Entra in contatto con noi

Mercati americani

Euroscetticismo

Pubblicato

il

16 gennaio 2023 09:48 ETVGK, FEZ, IEV, EZU, DFE, FDD, FEP, SPUE, HEDJ, DBEU, EUDG, IEUR, HEZU, FEUZ, DBEZ, IEUS, CSUE, OEUR, EUUDV, PTUE, FIEE, GSEU, RFEU, FUGGIRE, FLEH, BBEU, FPXE, IWM, ACTV, AFSM, AVUV, BBSC, BKSE, VITELLO, CBSE, CSA, CSB, CSF, CSML, PROFONDO, DES, DFAS, DGRS, DSPC, DWAS, DMC, EES, ESML, EWSC, FDM, FLQS, FNDA, FNK, FYC, FYT, FYX, GLRY, GSSC, HSMV, IJR, IJS, IJT, ISCB, ISCG, ISCV, ISMD, IUSS, IWC, IWN, IWO, JHSC, JPSE, JSM, KAPR, KJAN, KJUL, KSCD, MGMT, NUSC, OMFS, OSCV, OUSM, OVS, PBSM, PLTL, PRFZ, PSC, QVM, RFV, RNSC, ROSC, RWJ, RZG, RZV, SCHA, SEI, SLY, SLYG, SLIV, SMCP, SMDV, SMILE, SMLF, SMLV, SMMD, SMMV, SPAX, SPSM, SQLV, SSLY, SVAL, TPSC, USVM, V.B, VBK, VBR, VIOG, VIOO, VIOV, VTWG, VTWO, VTWV, XJR, XSHD, XSHQ, XSLV, XSMO, XSVM, SPMD

Riepilogo

  • Una delle grandi storie alla fine dello scorso autunno è stata la brusca svolta del governo cinese sulla sua politica zero-Covid.
  • C’è una sorta di connessione che lega insieme la ritrovata passione per le risorse cinesi ed europee.
  • Le azioni domestiche a bassa capitalizzazione sembrano ancora dimostrare almeno in una certa misura il premio per il rischio azionario a lungo termine che i libri di testo di teoria finanziaria dicono che dovrebbero.

Galeanu Mihai

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Una delle grandi storie alla fine dello scorso autunno è stata la brusca svolta del governo cinese sulla sua politica zero-Covid. A seguito di una serie di proteste pubbliche molto insolite in diverse città, il governo ha fatto marcia indietro le draconiane politiche di blocco che avevano tormentato i suoi cittadini e la sua economia per la maggior parte dell’anno. Il tema della riapertura ha preso fuoco tra gli investitori stranieri e improvvisamente la Cina era di nuovo calda. Negli ultimi due mesi dell’anno, non era insolito vedere i mercati di Shanghai e in particolare di Hong Kong registrare movimenti percentuali infragiornalieri a una cifra alta.

E poi improvvisamente è stata la volta dell’Europa. Dal 1° novembre dello scorso anno, l’indice MSCI EU è balzato di quasi il 19%, ben al di sopra dell’aumento di prezzo relativamente stabile del 2,9% dell’S&P 500 per lo stesso periodo di tempo. Un sapore internazionale è nell’aria in queste prime settimane del 2023. È questo l’inizio di una dinamica a lungo termine, o un fuoco di paglia di breve durata alla maniera di tanti altri brevi scatti di forza da non-dollaro? azioni negli ultimi anni?

Europa, è un gas

C’è una sorta di connessione che lega insieme la ritrovata passione per le risorse cinesi ed europee. La Cina è il principale partner commerciale dell’UE e la sua riapertura (sebbene sporadica, con casi di Covid che continuano a crescere in tutto il paese) è una buona notizia per i produttori di beni di lusso francesi e per i produttori tedeschi di manufatti di alta gamma. Ma probabilmente il più grande fattore di allegria nel continente è il tempo (a meno che tu non sia un appassionato sciatore). Giornate e notti calde sono state la norma quest’inverno, con piste da sci alpino di colore verde e marrone più evocative di maggio che di gennaio, e bollette del riscaldamento domestico che non vanno in rovina. L’Europa ha acquistato enormi quantità di gas naturale liquefatto l’anno scorso, riempiendo le sue unità di stoccaggio del gas per compensare le interruzioni energetiche derivanti dalla vicina guerra in Ucraina.

Tutto questo insieme equivale a un’argomentazione ragionevolmente valida secondo cui le cose in Europa potrebbero essere molto peggiori di quanto sembrino. Alcuni economisti stanno alzando le loro previsioni per le prospettive economiche dell’UE quest’anno, anche se l’aspettativa del consenso è ancora per una recessione a un certo punto (l’ultima previsione della Banca centrale europea presuppone ancora una recessione dell’Eurozona che inizierà nel quarto trimestre dello scorso anno o nel primo trimestre di quest’anno). Gli osservatori notano anche che l’inflazione di base in Europa tende a un ritmo inferiore rispetto all’inflazione di base negli Stati Uniti, con i prezzi dell’energia (non una categoria di inflazione di base) che sono stati il ​​principale fattore di aumento dei prezzi lì, mentre la domanda dei consumatori ha mantenuto il numero di base più alto qui.

Advertisement

Ma durerà?

Quindi ha senso investire un po’ più di soldi nelle azioni europee? Qui entra in gioco il nostro euroscetticismo. Riteniamo che i fattori che guidano la sovraperformance azionaria dell’UE oggi siano più di natura ciclica a breve termine che una tendenza strutturale che potrebbe persistere su un orizzonte temporale pluriennale. Per i portafogli tassabili in particolare che presentano un vento contrario; anche se hai ragione sul gioco tattico (e questo è un gigantesco clacson “se”, per essere chiari), il rapido entrare – uscire ti lascia con una forte plusvalenza a breve termine. Ci vuole una seria sovraperformance per più che compensare il conto quando scade il 15 aprile.

E anche per portafogli qualificati non tassabili che “uscire” parte dell’equazione può essere irritante. Nel corso degli anni abbiamo assistito a sacche di sovraperformance sia per i portafogli dei mercati sviluppati non statunitensi che per quelli dei mercati emergenti. Nel corso del tempo, però, quelle scommesse non sono state consegnate, come puoi vedere nella tabella qui sotto.

Come mostra il grafico, su più cicli di mercato a partire dalla metà degli anni ’90, i rendimenti dei tre indici non statunitensi mostrati (gli indici MSCI EU, Emerging Markets ed EAFE rispettivamente in grigio, cremisi e verde) hanno sottoperformato sia l’S&P 500 che S&P 600 Small Cap (rispettivamente blu e arancione) di una grandezza di oltre tre volte cumulativamente. Si noti che esprimiamo questi rendimenti in dollari USA, che è ciò che conta per un portafoglio domiciliato negli Stati Uniti e quindi tiene conto delle conversioni valutarie.

Notiamo inoltre che le azioni non statunitensi tendono ad essere più volatili in generale, in parte a causa della variabile aggiuntiva del rischio valutario, e quindi su una base di rendimento aggiustato per il rischio il divario tra Stati Uniti e paesi non statunitensi sarebbe ancora più pronunciato. L’idea alla base dell’investimento in un asset più rischioso di qualsiasi natura è che, nel tempo, tali rischi dovrebbero essere compensati da rendimenti più elevati. Tale, qui, non è il caso.

Advertisement

D’altra parte, le azioni domestiche a bassa capitalizzazione sembrano ancora dimostrare almeno in una certa misura il premio per il rischio azionario a lungo termine che i libri di testo di teoria finanziaria dicono che dovrebbero. Mentre quest’anno prevediamo un potenziale rimbalzo delle azioni rispetto al difficile contesto dello scorso anno, siamo più propensi a vedere un valore aggiunto dalle small cap statunitensi come un modo per estendere la nostra frontiera del rischio. Avremo altro da dire su questo nelle prossime settimane.

Nota dell’editore: I punti riassuntivi per questo articolo sono stati scelti dagli editori di Seeking Alpha.

Questo articolo è stato scritto da

MV Financial è un gestore patrimoniale dell’area di Washington DC che offre servizi di consulenza sugli investimenti tramite MV Capital Management, un consulente per gli investimenti registrato. Siamo specializzati in ricerche approfondite su un’ampia gamma di asset class e veicoli di investimento, con l’obiettivo di trasformare la conoscenza in soluzioni di investimento attuabili per la nostra clientela individuale, familiare e istituzionale.

Advertisement

Raccomandato per te

Advertisement

Trending