Entra in contatto con noi

Economia

Export Italia: ecco alcuni dati emersi dalla ricerca di Nomisma

Pubblicato

il

La società di consulenza Nomisma, in collaborazione con Cribis, ha evidenziato uno stretto rapporto tra la possibile recessione statunitense e il calo delle esportazioni delle aziende italiane all’estero. Un calo che ammonterebbe a quasi 8 miliardi di euro.

Dopo la Germania, gli Stati Uniti sono il mercato outlet più rilevante per le aziende italiane. La simulazione Nomisma è stata eseguita sulla base delle previsioni del Fondo monetario internazionale, secondo cui il PIL degli Stati Uniti sarebbe sceso di 8 punti nel 2020.

In effetti, un calo del prodotto interno lordo tende a ridurre il reddito disponibile e, quindi, anche la domanda di prodotti importati dall’estero. Le economie che esportano più di quanto importino dall’estero, come l’Italia, hanno più da perdere con il rallentamento dell’economia mondiale, poiché un calo delle esportazioni (al netto delle importazioni) è un elemento negativo (segno meno) nel calcolo del PIL.

Cribis aveva già in precedenza effettuato uno studio sull’impatto di un eventuale calo del PIL tedesco sulle esportazioni italiane.

“La differenza che deriva dal confronto tra le esportazioni del nostro paese (e le rispettive elasticità) con queste due potenze economiche è che, nel caso della Germania, l’intreccio delle nostre esportazioni è stato assolutamente integrato nello schema della produzione tedesca”, ha spiegato Nomisma, “Rispetto agli Stati Uniti, le nostre esportazioni sono più orientate ai beni di consumo finali rispetto ai semilavorati. In questo senso, gli Stati Uniti sono più un cliente eccellente che un partner di produzione.

Nomisma, esaminando la relazione tra l’andamento del PIL e la domanda di prodotti importati negli Stati Uniti, ha predetto i settori più esposti alla recessione degli Stati Uniti.

Advertisement

“Le elasticità dei compartimenti al cambiamento del PIL degli Stati Uniti hanno un’intensità molto diversa nei diversi comparti”. Fortunatamente per noi gli scomparti che hanno le più alte elasticità [per i quali la domanda cala maggiormente a causa delle contrazioni del PIL degli Stati Uniti] quote di esportazione: articoli in gomma (elasticità 4,88, partecipazione 4,3%), servizi (elasticità 4,79, partecipazione 0,67%) e prodotti in legno e legno (elasticità 4,48, quota 0,77%) Al contrario, i tre settori più importanti hanno una bassa elasticità: macchinari e attrezzature nca (partecipazione 18,28%, elasticità 1,9), articoli farmaceutici (partecipazione 12,8%, elasticità 0,44) e alimenti, bevande e tabacco (quota del 10%, elasticità) . 0.8) “.

Data la coerenza del fatturato e dell’elasticità, i settori più colpiti dalla caduta del PIL degli Stati Uniti “sono macchinari e attrezzature nca che ridurrebbero i loro flussi di 1,26 trilioni (-15%); prodotti tessili, abbigliamento e accessori in pelle che perderebbero 1.100 milioni (-28%); 800 milioni di euro in meno segnerebbero le esportazioni di mezzi di trasporto (-9,6%). “L’elemento più rilevante in termini di impatto sono altre attività manifatturiere (gioielleria, strumenti musicali, articoli sportivi e giocattoli .. .) che perderebbe 1,7 miliardi (-37%) “.

Advertisement