mercoledì 21 aprile 2021

Dopo il crollo della Lira Turca tutti a cercare Bitcoin

Il crollo della lira turca ha portato a un forte aumento delle ricerche per la parola “bitcoin” in Turchia.

Non è la prima volta che accade qualcosa del genere, ma in questo caso il salto è stato abbastanza grande da far parlare molti analisti di un boom nelle ricerche per la parola bitcoin. La coincidenza dei due eventi è sorprendente. Quando la lira turca è scesa al suo minimo di cambio rispetto al dollaro in seguito alla decisione del presidente Erdogan di dare l’approvazione del governatore della banca centrale Nachi Agbal, figura chiave per recuperare la lira dai minimi storici, Google cerca bitcoin nell’area geografica della Turchia.

Tutto ciò non è chiaramente una coincidenza, ma un riflesso dell’umore speciale degli investitori turchi (e non solo). Secondo BBC News, la decisione di Erdogan di rimuovere il governatore ha spaventato gli investitori nazionali e stranieri. I primi sono letteralmente fuggiti dal mercato Forex, abbandonando le loro posizioni nella lira turca e cercando alternative più interessanti. È in questo contesto che è maturato il boom della ricerca per la parola chiave “bitcoin” nei principali motori di ricerca.

Il rally è stato davvero impressionante

Google Trends ha mostrato il volume di ricerca per il territorio turco doppio rispetto a quello registrato durante la corsa al rialzo del bitcoin 2017-2018. Uno spostamento immediato dell’interesse degli investitori turchi dal Forex al bitcoin è stato mitigato dalla capacità di investire in entrambi i mercati da un’unica piattaforma. L’interesse per bitcoin in Turchia è molto alto.

Come alcuni esperti hanno giustamente sottolineato, il numero di richieste di Bitcoin è salito alle stelle. “In Turchia, quando la Luira turca è scesa al livello più basso all’incrocio con il dollaro USA, non è stato un evento improvviso. In effetti, l’interesse per le criptovalute nel paese della Mezzaluna Rossa è stato molto alto da tempo. Infatti, solo poche settimane fa, il ministro delle finanze turco ha annunciato che il suo dipartimento avrebbe collaborato con la banca centrale e vari regolatori per definire un protocollo con linee guida chiare per l’uso delle criptovalute.

A questo proposito, il ministero ha affermato di condividere la crescente preoccupazione espressa dai governi e dalle autorità di regolamentazione sulle criptovalute. Ecco un interessante estratto da un comunicato stampa diffuso dal ministero delle Finanze turco: “Il nostro ministero sta seguendo da vicino lo sviluppo e la situazione delle criptovalute in Turchia”. Il prezzo del bitcoin è sceso oggi, ma Bobby Lee è ottimista.

Il fatto che ci sia un boom nelle ricerche per il termine bitcoin in Turchia, così come il valore della lira turca è precipitato rispetto al dollaro, non significa che il prezzo del bitcoin sia diminuito. crescita registrata. Infatti, per la precisione, il prezzo del bitcoin nelle scorse ore è apparso nettamente debole con prezzi che si sono allontanati dai 60K $. Tuttavia, nonostante questo calo, le prospettive rimangono ottimistiche. Secondo Bobby Lee, fratello di Charlie Lee di Litecoin, il valore di BTC potrebbe presto raggiungere i 300.000 dollari, raggiungendo così il picco più alto nell’attuale corsa al rialzo che la criptovaluta sta vivendo.

In un’intervista pubblicata su CNBC, il noto uomo d’affari ha affermato che i cicli rialzisti nel mercato dei bitcoin si verificano ogni quattro anni, e questo è uno dei più grandi. Alla luce di questa ipotesi, non si può escludere che il prezzo dei bitcoin possa raggiungere i 100.000 $ entro l’estate. Analizzando gli schemi che Bitcoin ha sempre seguito storicamente, la regina delle criptovalute potrebbe salire fino a $ 300.000, ma si prevede che ci potrebbe essere una recessione molto forte in seguito con un crollo dei prezzi.