venerdì 27 novembre 2020

Dow Jones News: Apple ammicca ad Intel

      

                

        

  

  

                                         

                                     

                                                                                          

Secondo quanto riferito, Apple dovrebbe lanciare un computer Mac alimentato da un chip locale il prossimo anno e Intel riferirà i suoi risultati dopo la chiusura del mercato.                             

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Un’altra settimana di elevate richieste di sussidi di disoccupazione non è riuscita a fermare la Dow Jones Industrial Average (DJINDICES : ^ DJI) dall’innalzamento di giovedì. Il Dow è aumentato dell’1,2% a pm EDT nonostante un altro 4. 28 milioni di americani che hanno presentato domanda di disoccupazione la scorsa settimana. Il numero totale di affermazioni nelle ultime cinque settimane è ora sorprendente 26.5 milioni.

Mela (NASDAQ: AAPL) lo stock si è spostato più in alto giovedì, mentre Intel (NASDAQ: INTC) stock leggermente intinto. Un rapporto indica che Apple lancerà il primo computer Mac alimentato dal proprio chip l’anno prossimo, riducendo la sua dipendenza da Intel. Quella notizia non ha avuto molto effetto sulle azioni Intel mentre il gigante dei chip si prepara a riportare i suoi risultati trimestrali dopo la chiusura del mercato.

I Mac con chip progettati da Apple stanno arrivando

Apple ha da tempo progettato i propri processori, basati sull’architettura ARM, per i suoi iPhone e iPad. L’ultimo A di Apple 11 Chip bionico, presente in iPhone 11 così come il nuovo iPhone SE, viene fornito con sei core ed è 30% più efficiente dal punto di vista energetico rispetto al suo predecessore.

Mentre i chip basati su ARM alimentano quasi tutti i dispositivi mobili, il mercato dei PC è dominato dalla x 86 architettura. Microsoft Windows gira su x 52 chip da Intel o Advanced Micro Devices e i tentativi di immettere sul mercato PC basati su ARM negli ultimi anni hanno mostrato scarso successo. Parte del problema: qualsiasi software scritto per un x 52 – La piattaforma basata deve essere ricompilata o emulata. La prima opzione mette a dura prova gli sviluppatori, mentre la seconda ha un impatto negativo sulle prestazioni.

Fonte immagine: Apple.

Questa mancata corrispondenza dell’architettura tra dispositivi mobili e PC è uno dei motivi per cui Apple utilizza ancora i chip Intel per alimentare i propri computer Mac. Tuttavia, secondo quanto riferito, la società ora dovrebbe lanciare il suo primo Mac basato su ARM in 2021, iniziando a spostarsi da Intel. Bloomberg ha riferito giovedì che Apple ha in programma di debuttare il prossimo anno almeno un Mac alimentato dal proprio chip, basato sull’imminente A 14 chip che alimenterà il prossimo iPhone.

I nuovi Mac eseguiranno ancora il sistema operativo macOS di Apple e la società sta lavorando a strumenti che consentono alle app sviluppate per Mac basati su Intel di funzionare su sistemi basati su ARM. Quanto funzionerà tutto resta da vedere.

Le azioni Apple sono aumentate dell’1,3% verso mezzogiorno. Le azioni del gigante tecnologico sono in calo 13% da loro 52 – massimo settimanale

Intel riporta oggi

A proposito di Intel, il colosso dei chip dovrebbe comunicare i risultati del primo trimestre dopo la chiusura del mercato oggi. Intel ha assistito a una forte domanda per i suoi chip PC nelle prime fasi della pandemia, poiché lavorare da casa è diventato un luogo comune e anche la domanda per i suoi chip server è stata forte poiché le aziende e i fornitori di servizi hanno affrontato un aumento dell’utilizzo. Ma con gli Stati Uniti probabilmente in una recessione di lunghezza e gravità sconosciute, la capacità di resistenza di questo ambiente di domanda benefica non è chiara.

Gli analisti si aspettano che Intel riferisca entrate del primo trimestre di $ 18. 7 miliardi, in su 16. 4% rispetto al periodo dell’anno precedente. Utile rettificato per azione di $ 1. 18, previsto da $ 0. 89 nel primo trimestre di 115. Va notato che Intel stava affrontando un rallentamento nel segmento del data center all’inizio di 2019, che ne ha danneggiato i risultati.

L’evoluzione dei risultati di Intel nel resto dell’anno è altamente incerta. Se ci troviamo in una grave recessione, la domanda di PC probabilmente crollerà, danneggiando il business incentrato sui PC. Anche la spesa dei fornitori di infrastrutture cloud potrebbe rallentare, dato che molte aziende che si affidano ai servizi di cloud computing sono colpite duramente dalla pandemia.

Lo stock Intel ha recuperato la maggior parte di ciò che ha perso da quando ha raggiunto il picco all’inizio di quest’anno, in calo solo 14% dal suo 52 – settimana alta. Le azioni sono scese dello 0,6% entro mezzogiorno di giovedì.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

                                                                                               

                             

                     

      

Articolo originale di Fool.com