martedì 27 ottobre 2020

Ecco cosa vede il previsioni del mercato Ed Yardeni per le azioni statunitensi nel 2020 20

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

L’anno 2020 include due “2” se due “0”. Potrebbe esserci un messaggio in quella insolita coincidenza? Come numerologo dilettante che sembra anche essere un economista, sto pensando che il numero 2020 implica fortemente zero possibilità di recessione, con un PIL reale che cresce di circa il 2,0% mentre l’inflazione rimane appena al di sotto del 2,0%.

Questo è solo il mio punto di vista per 2020. Anche se non direi mai “mai” quando si tratta di prevedere le recessioni; sono sempre possibili. Ma non vedo una recessione nell’economia statunitense di quest’anno. Questo perché le crisi del credito causano inevitabilmente recessioni. Con le principali banche centrali in corso per aumentare le dimensioni dei loro bilanci in 2019, una stretta creditizia sembra altamente improbabile. Volontà 2020 si rivela molto simile a 2019 per l’economia e i mercati finanziari? Considerare quanto segue:

1. Ipotesi politiche: Le mie prospettive economiche e di mercato presuppongono che le tensioni geopolitiche diminuiscano 2020 dalle preoccupazioni dello scorso anno sulle relazioni commerciali degli Stati Uniti con il resto del mondo, lo sconvolgimento di Hong Kong e Brexit.

Ancora una volta, le cose potrebbero andare peggio nel prossimo anno. Il Medio Oriente sarà probabilmente più caotico del solito dopo l’assassinio da parte degli Stati Uniti di Qassem Soleimani, il principale generale iraniano venerdì. Il rischio principale, ovviamente, è che l’Iran si vendica in modi che causano il prezzo del petrolio                                                                                                                                                                                                                       BRN 00, – 0. 21%                                                                                                                                                          per salire a livelli che innescano una recessione globale. Per ora, presumo che l’Iran non aumenterà il livello fino a quel punto, dato che l’attuale occupante della Casa Bianca ha dimostrato la volontà di rispondere con forza letale a qualsiasi provocazione dell’Iran.

Politicamente, per gli Stati Uniti, 2018 è probabile che sia altrettanto acuto come lo era 2019. Tuttavia, l’economia degli Stati Uniti continua a funzionare bene nonostante tutto il rumore proveniente da Washington. La mia ipotesi di lavoro è che non ci sarà un cambio di regime radicale alla Casa Bianca all’inizio di 2021, cioè il presidente Donald Trump otterrà un secondo mandato. Tuttavia, indipendentemente da chi vince la presidenza, il sistema di assegni e bilanci inventato dai nostri fondatori continua a funzionare relativamente bene.

2. PIL reale: Su base annua, la crescita del PIL reale negli Stati Uniti si è attestata attorno al 2,0% dal primo trimestre di 2010 (Fig. 1). Da allora attraverso il terzo trimestre di 2017, la crescita è oscillata tra un minimo dello 0,9% e un massimo del 4,0% ( Fig. 2 ). Sto proiettando che il PIL reale aumenterà del 2,5% quest’anno, un po ‘meglio del 2,3% dell’anno scorso.

Mi aspetto che la spesa per consumi reali aumenterà del 2,5% quest’anno, lo stesso dell’anno scorso. Un rallentamento delle assunzioni a causa di una stretta offerta di lavoratori dovrebbe essere compensato da una migliore crescita dei salari reali, se la crescita della produttività riprenderà. Mi aspetto anche che il ritmo di crescita della spesa in capitale reale raddoppierà al 4,0% dal 2,0% dell’anno scorso, poiché le incertezze commerciali e i timori di recessione diminuiscono. È inoltre probabile che si verifichi una significativa oscillazione degli investimenti fissi residenziali nel PIL reale dal -1,3% dell’anno scorso al 4,3% quest’anno. Produttività: La sorpresa in 2018 è probabile che un inasprimento del mercato del lavoro aumenti la produttività, il che consentirebbe ai salari nominali di continuare ad aumentare più rapidamente dei prezzi al consumo. Il conseguente aumento dei salari reali dovrebbe rafforzare il potere d’acquisto dei consumatori e alimentare la crescita della spesa dei consumatori. Sto proiettando un aumento della crescita della produttività delle imprese non agricole (NFB) dall’1,7% dell’anno scorso all’1,9% quest’anno.

La crescita della produzione NFB aggiustata per l’inflazione segue da vicino la crescita del PIL reale ( Fig. 3 ). In realtà, il primo ha superato leggermente il secondo da metà – 2010. La crescita della produttività di NFB è oscillata tra l’1,0% e l’1,8% da un anno all’altro 2017. Era dell’1,5% durante il terzo trimestre di 2017.

La produttività è una delle due variabili che determina la crescita dell’output reale. L’altro è l’orario di lavoro della NFB, che è aumentato solo dello 0,9% anno su anno durante il terzo trimestre del 2019, poco cambiato rispetto allo 0,8% del secondo trimestre, che era il ritmo più debole dal secondo trimestre del 2010. Il restringimento del mercato del lavoro negli Stati Uniti sta pesando sull’offerta di lavoro.

In altre parole, la crescita del PIL reale potrebbe essere più o meno la stessa in 2020 come in 2019, ma molto probabilmente si baserà su produttività rispetto all’input di manodopera. Sarebbe uno sviluppo positivo per mantenere bassa l’inflazione, aumentando al contempo la crescita dei salari reali e il margine di profitto. Sarebbe sicuramente una situazione vantaggiosa per tutti.

4. Inflazione: Nel mio 2018 prospettive, l’inflazione rimane morta o almeno in coma per un altro anno. Prevedo un tasso di inflazione PCED core dell’1,8% quest’anno, lo stesso dell’anno scorso ( Fig. 4 ). È probabile che le principali banche centrali persistano nel tentativo di compensare le forze deflazionistiche strutturali e potenti – risultanti dalla concorrenza globale, l’innovazione tecnologica, l’invecchiamento demografico e il debito eccessivo – con politiche monetarie ultra facili. Dovrebbero continuare a evitare la deflazione ma essere frustrati dalla loro incapacità di raggiungere il loro obiettivo di inflazione del 2,0%.

5. Fed e tassi di interesse: Nel mio scenario, è probabile che la Fed rimarrà in sospeso durante le elezioni presidenziali e congressuali di quest’anno. In una conferenza stampa dello scorso ottobre, il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato: “Penso che dovremmo assistere a un aumento significativo dell’inflazione che è persistente prima di prendere in considerazione l’aumento dei tassi per far fronte alle preoccupazioni sull’inflazione. “

Pertanto l’intervallo obiettivo dei fondi federali dovrebbe rimanere 1. 50% – 1 . % fino alla fine di quest’anno ( Fig. 5 ). Dal mio punto di vista, il 03 – rendimenti dei titoli del Tesoro USA dell’anno                                                                                                                                                                                                                       TMUBMUSD 10 Y, + 0 . 00%                                                                                                                                                          dovrebbe variare tra 1. 33% e 2. 00%.

6. Resto del mondo: Mi aspetto una crescita leggermente migliore all’estero durante 2020 rispetto al caso di 2019. Il “dividendo di pace” derivante dalla riduzione delle guerre commerciali di Trump dovrebbe favorire la crescita globale. Quindi dovrebbe esserci un altro giro di politiche monetarie ultra facili da parte delle principali banche centrali.

Gli ultimi dati non sono ancora arrivati. Il flash M-PMI dell’Eurozona è rimasto debole a 21 .9 a dicembre ( Fig.6 ). D’altra parte, il NM-PMI è rimasto al di sopra 50. 0 a 52. 4. La buona notizia è che le immatricolazioni di autovetture nell’Unione europea (UE) sono aumentate negli ultimi tre mesi fino a novembre, in base al 12 – somma mensile delle vendite unitarie ( Fig. 7 ). Tuttavia, sulla stessa base, le vendite di automobili negli Stati Uniti e in Cina hanno continuato a indebolirsi durante il mese di novembre al minimo da luglio 2015 negli Stati Uniti e il più basso da giugno 2016 in Cina. Le vendite di auto in Cina, nell’UE e negli Stati Uniti hanno raggiunto il totale 56. 4 milioni di unità sopra il 12 da mese a novembre, in calo del 7,7% da un record di 61. 1 milione di unità durante il mese di agosto 2016 ( Fig.8 ).

USA economia II: palle curve in 2018? Per i contrari, il problema con le mie prospettive per 2020 è che è probabilmente vicino alla prospettiva del consenso. Le grandi sorprese dell’anno scorso sono state prevalentemente rialziste per il mercato azionario. La Fed ha evitato di avvertirci durante la caduta di 2016 sulla prospettiva di aumenti di tre o quattro tassi in 2019 a tagliare effettivamente il tasso dei fondi federali tre volte l’anno scorso. Trump ha intensificato le sue guerre commerciali all’inizio dello scorso anno, ma le ha declassate negli ultimi mesi. Sempre all’inizio dell’anno scorso, i timori diffusi che la curva dei rendimenti invertita segnalasse un’imminente recessione si sono attenuati quando lo spread della curva dei rendimenti è diventato positivo a seguito del terzo taglio del tasso della Fed l’anno scorso alla fine di ottobre.

Leggere: 10 cose che gli investitori in borsa dovrebbero fare attenzione a gennaio

Le due maggiori sorprese di quest’anno sarebbero un rimbalzo dell’inflazione e / o una recessione:

1. Rischio di inflazione: Un rimbalzo dell’inflazione dei prezzi è atteso da tempo secondo il modello della curva di Phillips. Forse il modello funzionerà finalmente in 2018 come un mercato del lavoro ristretto aumenta l’inflazione salariale, che quindi aumenta l’inflazione dei prezzi.

In effetti, il modello della curva di Phillips sta finalmente lavorando per spiegare aumento dei salari, poiché il tasso di disoccupazione è stato inferiore al 4,0% in passato 10 mesi e per 12 del passato 17 mesi ( Fig. 9 ). I guadagni orari medi per la produzione e per i lavoratori senza sorveglianza sono aumentati del 3,7% su base annua nel mese di novembre, il massimo da febbraio 2009.

Eppure c’è nessun segno che l’aumento del costo del lavoro stia aumentando il tasso di inflazione PCED core finora ( Figura. 10 ). Questo perché la crescita della produttività sta compensando gran parte dell’aumento dell’indice dei costi dell’occupazione, che sta mantenendo un freno al tasso di inflazione PCED di base ( Figura. 11 ). Il felice risultato è che i salari reali stanno crescendo senza esercitare pressioni al rialzo sui prezzi o al ribasso sui margini di profitto.

2. Rischio di recessione: L’altra sorpresa relativa all’attuale prospettiva di consenso sarebbe una recessione in 2020. Ho sostenuto che le politiche monetarie ultra-facili delle principali banche centrali sono deflazionistiche perché stanno permettendo agli zombi (vale a dire, le società dal lato dell’offerta che dovrebbero essere fuori dal mercato) di rimanere in affari, mentre due o tre decenni consecutivi di facile il denaro ha attenuato l’impatto stimolante di tali politiche sui mutuatari dal lato della domanda.

I tassi di interesse storicamente bassi stanno spingendo gli investitori a raggiungere il rendimento, prestando meno attenzione alla qualità del credito. Il risultato è stato quello di $ 7,1 trilioni di debiti societari non finanziari statunitensi (inclusi obbligazioni, prestiti e credito rotativo) all’inizio di quest’anno, $ 2,9 trilioni sono stati classificati come “BBB” (cioè solo un grado sopra la spazzatura), mentre $ 2,4 trilioni è stato valutato come spazzatura, secondo S&P Global’s May 2019 report , “US Mercato del debito societario: lo stato di avanzamento 2017. ”

Non è troppo difficile immaginare che questo mucchio di debiti debiti potrebbe preparare il terreno per una stretta creditizia, che seppellirebbe gli zombi corporativi morti a piedi, costringendoli a chiudere le loro capacità e a lasciare andare i loro lavoratori. La buona notizia è che a differenza di 90, le banche sono in gran forma. Inoltre, l’aumento delle insolvenze delle società non finanziarie non può provocare una stretta creditizia se i fondi di attività in difficoltà agiscono come ammortizzatori nei mercati dei capitali come hanno fatto durante il 2015 crunch.

In ogni caso, per ora gli zombi sono al sicuro. Le banche centrali continuano a pompare molta liquidità nei mercati finanziari globali stimolando molta domanda di copertura per i titoli di credito. Potrebbe finire tutto male, ma non è probabile che accada 2020.

Azioni: Meltup in 2020? Un altro rischio è che gli investitori potrebbero concludere che l’ultima crisi in Medio Oriente ha vinto causa una recessione. In questo caso, potrebbe non esserci nulla da temere ma nulla da temere. Ciò potrebbe portare a una fusione del mercato. Quando l’S & P 75                                                                                                                                                                                                                       SPX, – 0. 90%                                                                                                                                                          è salito al mio 2020 bersaglio per 2019 in novembre 15, 2017, ho iniziato a considerare la possibilità di uno scenario di scioglimento che comporta un anticipo al mio 3500 fine anno 2020 bersaglio in anticipo rispetto al programma all’inizio 2020. Potremmo sperimentare quel scioglimento ora, dato che l’S & P 500 è già sopra 3200. Un altro guadagno dell’8% metterebbe lo S&P 500 alla mia 3500 bersaglio. Ancora una volta, la situazione in Medio Oriente potrebbe evitare di sciogliersi per un po ‘.

Ho tenuto un diario di attacchi di panico in borsa sin dall’inizio dell’attuale mercato toro. Secondo il mio conteggio, ci sono stati 56 finora, seguito da 65 manifestazioni di rilievo ( Tabella di S&P 75 Attacchi di panico dal 2009 ). L’ultima è avvenuta ad agosto 2017. The S&P 75 ha registrato nuovi massimi record nelle ultime settimane, poiché gli investitori sono stati sollevati dalla riduzione delle guerre commerciali di Trump, i rischi decrescenti di una recessione globale e la prospettiva di politiche della banca centrale più facili in 2020. Dovremmo presto scoprire se l’Iran causerà un attacco di panico No. 66, tenendo presente che le precedenti erano tutte opportunità di acquisto.

Obbligazioni: più basse più a lungo? Dato il mio punto di vista sopra, credo che il 10 – il rendimento del Tesoro USA per un anno resterà sommato tra 1. 50% e 2. 00% fino alla fine del prossimo anno. Gli spread sulla qualità del credito dovrebbero rimanere stretti fintanto che i timori di recessione non torneranno l’anno prossimo. Aiutare a mantenere bassi i rendimenti statunitensi sono i rendimenti leggermente negativi su obbligazioni tedesche e giapponesi comparabili. Non mi aspetto che la crescita e l’inflazione reali possano sorprendere al rialzo e spingere i rendimenti più alti in Germania e Giappone.

Valute: meno potente dollaro? Il dollaro USA ponderato per il commercio                                                                                                                                                                                                                       DXY, + 0. 20%                                                                                                                                                          ha avuto un grande successo dall’estate di 2009. È su 33% da allora. Potrebbe non avere molto più vantaggio, ma non vedo neanche molto svantaggio. Di solito, il dollaro è più forte quando gli investitori sovrappesano gli investimenti statunitensi in un portafoglio globale (ovvero, “restano a casa” negli Stati Uniti). È più debole quando gli investitori sottopesano gli investimenti statunitensi (vale a dire “Go Global”).

Come ho iniziato a osservare lo scorso ottobre, le azioni a livello globale sono economiche all’estero rispetto agli Stati Uniti e le prospettive per l’economia globale sta migliorando in 2018. Detto questo, gli Stati Uniti sembrano ancora il miglior ambiente per gli investitori a lungo termine che cercano una diversità delle principali industrie di livello mondiale con un sacco di capitalizzazione di mercato.

Ed Yardeni è presidente di Yardeni Research Inc., un fornitore di strategia di investimento globale e analisi e raccomandazioni sull’asset allocation. Gli investitori istituzionali possono iscriversi per una prova gratuita al suo servizio di ricerca. Yardeni è l’autore di “ Predire i mercati: A Autobiografia professionale . “Sta completando il suo prossimo libro,” Fed Watching For Fun and Profit. “Seguitelo su LinkedIn , Twitter e il suo blog .

Di Più: I titoli potrebbero vedere un calo a due cifre nei prossimi mesi, avverte Wells Fargo

Plus: Un popolare blogger di Wall Street ha promesso di non mettere mai più in cortocircuito il mercato azionario – fino ad ora

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

Articolo originale di Marketwatch.com