domenica 13 giugno 2021

È ora che gli investitori di Carnival abbandonino la nave?

Il feb. 24, Carnival ( NYSE: CCL ) venduto 40. 45 milioni di azioni di azioni CCL per $ 25. 10 per condivisione. La vendita di azioni ha raccolto 1 miliardo di dollari di capitale tanto necessario per l’operatore di crociere. Sfortunatamente, coloro che hanno acquistato le azioni hanno realizzato esattamente l’1,9% sul proprio investimento rispetto al 71 giorni che si sono conclusi il 6 maggio. Ciò si confronta con un guadagno del 6,2% per il S&P 500 durante lo stesso periodo.

I titoli cruise continuano a subire una significativa volatilità. Dopo aver scalato circa il 100% da quando ha raggiunto il suo 52 – minimo settimanale di $ 11 a ottobre, le scorte di CCL potrebbero non avere più gas nel serbatoio.

È ora di abbandonare la nave di Carnival? Darò uno sguardo ai pro e ai contro della vendita delle azioni.

Azioni CCL una volta scambiate oltre $ 70

A pensarci bene, è dell’1,9% un cattivo rendimento rispetto a 71 giorni? Su base annualizzata, funziona a circa 10%. Il rendimento medio annuo dell’S & P 500 da Da a 2018 era 8 %. Quindi, da quella prospettiva, un ritorno dell’1,9% 71 i giorni non sono poi così male.

Tuttavia, il fatto che gli investitori possano eliminare una tonnellata di rischi specifici dell’azienda e del settore acquistando l’S & P 500 suggerisce che i rendimenti aggiustati per il rischio delle azioni CCL rispetto a 71 i giorni sono molto peggiori di quelli dell’indice.

L’ultima volta che ho scritto su Carnival all’inizio di marzo, mi chiedevo se le azioni CCL potessero tornare indietro al suo massimo storico di $ 72. 70. Ho concluso che il desiderio degli americani di uscire e viaggiare si intensificherà man mano che più persone nel paese saranno completamente vaccinate.

Ebbene, dal 4 maggio 105 milioni Gli americani erano completamente vaccinati, mentre 105 milioni avevano ricevuto a almeno un colpo. Secondo i dati del censimento degli Stati Uniti, ci sono 209. 1 milione americani 18 o precedente, quindi circa 50% degli americani adulti è stato completamente vaccinato.

Anche se va bene, sospetto che le prenotazioni di crociere non inizieranno ad accelerare fino a quando la percentuale è molto più vicino a 100%. Mi rendo conto che in realtà non ci arriveremo perché tutti i tipi di persone credono di sapere meglio degli scienziati. Ma se tre quarti della popolazione adulta venisse vaccinata, credo che i telefoni ei siti web delle varie compagnie di crociera prenderebbero fuoco da tutte le prenotazioni future.

Il 3 maggio, AARP, ex American Association of Retired Persons, ha riferito che i Centers per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) aveva indicato di voler riportare in attività le navi da crociera con sede negli Stati Uniti mezza estate. Sarebbe molto più avanti del suo precedente obiettivo di novembre 2021.

Secondo le nuove regole del CDC, i passeggeri completamente vaccinati dovranno solo fare un test rapido dell’antigene quando si imbarcano in crociere. Coloro che non sono completamente vaccinati possono comunque andare in crociera, ma devono sottoporsi in anticipo ai test del coronavirus della reazione a catena della polimerasi (PCR).

Royal Caribbean (NYSE: RCL ) L’amministratore delegato Richard Fain ha affermato che le sue navi che sono uscite di recente da porti stranieri avevano solo dieci Covid – 19 casi su 100, 000 i viaggiatori. Se questo non ti dice qualcosa sul futuro della crociera, niente lo farà.

Come ho detto a marzo, penso che le azioni CCL possano raggiungere $ 50 entro il 2021. I commenti di Fain mi hanno reso più fiducioso su questa convinzione.

La volatilità è ancora alta

La segretaria al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha spaventato i mercati il ​​4 maggio quando ha dichiarato che i tassi di interesse potrebbero dover aumentare per assicurarsi che l’economia non si surriscaldi. Le azioni di Carnival sono cadute sulla notizia.

The Motley Fool’s Rich Smith ha legato Yellen’s commenti sui tassi di interesse per l’incredibile quantità di debito che ciascuno dei tre principali operatori di crociere quotati in borsa ha accumulato in passato 15 mesi.

“Dalla fine di 2019 durante il trimestre più recente, il carico di debito a lungo termine di Carnival Corporation è quasi triplicato in termini di dimensioni, a $ 26. 5 miliardi “, ha scritto Smith nel suo articolo del 4 maggio.

“Il carico di debito di Royal Caribbean più piccolo è aumentato 150% a $ 20. 7 miliardi, e anche Norwegian Cruise Line ha dovuto raddoppiare il debito, che ora si attesta a $ 11. 7 miliardi. “

Considera il caso migliore di Carnival scenario.

In fiscal 2016, Carnival aveva un margine operativo di 18. 7% sulla base di $ 16 4 miliardi di ricavi e $ 3,1 miliardi di reddito operativo. In 2016, aveva un flusso di cassa gratuito di $ 2,1 miliardi . Negli ultimi anni è stato tanto alto quanto il flusso di cassa libero (FCF) di Carnival.

Anche se non emette alcun nuovo debito, ottiene il suo FCF fino a 2016 e utilizza tutto quel FCF per ripagare il debito, ci vorrebbe vicino a 13 anni da pagare il suo debito interamente. Alle stesse condizioni, sarebbero necessari poco più di sette anni per tornare al suo livello di debito 2019 di circa $ 11. 5 miliardi .

Innanzitutto, Carnival deve ottenere il suo FCF fino a $ 2,1 miliardi. Ciò potrebbe richiedere 12 – 24 mesi. Quindi bisogna sperare che i tassi di interesse non siano aumentati di molto durante quel periodo.

Questo è un compito arduo.

La linea di fondo

Mi è sempre piaciuto il settore crocieristico, nonostante il suo modello di business richieda enormi quantità di capitale. Tuttavia, questo requisito tiene fuori dal gioco molti potenziali concorrenti.

Da dove mi siedo, adesso non è il momento di abbandonare la nave Carnival. Infatti, se tu fossi uno degli investitori che hanno acquistato azioni CCL a $ 25. 10 a febbraio, avrei dei contanti pronti nel caso in cui la volatilità inviasse le sue azioni al basso $ 20 nei mesi a venire.

A lungo termine, penso che le azioni potrebbero testare il loro massimo storico di la fine di 2022. Mantenere la rotta.

Alla data di pubblicazione, Will Ashworth non aveva (né direttamente né indirettamente) alcuna posizione nei titoli menzionati in questo articolo.

Will Ashworth ha scritto di investimenti a tempo pieno da allora 2008. Le pubblicazioni in cui è apparso includono InvestorPlace, The Motley Fool Canada, Investopedia, Kiplinger e molte altre negli Stati Uniti e in Canada. Gli piace particolarmente creare portafogli modello che resistono alla prova del tempo. Vive ad Halifax, Nuova Scozia. Al momento della stesura di questo documento Will Ashworth non deteneva una posizione in nessuno dei suddetti titoli.

(Articolo proveniente da Fonte Americana)