Entra in contatto con noi

Lifestyle

Dormi le giuste ore ma non sono mai riposato? Scopri il perché

Pubblicato

il

Nonostante tu dorma dalle sette alle otto ore quasi ogni notte ti senti ancora irrequieto per tutta la mattina o anche per la maggior parte della giornata. Scopri il perché ?

Le cause della stanchezza anche dopo lunghe ore di riposo

Questa discrepanza è spesso dovuta a un accresciuto stato di inerzia del sonno, un processo circadiano che modula la memoria, l’umore, il tempo di reazione e la prontezza al risveglio, secondo uno studio del 2015. Alcune persone sperimentano prestazioni ridotte e intontimento in questo periodo dopo aver spento per la prima volta l’allarme. Gli effetti dell’inerzia del sonno di solito scompaiono dopo 15-60 minuti, ma possono durare fino a poche ore.

Una quantità di sonno che sembra sufficiente potrebbe non essere di qualità

L’inerzia del sonno compromette abilità cognitive più sofisticate come il pensiero valutativo, il processo decisionale, la creatività e l’uso delle regole e peggiora quanto più una persona è privata del sonno. Ma anche se il tuo lavoro non è salvare vite o guidare un camion durante la notte, sperimentare l’inerzia del sonno per ore può comunque influire sulla qualità della tua vita. Ci sono altri fattori più facilmente modificabili che potrebbero interferire con i processi di ripristino e recupero, come il consolidamento della memoria, la regolazione ormonale e la regolazione o elaborazione emotiva, che devono avvenire durante il sonno.

1. Fatica

Ci sono molte condizioni che causano affaticamento, ma non fanno necessariamente sentire le persone pronte ad addormentarsi.
Questi possono includere condizioni di dolore cronico, condizioni metaboliche o tiroidee, anemia e broncopneumopatia cronica ostruttiva. Se ti senti affaticato inspiegabile, “un primo passo importante potrebbe essere solo un esame fisico di routine con il tuo medico di famiglia”.

Advertisement

Inoltre, la National Sleep Foundation ha affermato che gli adulti sani hanno bisogno di sette-nove ore di sonno ogni notte, quindi potresti aver bisogno di più di otto ore di sonno per sentirsi energizzato. Potresti provare ad andare a dormire un’ora prima o svegliarti un’ora più tardi del solito e vedere se questo fa la differenza.

2. Stile di vita sedentario

Se sei sedentario, il tuo corpo può abituarsi a dover spendere solo bassi livelli di energia, quindi potresti sentirti più stanco di quanto dovresti quando provi a svolgere le attività quotidiane di base, ha detto Martin.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato agli adulti di svolgere almeno 150 minuti (2 ore e 1/2) di attività fisica da moderata a vigorosa alla settimana, mentre le persone in gravidanza dovrebbero fare almeno 150 minuti di esercizi aerobici moderati e di rafforzamento alla settimana.

3. Ansia o depressione

Avere ansia o depressione può essere energeticamente faticoso. Queste condizioni possono anche influenzare negativamente il tempo necessario per addormentarsi, nonché se (e quante volte) ci si sveglia durante la notte, ha aggiunto. E a volte i farmaci usati per trattare la depressione o l’ansia possono avere effetti collaterali come l’insonnia o bloccare le fasi più profonde del sonno.

4. Sonno incoerente

A volte i nostri orari differiscono nei giorni feriali rispetto ai fine settimana. Gli orari possono variare anche per le persone con lavori a turni. “Una pratica molto comune sarebbe dire: ‘OK, beh, è ​​venerdì sera. Non devo lavorare domani mattina, quindi posso stare sveglio un po’ più tardi, ‘” disse Barnes. Forse stai sveglio anche più tardi il sabato sera, dato che non devi nemmeno lavorare la domenica, poi vai a letto prima la domenica prima della settimana lavorativa.
Ma a questo punto, hai già aggiustato il tuo programma del sonno di un paio d’ore in un breve periodo di tempo. “Questo è molto simile al jet lag”, ha detto Barnes. “Quel rapido ripristino non funziona molto bene.”

Advertisement

5. Disidratazione

Più del 50% del tuo corpo è fatto di acqua, che è necessaria per molteplici funzioni, tra cui la digestione del cibo, la creazione di ormoni e neurotrasmettitori e la fornitura di ossigeno in tutto il corpo, secondo la Cleveland Clinic. Essere disidratati è stato collegato a una diminuzione della vigilanza e a un aumento della sonnolenza e dell’affaticamento.
L’Istituto di Medicina raccomanda alle donne di consumare 2,7 litri (91 once) di liquidi al giorno e agli uomini 3,7 litri (125 once) al giorno. Questa raccomandazione include tutti i liquidi e gli alimenti ricchi di acqua come frutta, verdura e zuppe. Poiché il rapporto medio di assunzione di acqua tra liquidi e alimenti è di circa 80:20, ciò equivale a una quantità giornaliera di 9 tazze per le donne e 12 per gli uomini.

Advertisement