venerdì 22 gennaio 2021

Ecco perché le azioni Facebook scamperanno ancora alla tempesta

Le varie controversie continuano a circondare Facebook, ma a quanto pare non scalfiscono il titolo azionario.

Facebook è certamente nella posizione non invidiabile di prendere calore da entrambi i lati dello spettro politico degli Stati Uniti. I regolatori sia qui che all’estero hanno il potere di intaccare gli affari dell’azienda.

Ma da un punto di vista generale, non crediamo che il rischio per l’azienda o per il titolo sia ciò che gli scettici e gli orsi vorrebbero far credere. E il fatto che Facebook (FB) sia un tale parafulmine è una testimonianza di quanto sia veramente ampia la portata dell’azienda in tutto il mondo.

Gli scandali del passato sono svaniti e ogni volta le azioni hanno raggiunto nuovi massimi.

Al momento, Facebook sta prendendo calore da alcuni angoli per non censurare o etichettare i messaggi del presidente Donald Trump. Lla piattaforma di social media Twitter (TWTR), ad esempio, ha verificato alcuni dei tweet del presidente, suscitando l’ira dei sostenitori di Trump e applausi dall’altra parte dello spettro politico.

L’inazione di Facebook non sorprende che abbia attirato la risposta opposta. I dipendenti di Facebook hanno persino organizzato uno sciopero virtuale.

I lealisti del presidente sostengono la piattaforma in questo dibattito. Ma dato il domicilio di Facebook in California e il suo ruolo come parte fondamentale di Big Tech, tale supporto è quasi incondizionato.

In altre parole, Facebook potrebbe vedere la pressione da entrambe le parti. I liberali sono arrabbiati. I conservatori probabilmente lo saranno di nuovo. E sembra che questa polemica abbia avuto un effetto sul titolo FB, che ha visto un po ‘di debolezza nelle ultime due settimane, incluso un calo del 5% durante la rotta generale del mercato di giovedì.

Facebook e la controversia sulle notizie

Proprio l’anno scorso, Facebook ha pagato una multa record di $ 5 miliardi alla Federal Trade Commission per le valutazioni sulla privacy. L’anno precedente c’è stato lo scandalo di Cambridge Analytica, che ha portato a una cosiddetta campagna #DeleteFacebook.. Dopo quello scandalo, Facebook ha aumentato le sue spese, il che ha portato alla più grande perdita di valore in un solo giorno nella storia del mercato.

Due anni prima, la società ha ricevuto brevemente una copertura negativa per la censura del video delle proteste del gasdotto Dakota. Facebook ha detto di averlo fatto inavvertitamente. Ci sono stati scandali sulla privacy – incluso uno che ha portato a un accordo del 2011, le cui violazioni hanno portato alla sanzione dell’anno scorso – e le preoccupazioni che gli estremisti abbiano usato la piattaforma per la violenza.

Anche l’offerta pubblica iniziale della società non è stata priva di controversie. In vista dell’IPO, il CEO Mark Zuckerberg si è permesso il lusso di indossare una felpa per un incontro con i banchieri di Wall Street.

Le azioni di Facebook sono aumentate di quasi sei volte rispetto al prezzo di IPO (e oltre il 1.000% dai minimi post-IPO). Instagram si è rivelato, letteralmente, una delle più grandi acquisizioni nella storia del business degli Stati Uniti.