lunedì 26 ottobre 2020

Dopo un folle 12 mesi, l’S & P 500 sta tornando al punto di partenza

A vertiginoso 12 – il periodo di un mese nei mercati ha visto minacce da una guerra commerciale, un rallentamento economico globale o persino una recessione e, oh sì, una pandemia globale senza pari in un secolo, il tutto equivalente a un tutto molto, almeno per le azioni di grandi società statunitensi.

Durante il periodo, il S&P è leggermente cambiato – in calo di circa l’1% nel trading di lunedì – nonostante una serie di minacce ciò ha incluso anche sconvolgimenti politici e la fine della manifestazione più lunga della storia degli Stati Uniti. La somma dell’anno è stata il risultato di una graduale ascesa al record di febbraio 19, seguito dalla diapositiva più veloce nella storia del mercato, quindi da un 28% di rimbalzo.

Le misure di altri mercati non sono state così fortunate.

Il Russell 2000 , che è costituito da società più piccole, è di circa 19%. Un fondo negoziato in borsa che segue i mercati delle economie emergenti come Cina, India e Brasile, è disattivato 20%, mentre un altro ETF che segue titoli internazionali è caduto più di 12%. Anche l’indicatore del mercato preferito di Main Street, il Dow Jones Industrial Average , è in calo di più di 10% durante l’ultimo anno.

Esistono molteplici possibili spiegazioni per lo S&P 500 La sovraperformance: lo status degli Stati Uniti come il miglior posto in un cattivo clima di investimenti, una pletora di sostegno politico che non è stato eguagliato altrove e le speranze che il

La crisi del coronavirus , mentre è ancora paralizzante, ha superato il suo punto peggiore.

“Le grandi società pubbliche statunitensi sono meglio isolato dalla dislocazione economica rispetto alle imprese più piccole (Russell) o europee / asiatiche che devono fare affidamento su mercati dei capitali meno liquidi e sistemi bancari non capitalizzati “, ha affermato Nicholas Colas, co-fondatore di DataTrek Research, nella sua nota di mercato quotidiana

“La linea di fondo: tanto quanto lo stimolo fiscale / monetario ha un posto privilegiato nello spiegare i prezzi delle attività, quella marea crescente non ha sollevato tutte le barche allo stesso modo. Continuiamo (come abbiamo fatto da 2017) a raccomandare titoli statunitensi a grande capitalizzazione rispetto ad altre classi di attività azionarie, “Colas aggiunto.

La tecnologia ha fatto la differenza

Dal punto di vista della meccanica di mercato, la sovraperformance dei nomi delle grandi tecnologie è stata una grande spinta per l’S & P 500.

I più grandi motori dell’indice in 2020 sono stati Amazon (30%), Microsoft (10%) e Netflix (33%) The S&P 500 è ponderato per la capitalizzazione, il che significa che maggiore è la capitalizzazione di mercato di un’azienda, maggiore è l’influenza che avrà sul prezzo dell’indice. Pertanto, anche se Microsoft ha guadagnato meno di Netflix, ha spostato l’indice di più perché è una compagnia molto più grande.

Le azioni tecniche sul saldo sono la maggiore influenza sull’indice, tenendo conto di 25% del limite totale. Le scorte sanitarie rappresentano la seconda influenza maggiore a 16 %.

A dire il vero, il movimento totale dei prezzi nell’ultimo anno non è affatto indicativo di come si è comportato il mercato.

Il Indice di volatilità di Cboe , che utilizza opzioni per valutare la paura del mercato, ha raggiunto il suo massimo storico a metà marzo, più o meno nello stesso periodo in cui 11 – il mercato toro dell’anno si è fermato. Da allora, il mercato è diventato meno spaventoso, anche se la diapositiva di lunedì ha mostrato che c’è ancora molta volatilità in giro.

Dopo tutto, l’S & P 500 è ancora in calo 15% dal suo massimo storico e affronta un rischio orribile nel titolo sotto forma di la disoccupazione forse più alta di quanto la nazione abbia mai visto , un mercato immobiliare in bilico sull’orlo del baratro e un cammino incerto per il coronavirus.

“La linea di fondo è che dato che stiamo affrontando la recessione più profonda e il più alto tasso di disoccupazione dopo la guerra, e le azioni non erano esattamente a buon mercato prima che il virus colpisse, riteniamo improbabile che riusciremo a cavalcare” solo “un [15%] nell’S & P “, ha scritto Inigo Fraser Jenkins, co-responsabile della strategia di portafoglio presso Bernstein Research. “Riteniamo di dover affrontare un periodo prolungato di maggiore volatilità e riteniamo anche molto probabile che assisteremo a un ritiro nel breve termine man mano che le difficoltà di uscire dal blocco (o il rischio di una reimposizione del blocco) diventano evidenti. “

Fraser Jenkins attribuisce il recente raduno a tre fattori: il passaggio della” massima incertezza “sul virus, l’enorme risposta politica della Federal Reserve e del Congresso e la continuazione di la TINA – Non vi è alternativa – il commercio che ha ripetutamente potenziato le azioni statunitensi attraverso patch globali.

“A medio termine siamo più costruttivi e pensiamo che le azioni e l’oro siano i due migliori classi di attività da detenere “, ha aggiunto. “La tempistica tattica dell’esposizione al rischio non è probabilmente possibile, quindi, anche se siamo sospettosi del rally, riteniamo che gli investitori dovrebbero prendere in considerazione un approccio graduale all’acquisto di attività a rischio.”

Allo stesso modo, Goldman Lo stratega di Sachs Alessio Rizzi ha detto che una potenziale svolta dell’angolo sui casi di coronavirus accoppiata a un massiccio allentamento fiscale e monetario sta aiutando, e ha avvertito di adottare un approccio troppo “rischioso” adesso.

“Anche se riteniamo che i recenti sviluppi supportino la recente mossa risk-on, i prezzi più costruttivi della crescita e dei rischi abbassano il livello delle delusioni”, ha detto.

Correzione: il 11 – il mercato toro dell’anno si è arrestato a metà marzo. Una versione precedente riportava erroneamente l’era del mercato toro.

Articolo originale di CNBC