce per rifiutarlo. Nel cercare il suo amministratore delegato forse a suo danno in Jeff Immelt, ma fa comunque in modo che Jeff Immelt dia una proposta di vendita al consiglio. Che si tratti di General Electric o di recente a Disney, hai persone molto intelligenti che conoscono molto bene questi lavori, eppure sembrano avere così tanti problemi a trovare successori per il posto di CEO. Perché pensi che queste persone intelligenti che conoscono bene quel lavoro, abbiano lottato duramente con quel processo?

Advertisement

Guglielmo Cohan: Penso che diventi quasi psicologico. O non vogliono scegliere qualcuno come loro successore che li supererà e li farà vedere. Come certamente è stato. Sembrava che fosse il caso di Bob Iger. Penso che su una base subliminale, potrebbe essere stato anche il caso di Jack Welch. Scegliere qualcuno che a un certo livello pensavano avrebbe fatto un buon lavoro e certamente approvato quando hanno annunciato per la prima volta la scelta, ma forse a un certo livello sapevano che non avrebbero svolto un lavoro particolarmente buono e non avrebbero in qualche modo sostituito la propria prestazione come CEO. Oltre a ciò, le persone sono persone, è difficile sapere come qualcuno si esibirà effettivamente nel lavoro una volta che lo avrà. Le persone a volte sono dei politici molto bravi e molto bravi a succhiare per ottenere ciò che vogliono, e poi quando ottengono effettivamente il lavoro, potrebbero non essere mai stati qualificati per questo.

Ricky Mulvy: Apprezzo il quadro complesso che hai dato a Welch. Penso che gran parte della sua eredità sia stata trasformata in titoli di questo è buono o cattivo quando in realtà è una persona complessa che ha fatto cose terribili. Era abrasivo, era un donnaiolo. Aiuta anche a sviluppare amministratori delegati e ha creato una delle aziende più preziose nella storia americana. Ha anche incoraggiato il disaccordo, le opinioni dissenzienti tra le persone che lavoravano per lui. Perché pensi che così tante delle persone con cui hai parlato si siano davvero divertiti a lavorare con Neutron Jack?

Guglielmo Cohan: Questo è un punto importante. A una persona, tutte le persone con cui ho parlato che erano dirigenti senior di GE hanno davvero apprezzato Jack e l’opportunità che avevano di lavorare per lui, e la sua volontà di ottenere il massimo da loro, di credere in loro e di supportare loro, e per accogliere opinioni dissenzienti, essere un ragazzo divertente con cui stare e dare loro davvero enormi opportunità che non avrebbero avuto altrove. Ora, ovviamente, non ho parlato con le persone che si sentivano tormentate da lui o erano molto più difficili da trovare e non erano in compagnia dopo che se ne era sbarazzato.

Ma anche solo prendendo un esempio da Dave Cody che Jack ha licenziato quando era a capo del business Major Appliance di GE, che era probabilmente il business con le prestazioni peggiori, e che è poi diventato il CEO, il CEO di grande successo di Tesoro. Infatti, a un certo punto, la capitalizzazione di mercato di Honeywell era superiore a quella di GE. Anche Dave Cody, che è stato licenziato da Jack e non capiva perché, lo ha elogiato fino in fondo. Ha generato un’incredibile quantità di lealtà, almeno tra i sopravvissuti e quelli che mi avevano parlato. Chiaramente, le persone che ha insultato o preso in giro o che è stato licenziato all’inizio, probabilmente non hanno molto amore per lui.

Advertisement

Ricky Mulvy: Sì. Bene, una delle più grandi eredità è stata la sua capacità di raggiungere costantemente le stime degli utili che gli analisti di Wall Street direbbero che otterrai x vendite x guadagni e lui ha raggiunto un centesimo con grande coerenza, il capitale di GE è stata una delle leve che è stato in grado di tirare per fare quella piccola domanda in due parti. Apparecchiando la tavola, cosa avrebbe incontrato se la General Electric nell’era di Jack Welch avesse mancato i guadagni per un solo centesimo? Siamo arrivati ​​a un centesimo di guadagno perché, a mio avviso, avrebbe quasi dato alla società quei numeri un po’ più di legittimità. Per dire di no, voi ragazzi eravate fuori di un centesimo, eppure era così importante per Welch all’epoca e per molti amministratori delegati raggiungere costantemente le stime degli utili anche solo di quel singolo centesimo.

Guglielmo Cohan: Sì. Parte di ciò che Jack è stato in grado di fare è creare un culto di Jack tra gli analisti di ricerca di Wall Street. La maggior parte dei quali aveva seguito l’azienda per lungo tempo. Conosceva bene il lato industriale del business, ma non il capitale GE per il lato finanziario del business. Arrivarono a fare affidamento sulla promessa di Jack dei numeri dei guadagni che avrebbe progettato di realizzare ogni trimestre. Lungo la strada, come fai notare, penso che siano stati circa 80 quarti consecutivi. Jack ha colpito quei numeri al centesimo o un centesimo in più, mai in meno, ed è così che GE, che aveva un rating di credito AAA, è stata l’azienda più preziosa al mondo per un periodo di tempo e i guadagni mai persi più rispettati, e Jack sembrava che questa fosse la sua religione in vigore. Se diceva agli analisti cosa avrebbe fatto, aveva intenzione di farlo. Racconta la storia nel suo libro, di cui gli ho chiesto, e ripete la storia nel mio libro. Dopo aver acquistato Kidder Peabody, che si è rivelato un’acquisizione disastrosa, e Kidder ha fatto qualcosa in un trimestre che avrebbe fatto perdere a Jack i suoi numeri.

In realtà è andato dagli altri capi divisione e ha detto, puoi generare, puoi darmi qualcosa in modo che io possa assicurarmi di realizzare questi guadagni e tutti hanno tirato fuori un numero di profitti o un contributo al divario creato da Kidder Peabody per consentire a Jack e GE di fare il numero di quel trimestre, che era una prova prima facie della manipolazione degli utili. Certo, ha cercato di convincermi per tutto il tempo che non l’ha mai fatto, eppure lo ammette nel suo stesso libro che ha fatto pressione su tutti per trovare ciò di cui aveva bisogno. Proprio come ho detto, questa era la sua religione, fare quei numeri ogni trimestre ed è stato molto efficace quando Jack ha rilevato l’azienda. Valeva 12 miliardi nell’agosto del 2000, nove mesi o 11 mesi circa prima che se ne andasse. La società valeva 650 miliardi. Questo è un bel aumento di valore e questo è fondamentalmente il lavoro del CEO è fare quella cosa.

Ricky Mulvy: Per apparecchiare un po’ la tavola, Kidder, Peabody era una banca d’investimento di Wall Street che quando è entrato a far parte di GE, c’è stato un grave scontro culturale tra la gente della General Electric Capital e la Kidder, gente della banca d’investimento Peabody. Sia Immelt che Welch hanno utilizzato GE Capital per quanto ne so, potrei sbagliarmi completamente, è un negozio di dolciumi che ha raggiunto molti numeri di guadagni. Nel caso di Immelt, si è dato aspettative forse più elevate, questo mantra di guadagni per azione di due dollari e Welch ha raggiunto costantemente quei numeri di guadagni. In che modo entrambi hanno usato GE Capital, quel negozio di caramelle per raggiungere i numeri degli utili e pensi che Welch sia stato più bravo nella manipolazione o Immelt sia stato sfortunato?

Advertisement

Guglielmo Cohan: Jack, prima di diventare amministratore delegato, uno dei suoi ultimi test era assumere la direzione di GE Capital. Jack non aveva un background finanziario. Era un ingegnere e gestiva la divisione materie plastiche e rese la divisione materie plastiche di GE incredibilmente commerciale e incredibilmente redditizia. Ma ha preso GE Capital come un’anatra all’acqua. Ha davvero apprezzato questa capacità di arbitraggio, il rating di credito AAA di GE, che ha consentito a GE Capital di prendere in prestito molto a buon mercato nei mercati della carta commerciale e quindi prestare a clienti e clienti in modo piuttosto esteso. Quando ero lì, finanziavo acquirenti con leva finanziaria e ricevevamo continuamente lamentele dai clienti che stavamo addebitando più di Wall Street e altre banche. Eravamo così costosi, ma in realtà, penso che quello che stavamo facendo in realtà fosse addebitare in modo appropriato i rischi che stavamo correndo.

Ma Jack l’ha davvero messo in una macchina ben oliata. Ho anche trascorso un anno lavorando per il Chief Credit Officer di GE Capital. Ho visto tutte le aziende di GE Capital e come hanno generato un’incredibile quantità di guadagni e quanto sono state davvero intelligenti sotto Gary Wendt per diventare una macchina da guadagno. Nel corso del tempo, GE Capital è diventata l’attività più importante di GE, che la maggior parte delle persone non ha riconosciuto o realizzato il 40 percento dei guadagni sotto Immelt, era il 50 percento dei guadagni. Ora, quando Jack lo passò a Jeff Immelt, GE Capital generava tra il 40 e il 50 percento dei guadagni di GE ed era una macchina ben oliata. Prima sotto Gary Wendt e poi sotto Dennis Nadan. Ma Jeff Immelt è stato in parte sfortunato perché, ovviamente, ha iniziato come amministratore delegato.

Il suo primo giorno in ufficio è stato il 10 settembre. 2001 e il giorno successivo, ovviamente, era l’11 settembre e lui era a Seattle e ovviamente il mondo è cambiato, GE ha creato i motori di quei jet, avevano riassicurato gli edifici del World Financial Center. NBC di proprietà, che è rimasta senza pubblicità per almeno una settimana dopo l’11 settembre, costando alla società centinaia di milioni di dollari di entrate e, naturalmente, ci sono stati gli scandali che hanno coinvolto grandi aziende come Enron e WorldCom che hanno portato al Sarbanes-Oxley Act in fase di approvazione, che era molto più rigorosa e richiedeva agli amministratori delegati di firmare i rendiconti finanziari. Tuttavia, durante tutto ciò, GE Capital ha continuato a esibirsi e penso solo che Jeff non capisse GE Capital così bene come Jack e non comprendesse anche i rischi e non avesse la stessa squadra al posto di Jack ha fatto, e quando è arrivata la crisi finanziaria del 2008, la gente non se ne è resa conto in quel momento perché tutti erano concentrati su quello che stava succedendo a Wall Street, che era ovviamente un tracollo, ma anche GE Capital è crollato.

Ma a differenza delle banche di Wall Street, non era regolamentata dalla Fed o non era regolamentata allo stesso modo dalla SEC. Fondamentalmente, Jeff Immelt doveva andare mano nella mano con Hank Paulson, il segretario al Tesoro, e Sheila Bear, il capo della FDIC per essere incluso nelle varie linee di credito che venivano messe a disposizione delle banche in modo che GE Capital non essere in svantaggio rispetto alle altre banche. In sostanza, semplicemente non gli piaceva il prezzo che doveva pagare per quella protezione e per evitare che GE Capital fallisse, cosa che sarebbe accaduta.

Advertisement

Quando GE Capital è diventata una SIFI, un’istituzione finanziaria di importanza sistemica, Jeff Immelt lo odiava ancora di più e alla fine ha preso la decisione di vendere GE Capital, che tornando ai tuoi due dollari per proclamazione di azioni che continuava a fare, che avrebbero fatto nel 2018. A quel punto aveva venduto GE Capital e riacquistato utilizzando i proventi, aveva riacquistato circa 35 miliardi di azioni GE a un prezzo elevato e non avrebbe mai potuto fare quei due dollari per numero di azione, anche se continuava a prometterlo più e più volte e la gente gli ha detto che non ce l’avrebbero fatta, ma lui ha insistito sul fatto che lo erano ed essenzialmente questo è ciò che gli è costato il lavoro.

Ricky Mulvy: Parlando di Jeff Immelt per un po’ perché c’è un fantastico aneddoto nella storia in cui ha la guardia di sicurezza di nome Ed Galanek e ciò costringe essenzialmente la scalata guidata del Monte Kilimangiaro con loro. Penso che questo sia illustrativo del modo in cui gestiva GE, essenzialmente non ascoltando gli altri anche in circostanze molto gravi, e essenzialmente ascoltando solo opinioni che affermavano le sue. Ed Galanek era, lo descrivi come un duro East Coaster che non aveva affari a scalare una montagna e dice persino di sciogliere la citazione, e sto per parafrasare, penso che sia davvero ingiusto uccidermi solo per avere un gesto di corte salire un montagna. Vale a dire, hai passato del tempo con Jeff Immelt? Hai avuto la possibilità di chiedergli la sua versione della storia su questo o eri comprensibilmente concentrato su altre cose?

Guglielmo Cohan: Ero concentrato su molte, molte altre cose, ma ovviamente gli ho chiesto del viaggio sul Kilimangiaro e non voleva parlarne. Quella era una cosa per qualche motivo di cui non voleva parlare. Forse perché sapeva o forse non sapeva quello che Ed Galanek poteva dirmi e comunque, parlare con Ed Galanek è stata una serendipità totale perché si è scoperto che dopo che Ed Galanek stava lavorando direttamente per Jeff come capo della sicurezza, quando io l’ho incontrato, stava lavorando alla porta di sicurezza della CNBC a Times Square.

Quando sarei andato alla CNBC, Ed Galanek, sarebbe stato il ragazzo che mi avrebbe fatto entrare e alla fine ha capito che ero io a scrivere questo libro su GE. Continuava a prendermi da parte e non vedeva l’ora di raccontarmi tutte queste varie storie di cui era registrato nel libro, inclusa la storia del Kilimangiaro, che penso sia la storia più rivelatrice, come hai detto tu, su Jeff e costringendo il povero Ed Galanek a frequentare la scuola. Jeff si era allenato perché questa era la laurea di sua figlia al desiderio del college. Ha detto, mi sono preoccupato per GE. Probabilmente non sono stato il padre migliore. Ti sei laureato al college, cosa vuoi fare? Farò tutto quello che vuoi, andrò ovunque tu voglia.

Advertisement

Ha detto, voglio scalare il Kilimangiaro. Lei si era allenata e la nostra amica che era venuta con loro e si era allenata e Jeff si era allenato come si può per scalare una montagna, ma Ed Galanek non poteva allenarsi e non voleva andare e Jeff li costrinse ad andare. Letteralmente, penso che abbia quasi ucciso Ed Galanek. Era molto bonario quando me ne parlò. Pensava che fosse come un’allodola anche se era molto pericoloso per lui e non è nemmeno mai arrivato in cima perché doveva tornare indietro. Non riuscivo a credere che Jeff avesse forzato questo e, naturalmente, Jeff non voleva parlarne perché sapeva che quello che aveva fatto era oltre i limiti.

Ricky Mulvy: Uno degli affari più famosi di Immelt era la vendita di NBC Universal, e Immelt lo descrisse come un lusso che non poteva più permettersi. Non so se sono necessariamente d’accordo con questo. Ma una delle cose che stanno succedendo è che la NBC Universal si sta preparando per essere venduta, era che avrebbero fatto questi tagli casuali alla programmazione e ai contenuti. Dobbiamo ottenere X o com’è stato? $ 100 milioni di spese prima della fine dell’anno e poi riposizioneremo questo programma di produzione per adattarlo meglio alla nostra gestione delle spese. Ora potresti vedere una situazione simile alla Warner Brother Discovery, dove la società sta tagliando e bruciando contenuti. Hai alcuni dei giocatori simili a David Zaslav che gestiscono la Warner Brother Discovery. Il tuo studio della storia della NBC Universal ha influenzato il tuo punto di vista che forse la Warner Brother Discovery potrebbe essere preparata per essere venduta o unita in un’altra società.

Guglielmo Cohan: Beh, l’ho scritto regolarmente sulla mia sensazione che NBC Universal, che ora è di proprietà di Comcast e Warner Brother Discovery, che è ovviamente gestita da David Zaslav in una società pubblica, hanno bisogno l’uno dell’altro e sono entrambi sottodimensionati rispetto a Disney e alle minacce poste al loro modello di business da Amazzonia e Mela, che ovviamente sono società molto più grandi, capitalizzate, molto più grandi. Ho sostenuto negli ultimi sei mesi o giù di lì l’inevitabile combinazione tra NBC Universal e Warner Brother Discovery, ovviamente, le persone di quelle aziende fanno cacca in questo momento perché ovviamente devono, a causa delle regole che hanno permesso La Warner Brothers ha scoperto che è stata costituita in primo luogo secondo le regole del Reverse Morris Trust e in base a tali regole non può esserci un cambio di proprietà o un cambio di struttura per due anni.

Ciò lo metterebbe al 20-24 aprile. Tuttavia, non c’è dubbio che abbiano bisogno l’uno dell’altro e sospetto che a un certo punto presto queste discussioni inizieranno se non sono già iniziate, anche se non ci sarà alcun annuncio per un po’ di tempo. Ci vuole molto tempo per capire la struttura di quel tipo di combinazione complicata e anche qualsiasi approvazione normativa richiederebbe molto tempo. Sospetto che accadrà. David Zaslav è davvero un pioniere nel settore dei cavi e, credo, ha fatto un buon lavoro guidando la scoperta.

Advertisement

Probabilmente è stato deriso un po’ dal AT&T gente che ha caricato la Warner Brother Discovery con un debito di 55 miliardi di dollari, che era il prezzo di ammissione per David Zaslav per ottenere il controllo della Old Time Warner e poi ora deve convivere con quel fardello. Penso che sia per questo che sta tagliando e bruciando, tagliando e bruciando nel miglior modo possibile per assicurarsi che l’EBITDA per Warner Brother Discovery sia quello che sta dicendo alla strada. La buona notizia è che dopo un 2022 piuttosto brutto o il titolo è sceso di qualcosa come il 60 percento. Finora quest’anno si parte per le gare, l’ultima volta che ho controllato era aumentato del 18 percento. Ma penso che la combinazione dei due sia praticamente inevitabile anche se potrei essere tra solo una manciata di persone che lo crede al momento.

Ricky Mulvy: Le aziende non devono necessariamente fondersi. Possono esistere, vivere e morire da soli. Cosa lo rende inevitabile?

Guglielmo Cohan: Bene, ciò che penso lo renda inevitabile è solo il panorama competitivo e le ambizioni delle persone coinvolte. Brian Roberts è sempre stato ambizioso per Comcast per renderlo grande quanto è, un’azienda del valore di mercato di 200 miliardi di dollari. Ma penso che abbia chiaramente ottenuto NBC Universal a un prezzo d’occasione da GE. Jeff In-Mold l’ha venduto senza un’asta. Subito dopo la crisi finanziaria del 2009. A un certo punto prima della pandemia, quell’affare valeva probabilmente circa 100 miliardi. La pandemia è stata dura sulla TV lineare e quei numeri sono in calo. Sono sicuro che Brian Roberts sia abbastanza intelligente da sapere che NBC Universal non è più una dimensione in cui può competere efficacemente con Disney, Apple o Amazon e il business dello streaming gli sta costando un sacco di soldi.

Inoltre, la Warner Brother Discovery è sovvenzionata e ha molte ottime risorse. Ma troppo debito mi dicevamo di lottare sulla linea EBITDA e ha i suoi costi legati al business dello streaming. La combinazione dei due creerebbe un concorrente della major league per Disney, Apple e Amazon e aiuterebbe a distribuire quel debito su più attività e più flusso di cassa. Potrebbe significare che, ovviamente, Comcast deve controllarne il 51 percento perché penso che Brian Roberts vorrebbe avere almeno il controllo della proprietà come ha fatto durante la prima fase dell’accordo con la NBC Universal. Ma penso che ci fosse un accordo che potrebbe essere fatto che consentirebbe a David Zaslav di dirigere la società combinata, che è, penso, il suo obiettivo. Penso che sia un modo per rendere tutto utile e fare un concorrente di major league per la Disney.

Advertisement

Ricky Mulvy: Apprezzo il tuo punto di vista su questo. Man mano che ci avviciniamo alla fine della conversazione, torniamo alla General Electric. Hai descritto che il tuo libro è un’autopsia aziendale. Hai un’ora della morte? Ci sono molte ragioni per puntare il dito e quelle possono essere trovate nelle pagine, ma hai un’ora della morte per i tuoi op top aziendali, hai la General Electric?

Guglielmo Cohan: Penso che ci siano stati diversi momenti importanti in cui è iniziata la spirale della morte. Tra loro. La decisione di vendere NBCU nel 2009 senza un’asta per un totale di circa $ 30 miliardi a Comcast era la numero 1. La numero 2 è stata la decisione di acquistare Alstom e pagarla selvaggiamente più del dovuto quando in realtà, Jeff probabilmente avrebbe potuto uscire dall’accordo e ha scelto di non farlo e ha scelto di chiudere l’affare. Quello era il numero due. La numero tre è stata la decisione di vendere GE Capital e di annunciare che lo stai facendo così nuovi acquirenti, che dovevi venderlo e probabilmente sei stato preso in tasca da alcuni acquirenti intelligenti come Pietra nera e Well Fargo.

Il numero quattro stava portando Nelson Peltz per cercare di collaborare come hedge fund, un’idea di adeguamento di un hedge fund attivista avrebbe ratificato la sua brillante ricreazione dell’azienda e, naturalmente, con Nelson Peltz, non c’è un tale affare. Quando fu chiaro che non avrebbe raggiunto questi due dollari per azione, quella fu la fine di Jeff e francamente la fine dell’azienda perché, come John Flannery, subentrato a Jeff Immelt, scoprì rapidamente che c’erano bombe a orologeria nascoste che Jeff non si era davvero rivolto, diciamo, a cui John Flannery doveva rivolgersi e annunciare. L’ora della morte è stata probabilmente quando Jeff Immelt è stato licenziato nel giugno del 2017, immagino. Quella fu probabilmente la fine, anche se ci vollero ancora alcuni anni prima che la spina venisse finalmente staccata. È praticamente in hospice da giugno 2017 in poi.

Ricky Mulvy: William Cohan, autore di Power Failure: The Rise and Fall of an American Icon. Fondatore anche di Puck. Grazie mille per esserti unito a noi su Motley Fool Money. Apprezzo il tuo tempo e consiglio il libro. È una storia completa e coinvolgente di una delle icone più potenti della storia americana.

Advertisement

Guglielmo Cohan: Grazie mille per avermi ospitato.

Chris Hill: Come sempre, le persone nel programma potrebbero essere interessate alle azioni di cui parlano e il Motley Fool potrebbe avere raccomandazioni formali a favore o contro, quindi non acquistare o vendere azioni basandosi esclusivamente su ciò che senti. Sono Chris Hill. Grazie per aver ascoltato. Ci vediamo domani.

Wells Fargo è un partner pubblicitario di The Ascent, una società Motley Fool. John Mackey, ex CEO di Whole Foods Market, una sussidiaria di Amazon, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Chris Hill ha posizioni in Amazon.com, Apple e Walt Disney. Ri cky Mulvey ha posizioni in Walt Disney. The Motley Fool ha posizioni e raccomanda Amazon.com, Apple, Blackstone e Walt Disney. The Motley Fool consiglia Comcast e Warner Bros. Discovery e consiglia le seguenti opzioni: chiamate lunghe da $ 145 di gennaio 2024 su Walt Disney, chiamate lunghe da $ 120 di marzo 2023 su Apple, chiamate brevi da $ 155 di gennaio 2024 su Walt Disney e chiamate brevi da $ 130 di marzo 2023 su Apple . Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement
Advertisement

Trending