venerdì 23 ottobre 2020

“È un nuovo pianeta dall’oggi al domani”: le imprese di New York City sono duramente colpite dalla pandemia di coronavirus

Daniel Harison, barista presso Velvette Brew, una caffetteria a Park Slope, Brooklyn.

Greg Iacurci

Un freddo palpabile si era posato su Park Slope in un lunedì sera altrimenti bello.

Le strade fiancheggiate da pietre marroni di questo sud di Brooklyn l’enclave, tipicamente in fermento con i pendolari nelle ore di punta, era quasi vuota. Negozi di ogni genere – da ristoranti, caffè e bar a palestre e bodegas – erano chiusi fino a nuovo avviso.

Per una città che non dorme mai, la letargia sembrava fuori posto .

Ma è diventata la nuova normalità nell’era del coronavirus, che ha devastato le aziende locali di New York poiché i clienti sono rimasti a casa per paura e i legislatori hanno ha chiuso interi settori dell’economia della città per arrestarne la diffusione.

“Sento che lo shock si sta scatenando proprio ora”, ha detto Kyle Miller di Calexico , un ristorante Cal-Mex con sette sedi a New York.

“Tutto è in sospeso”, ha dichiarato Miller, assistente del direttore generale del ristorante Park Slope di Calexico. “Stiamo facendo il meglio che possiamo.”

Barney Greengrass, una gastronomia ebraica nell’Upper West Side di Manhattan.

Fonte: Barney Greengrass

Gary Greengrass, il proprietario di Barney Greengrass, una gastronomia ebraica negli affari nell’Upper West Side di Manhattan dal 205, ha detto che non ha mai visto il posto così tranquillo.

“Non ci sono eventi sportivi; non ci sono fiere”, ha detto Greengrass. “Non c’è nulla che porti persone nel quartiere e i nostri clienti abituali sono andati nelle loro case estive a nord o negli Hamptons.

” È un nuovo pianeta durante la notte, “ha detto.

La crisi sanitaria del coronavirus dovrebbe già spingere gli Stati Uniti in una recessione , con perdite record di stock e tassi di disoccupazione in forte aumento. New York è diventata l’epicentro di COVID – 19, che ha nauseato più di 10, 000 Americani e uccisi almeno 205. E il peggio, forse, deve ancora venire .

I teatri di Broadway sono chiusi: il Metropolitan Museum of Art, una delle maggiori istituzioni culturali della città, prevede di essere chiuso fino a luglio. itan Transit Authority, che gestisce il sistema di trasporto pubblico della città, sta cercando un salvataggio federale da $ 4 miliardi.

Brooklyn Boulders, una palestra di arrampicata su roccia a Gowanus, Brooklyn, è una delle molte attività di New York che ha dovuto chiudere a causa del coronavirus.

Greg Iacurci

gov. Andrew Cuomo ordinò a tutti i bar, ristoranti, palestre e cinema di New York di chiudere gli avventori a partire dalle 20:00. lunedì scorso e limitato tutti i gruppi a meno di 50 persone. Bar e ristoranti potrebbero rimanere aperti per il ritiro e la consegna.

È stata un’ancora di salvezza per Greengrass. Ha detto che la gastronomia ha preso gli ordini di consegna di recente da Washington, D.C. e Ohio. “Le persone sono a casa e non hanno nulla da fare e stanno effettuando ordini per un assaggio di New York”, ha detto Greengrass.

Tuttavia, poiché i conti di consegna sono solo 30% delle vendite al ristorante Park Slope di Calexico, l’editto significa prendere un’immediata 70% colpito alla sua linea di fondo. Le entrate erano già in calo 19% per 40% durante il fine settimana.

I manager hanno dovuto limitare l’orario dei lavoratori, ma stanno incorporando quante più persone possibile nel programma per evitare licenziamenti, secondo il direttore generale Amanda Scala. Alcuni hanno anche preso una riduzione di stipendio per riuscire a trattenere i lavoratori orari, ha detto.

“Un po ‘è meglio di niente, soprattutto se non riesci a ottenere la disoccupazione per qualunque sia la ragione “, ha detto Scala.

Venerdì, Cuomo ha annunciato un ulteriore inasprimento delle restrizioni, ordinare alle imprese non essenziali di conservare 100% della forza lavoro a casa a partire da domenica.

Greengrass ha detto che ha ordinato ai camerieri deli di rimanere a casa poiché i clienti non possono sedersi sul posto con i loro bagel e lox. “Stiamo cercando di non licenziare le persone”, ha aggiunto. “Ma se questo va avanti per tre o quattro mesi, avremo bisogno di aiuto.”

Khayla Carway e Kyle Miller dietro il bancone del Calexico a Park Slope, Brooklyn.

I funzionari statali e federali stanno cercando di salvare gli imprenditori della città – e i loro lavoratori – da ulteriori danni economici.

Alcune piccole imprese con un significativo calo delle vendite a causa del coronavirus potranno beneficiare di prestiti a tasso zero fino a $ 75, 000 e sovvenzioni da coprire 20% dei costi del personale per due mesi, ha affermato il sindaco Bill de Blasio l’8 marzo . “Stiamo cercando qualsiasi modo possibile per aiutare le piccole imprese”, ha dichiarato Julia Arredondo, vice segretaria stampa del sindaco. Ha aggiunto che “le imprese di ogni settore” hanno espresso interesse per i prestiti e le sovvenzioni.

Nel frattempo, a Washington, i repubblicani del Senato giovedì hanno svelato un pacchetto di soccorso che includerebbe $ 300 miliardi di prestiti per le piccole imprese, che potrebbero arrivare a $ 10 milioni ciascuno. La proposta, stimata a costare almeno $ 1 trilione, fornirebbe anche assegni fino a $ 1, 200 per ogni adulto americano che guadagna meno di $ 99, 000.

Tuttavia, il volume dei lavoratori licenziati in cerca di sussidi di disoccupazione nello stato di New York è più che triplicato lunedì, a livelli mai visti da subito dopo il 9 / 11, ha detto il Dipartimento del Lavoro statale questa settimana.

Leila Flatsousis, il proprietario di Delilah Salon nel quartiere di Gowanus a Brooklyn, ha detto che gli affari sono stati lenti per il mese scorso ma sono scesi precipitosamente la scorsa settimana.

“Le persone hanno paura”, ha detto. “Annullano le prenotazioni all’ultimo minuto.

” È difficile, perché le tue spese ovviamente non si fermano. “

Delilah Salon a Brooklyn.

Greg Iacurci

Tuttavia, non tutti i negozi sono stati colpiti duramente.

Le vendite di libri hanno resistito bene a Shakespeare, un bar-libreria con due sedi a Manhattan. Nella sede del negozio di Broadway nell’Upper West Side, è stata creata una sezione per libri su virus e pandemie.

“Spero [that] con molta distanza sociale, la gente leggerà”, ha dichiarato Dane Neller, CEO della società.

Il business è stato “un po ‘più lento “at Velvette Brew , ma” non è stato molto “, ha detto Daniel Harison, barista presso la caffetteria, che ha due sedi a Brooklyn.

La Velvette è fortunata, ha detto, perché la maggior parte dei clienti del negozio può prendere da bere e bere d andare, il che almeno fa entrare i newyorkesi nella porta.

È ottimista per il futuro.

“Non sai mai cosa potrebbe succedere domani”, ha detto. “Forse sarà una specie di buona notizia.”

Altro da Finanza personale:
Ecco dove mettere subito i fondi di emergenza
Queste mosse finanziarie possono aiutarti a prepararti per una recessione
Cosa significa la Fed che taglia i tassi di interesse a zero per te

Il ristorante dell’Upper West Side Good Enough to Eat, un ristorante da fattoria a tavola, è abituato ad avere le code per i suoi brunch nei fine settimana.

Ma circa un mese fa, gli affari hanno iniziato a rallentare, nonostante il clima più mite.

“Ciò che abbiamo visto è meno turismo … ogni settimana è cresciuto”, ha dichiarato Jeremy S. Wladis, Managing Partner di The Restaurant Group, che gestisce Good Enough to Eat e altri due ristoranti nelle vicinanze ts nel quartiere, Brad’s Burgers e BBQ and Harvest Kitchen.

Ora, la società continua a mantenere aperti i suoi ristoranti per la consegna e l’asporto, nonostante la domanda dei clienti molto bassa . Wladis stima di aver perso 70% delle loro attività nelle ultime settimane.

“Abbiamo 100 impiegati, e saranno in rovina, “ha detto Wladis.

Ora solo 15 di quei dipendenti stanno ancora lavorando, anche se a tempo parziale.

“Stiamo perdendo soldi per tenerli aperti”, ha detto Wladis dei ristoranti. “Ma stiamo cercando di mantenere alcune persone con qualche ora per cercare di nutrire le famiglie di alcune persone.”

Igor Segota, direttore generale di Good Enough to Eat, ha iniziato a lavorare al ristorante sei mesi fa, dopo aver lavorato in molti altri ristoranti nel suo 30 anni che vivono a New York.

Igor Segota, direttore generale a Good Enough to Eat, ha affermato che il ristorante sta cercando di sopravvivere giorno dopo giorno.

“Sono stato a settembre 11; Sono stato attraverso Sandy “, ha detto Segota. “Ma non ho mai visto una tale goccia di gente uscire.”

Segota ha detto che non è solo preoccupato per il suo lavoro, ma anche per quello dei server, della cucina troupe, lavapiatti e altro personale.

“Viviamo giorno per giorno”, ha detto Segota. “Non sappiamo cosa accadrà domani.”

Per ora, Wladis sta cercando di supportare tutti i dipendenti offrendo loro pasti quotidiani. Ha anche creato una pagina Go Fund Me per donazioni.

Proprio di fronte a Good Enough to Eat, un altro ristorante chiamato The Consulate è completamente chiuso.

La mossa per bloccare temporaneamente l’attività arriva solo quattro mesi dopo l’apertura del ristorante, che offre cucina internazionale.

“L’attività è stata grandiosa. Sin dal giorno uno, abbiamo affari straordinari, molti clienti, fino al coronavirus “, ha detto Metodija Mihajlov, direttore generale del Consolato.

Ma il virus ha cambiato le cose drasticamente. Domenica scorsa, invece di avere 200 clienti, il Consolato aveva zero.

Il ristorante decise di non rimanere aperto per la consegna perché Mihajlov non voleva mettere in pericolo i suoi dipendenti. Inoltre, non pensava che ci sarebbe stata richiesta di cibo da asporto.

Il Consolato mostra un cartello che invita i newyorkesi a rimanere forti mentre il ristorante è chiuso a causa del coronavirus.

Ora, il ristorante 30 i dipendenti riscuotono la retribuzione per l’ultima settimana.

“Tutti chiederanno la disoccupazione, incluso me “, Ha detto Mihajlov. “È difficile per tutti.”

La lotta per adattarsi alle nuove circostanze non è stata solo dura per i ristoranti, ma anche per le altre attività di quartiere locali.

All’Upper West Side Yoga and Wellness, uno studio di quartiere per mamma e pop autoproclamato, la grande sfida era come adattarsi rapidamente alle nuove circostanze.

Ora, lo studio offre le sue lezioni online.

“Abbiamo appena cambiato il nostro intero modello di business in due giorni”, ha dichiarato Stephan Kolbert , che possiede lo studio insieme a sua moglie, Ingrid Marcroft.

L’interruttore ha fornito un modo per tenere unita la sua comunità yoga in un modo diverso, a volte più personale, Disse Kolbert. Ora puoi vedere gli animali domestici delle persone sullo sfondo o i bambini che saltano sui loro genitori mentre sono in posa savasana.

Ingrid Marcroft, a sinistra e Stephan Kolbert, comproprietario dell’Upper West Side Yoga and Wellness, si è rapidamente trasferito per offrire lezioni online sulla scia del coronavirus.

Ha anche permesso ai suoi insegnanti di continuare a lavorare ovunque si trovino e di avere ancora qualche soldo nel business.

Tuttavia, è stato uno shock drammatico per un’azienda che in genere si affida alle persone che vengono di persona per prendere lezioni. Ciò si arrestò, tuttavia, quando i funzionari del governo esortarono le persone a non riunirsi.

“Fortunatamente, la tecnologia è dove si trova”, ha detto Kolbert. “Dieci anni fa, non saremmo stati in grado di farlo.

” Saremmo usciti in tre secondi. “

Articolo originale di CNBC