mercoledì 21 aprile 2021

Ecco perché le azioni Invesco QQQ dovrebbero essere sempre in portafoglio

Negli anni, l’ascesa della tecnologia è stata innegabile. Ovviamente, trovarsi nel bel mezzo di un forte mercato rialzista aiuta sempre, ma queste società sono state un grande catalizzatore per questa mossa. Di conseguenza, il Invesco QQQ ETF (NASDAQ: QQQ) è stato uno dei principali beneficiari, con il QQQ che è stato un enorme vincitore nell’ultimo decennio.

Mentre passiamo da un decennio alle prime parti di un altro, gli investitori non dovrebbero aspettarsi che la tecnologia sia deludente. Semmai, dovrebbero aspettarsi il contrario: che la tecnologia continui a guidare la carica.

Le aziende tecnologiche hanno qualcosa che molte altre non hanno, ovvero la scala. Spesso, quella scala è anche accompagnata da bassi costi generali.

Non è sempre il caso, in quanto potrebbero esserci delle spese piuttosto elevate. Ma in generale, le migliori aziende tecnologiche tendono a mostrare la crescita più rapida, i migliori margini e i mercati più grandi. Non solo nei rispettivi settori, come software o semiconduttori, ma nel mercato nel suo insieme.

Azioni QQQ rispetto ai suoi pari

Sebbene i titoli tecnologici siano l’esposizione settoriale predominante del QQQ, non è l’unica esposizione che ha. Ad ogni modo, non importa. Prestazione è ciò che conta e il titolo QQQ è dominante.

Prima di tutto, oltre l’ultima 10, l’ETF Invesco QQQ ha avuto un solo anno negativo. In 2018, le azioni hanno perso un enorme 0. 14%. In altre parole, è stato piatto.

Gli altri tre anni peggiori hanno registrato rendimenti del 3,4% (in 2011), 7% (in 2016) e 9,5% (nel 2015).

Negli altri sei anni, il QQQ ha generato rendimenti di almeno 18%, con tre di quegli anni eccedenti 36%.

Capisco che ci siano molti punti dati e numeri da aggiungere, ma amici, spesso non otteniamo rendimenti come questi. Quando li troviamo, è meglio mantenerli, aggiungerli in modo coerente e comprendere il rendimento a lungo termine.

Caso in questione, considera la sua concorrenza: The S&P 500 , Dow Jones Industrial Average e Russell 2000.

Nell’ultimo anno, lo stock QQQ ha generato un 49. 88% ritorno. Questo batte tutti i suddetti concorrenti con mano.

E non appena il periodo di tempo viene ampliato, il dominio del QQQ brilla davvero. In giro 80% negli ultimi tre anni, raddoppia il ritorno del prossimo miglior interprete (in questo caso, il Russell 2000).

Più indietro andiamo, maggiore è la distanza che QQQ si mette dietro. Negli ultimi cinque anni, questo ETF ha generato un 169% di ritorno rispetto allo S&P 500 guadagno di “solo” 94. 5% e il guadagno di Russell di 109%.

Ecco il 10 – anno di ritorno per il gruppo:

Fondo 10 – Guadagno anno
QQQ 442. 87%
S&P 500 192. 30%
Russell 2000 166. 14%
Dow Jones 158. 39%

La linea di fondo

Con un coefficiente di spesa lorda di appena lo 0,2%, o $ 20 per $ 10, 000 investito annualmente, il QQQ non è nemmeno così costoso di un fondo. Certo, un investitore potrebbe risparmiare 15 punti base e vai con un fondo a buon mercato, ma vale la pena sacrificare tutta quella crescita a lungo termine per un paio di dollari?

La risposta è un ovvio e clamoroso “no”.

Il titolo QQQ è stato un leader di categoria negli ultimi 10 anni e, sebbene le prestazioni passate non garantiscano rendimenti futuri, ci sono pochi motivi per scommettere contro questo fondo.

Ha molta esposizione alla tecnologia a mega capitalizzazione, così come a molti dei titoli emergenti all’interno della tecnologia. Anche se potrebbero esserci rendimenti decrescenti in questi giochi a capitalizzazione elevata rispetto ai primi giorni, sono ottime aziende con eccellenti prospettive a lungo termine.

Lo 0 del fondo 55 Il rendimento del dividendo% ora è quasi 100 punti base al di sotto di 10 – rendimento annuo. Tuttavia, alcuni mesi fa, non erano così distanti. Anche così com’è, è un piccolo pagamento decente che può essere reinvestito direttamente nella nostra partecipazione principale.

Non stiamo acquistando il QQQ per competere con le obbligazioni e non lo stiamo acquistando per il rendimento. Offre un’esposizione istantanea e mirata a un grande gruppo di azioni e i suoi rendimenti, sia a lungo che a breve termine, convalidano tale osservazione.