lunedì 23 novembre 2020

Exxon e Chevron sono titoli “dividendi aristocratici”, ma per quanto tempo?

         

Mentre Exxon Mobil Corp. lavora su un piano per tagliare i costi, gli investitori stanno valutando se Exxon e Chevron Corp. rinunciano a pagare dividendi per la prima volta dopo decenni.

      

Exxon          XOM,          -. 3 94%       e Chevron          CVX,          – 8 . %       sono le uniche due compagnie petrolifere nell’elenco degli “aristocratici dei dividendi” di S&P o società che hanno aumentato il loro dividendo ogni anno almeno per 25 anni consecutivi.

      

Exxon ha aumentato il suo dividendo ogni anno per l’ultimo 37 anni e la striscia di Chevron è quasi altrettanto lunga, ha detto Pavel Molchanov, analista di Raymond James.

      

“Sarebbe praticamente impensabile per entrambi tagliare il dividendo”, ha detto.

             

Stewart Glickman con CFRA concordato.

      

“Entrambi hanno bilanci molto chiari”, con rapporti debito / capitale netti pari a 10% per 11%, ha detto. Un E&P tipico ha circa 30%, ha detto a titolo di confronto. “La riduzione del dividendo scoraggerebbe gli investitori in reddito e gli investitori in crescita sono già fuggiti molto tempo fa”, ha affermato.

      

A seguito di un declassamento del rating del debito lunedì, Exxon alla fine di lunedì ha dichiarato che “sta cercando di ridurre in modo significativo la spesa” a breve termine mentre lotta con le ricadute della nuova pandemia di coronavirus e la forte riduzione dei prezzi delle materie prime .

      

Un piano dovrebbe essere finalizzato presto, ha detto la società. Le azioni di Exxon si sono radunate sulle notizie e hanno continuato a negoziare martedì.

      

Le azioni hanno guadagnato quasi l’8%, mettendole al passo con il loro più grande aumento di un giorno da novembre 2008. Lo stock è esaurito 55% da a 52 – massimo della settimana di $ 83. 38 colpito ad aprile 23.

      

S&P Global Ratings ha abbassato i suoi rating sul debito Exxon di una tacca ad AA dicendo che il flusso di cassa del colosso petrolifero è sceso “ben al di sotto” delle aspettative.

      

“Ciò su cui ogni produttore di petrolio è attualmente concentrato, come prima linea di difesa, sta tagliando la spesa in conto capitale: in molti casi, in modo piuttosto netto, da 30% o anche di più “, ha detto Molchanov.

      

È probabile una riduzione dei costi aziendali, compresi i licenziamenti, ma il motore principale sarà rallentare l’attività di perforazione e rinviare i progetti, ha affermato Molchanov. Diverse società hanno già annunciato tagli alle spese in conto capitale.

      

Tra gli ultimi ad annunciare tagli c’erano Hess Corp.         LUI È,          – 5 . %       e Pioneer Natural Resources Co.          PXD,          – 0 . % .       Martedì prima, Hess ha annunciato un 23 riduzione del% del suo budget di capitale 2020 a $ 2,2 miliardi da $ 3 miliardi, con la maggior parte delle riduzioni in atto negli Stati Uniti

      

Pioneer alla fine di lunedì ha rivisto le sue prospettive 2020 e ridotto le sue 2020 programma in “modalità di manutenzione” con un capex totale di poco inferiore a $ 2 miliardi.

      

Ciò “preserva il solido bilancio della società e genera un flusso di cassa gratuito che consente a PXD di resistere al ciclo discendente ed emergere più forte con il miglioramento dell’ambiente”, hanno detto gli analisti di SWS Equity Research in una nota martedì.

      

Glickman della CFRA ha detto che crede che sia Exxon che Chevron taglieranno il loro 2020 budget di investimenti in tali circostanze.

      

“Significa crescita della produzione più debole e accelerazione più lenta per i progetti a più lungo termine, ma preservare il denaro sembra una priorità più forte in questo momento”, ha detto.       

La diffusione del COVID – 19 la malattia della domanda di petrolio unita alle guerre dei prezzi tra i principali produttori è stata a dir poco devastante.

      

Molchanov ha chiesto che i prezzi del greggio negoziati dal NYMEX testino livelli a partire da $ 20 una botte nel secondo quarto di 2020 prima di un rimbalzo nella seconda metà dell’anno per concludere l’anno intorno a $ 45.

      

Gli analisti di Goldman Sachs hanno dichiarato in una nota di martedì che credono che i prezzi del greggio quotati a Londra sul Brent stiano probabilmente andando verso $ , $ 30 una botte attraverso il terzo trimestre 2020 prima di tornare a $ 53 un barile entro l’anno prossimo. Le raffinerie, che comprerebbero petrolio a basso prezzo, sarebbero comunque colpite a causa della debolezza della domanda, in particolare per il carburante per aerei e la benzina.

      

Gli analisti Goldman valutano Exxon una vendita e, continuando con la loro preferenza di vecchia data, condivisa da molti analisti, preferiscono Chevron a Exxon.

      

“Tra le major, evidenziamo i caratteri maiuscoli” come Chevron, ConocoPhillips         POLIZIOTTO,          – 8 . %       e Suncor Energy Inc.          SU,          – 4 . % ,       “Dove i solidi bilanci dovrebbero consentire alle aziende di arrivare dall’altra parte del ciclo di vita dell’OPEC / guidato dalla domanda in una posizione di forza”, hanno scritto.

              

Articolo originale di Marketwatch.com