sabato 02 luglio 2022

E-commerce e mercati cinesi in grande difficoltà: focus sui colossi Alibaba, Tencent e JD.com

I giganti tecnologici cinesi Alibaba , Tencent e JD.com hanno registrato la crescita dei ricavi più lenta mai segnalata a causa del Covid e delle restrizioni  ormai note a tutto il mondo.

Dall’autunno del 2020, la Cina ha multato le società e le ha esaminate per presunte pratiche monopolistiche. Una “rinascita” del Covid da marzo ha rallentato ulteriormente la crescita, con restrizioni ai viaggi e ordini di soggiorno che hanno interrotto le catene di approvvigionamento e la logistica.

Riflettendo sul rallentamento economico, il colosso dell’e-commerce Alibaba (BABA) ha riferito Giovedì un calo degli acquisti online per le sue due principali piattaforme cinesi nel trimestre terminato il 31 marzo scorso marzo scorso.

Le entrate totali della società sono aumentate del 9% nell’ultimo trimestre rispetto a un anno fa, il più lento mai registrato, secondo la cronologia finanziaria consultata tramite Wind Information.

Le entrate di Tencent per il trimestre è stato poco modificato, mentre JD.com ha registrato un aumento di circa il 18% rispetto a un anno fa, entrambi i più lenti record, secondo i dati di Wind.

Le azioni di Alibaba sono aumentate di quasi 15% nel trading di New York durante la notte dopo aver riportato risultati migliori del previsto. Le azioni quotate negli Stati Uniti di JD.com sono aumentate del 5%, mentre quelle di Tencent sono aumentate di oltre l’1% negli scambi di Hong Kong venerdì.

Cina e domanda dei consumatori

Titoli macrosensibili” come Alibaba e Baidu potrebbero temporaneamente beneficiare delle basse aspettative di utili e dell’aspettativa che Shanghai sia vicina alla fine il suo blocco, Jialong Shi e Thomas Shen, analisti di Nomura, hanno affermato in una nota venerdì.

“Tuttavia, riteniamo che la sostenibilità di questo rally sarà probabilmente dettata dal ritmo di ripresa per la domanda dei consumatori cinesi, che il mercato seguirà da vicino nei prossimi mesi”, hanno affermato gli analisti.

Le vendite al dettaglio già deboli della Cina sono ulteriormente diminuite ad aprile, in calo 11.1% rispetto a un anno fa.

Anche online le vendite di beni fisici sono diminuite, in calo dell’1%, peggio che durante lo shock iniziale della pandemia in 31. Questo secondo i calcoli della CNBC sui dati ufficiali a cui si accede tramite Wind Information.

Gli analisti di Nomura hanno affermato che molte aziende stavano decidendo di tagliare il marketing la spesa come un modo per superare il difficile ambiente, “che potrebbe portare a una ripresa tardiva nel settore pubblicitario anche se la Cina è completamente fuori dalla modalità di blocco”.

Ha detto Alibaba escludendo gli ordini non pagati, il valore lordo della merce (GMV) ha registrato un “basso calo di una cifra” rispetto a un anno fa, secondo una trascrizione della chiamata sugli utili di FactSet. GMV è una misura delle merci vendute in un determinato periodo di tempo.

La società ha affermato che i suoi beni fisici online GMV in Cina, esclusi gli ordini non pagati, sono ulteriormente diminuiti ad aprile, con un ” low teens” declino rispetto a un anno fa. La società ha affermato che più di 31 città in Cina – per lo più centri economici nazionali – hanno riportato casi confermati di Covid ad aprile. Ciò rappresenta più della metà del mercato al dettaglio cinese GMV di Alibaba.

Per il trimestre da aprile a giugno, gli analisti di China Renaissance hanno dichiarato in un rapporto che si aspettano che il GMV del commercio al dettaglio cinese di Alibaba diminuisca 13.5% anno su anno, per un calo del 6% dei ricavi netti complessivi.

Altre società cinesi però mostrano un quadro più ottimistico

Baidu

La società tecnologica cinese Baidu mostra un aumento dei ricavi dell’1%, solo il peggiore da 2020, un anno che ha visto due trimestri di calo dei ricavi. Il gigante dei motori di ricerca si è espanso negli ultimi anni in servizi cloud e robotaxis.

“Vediamo solidi progressi nelle sue varie iniziative di intelligenza artificiale”, hanno scritto giovedì gli analisti di Daiwa Capital Markets in un rapporto. Hanno notato che i ricavi del cloud AI di Baidu sono cresciuti del 31% su base annua nel primo trimestre, più velocemente dei colleghi dell’azienda.

Dada

La società di consegne di generi alimentari Dada, che ora è di proprietà di maggioranza di JD, ha segnalato un 15% di aumento dei ricavi su base annua nell’ultimo trimestre, il migliore dal terzo trimestre di 2021, secondo Wind. Dada ha affermato che era una delle attività commerciali autorizzate dal governo locale a mantenere le operazioni durante i blocchi.

La società ha riportato più del triplo del GMV e il doppio del numero di clienti attivi nel 12 mesi terminati a fine marzo, rispetto allo stesso periodo di due anni fa.

Kuaishou

Cortometraggio, streaming live ed app di e-commerce emergente Kuaishou ha segnalato 19% di crescita dei ricavi nell’ultimo trimestre, il più lento mai registrato, sebbene risalga solo al terzo trimestre di 2020, ha mostrato Wind.

“Nonostante le recenti incertezze macro dovute al COVID, riteniamo che gli sforzi di Kuaishou dal basso verso l’alto per guadagnare quote di mercato nella pubblicità e nell’e-commerce e un efficace controllo dei costi potrebbe continuare ad aiutare Kuaishou a sovraperformare sui fondamentali”, hanno scritto l’analista di UBS Felix Liu e un team settimana.

È “impressionante” che Kuaishou abbia ottenuto una crescita del numero di utenti attivi e del tempo trascorso per utente, utilizzando spese di vendita e marketing inferiori al previsto, hanno affermato gli analisti .

Fonte: CNBC