mercoledì 21 aprile 2021

Facebook etichetterà le notizie gestite dagli organi governativi

Facebook inizierà ad attuare alcune modifiche alle sue politiche di pubblicazione, dopo le questioni scaturite dall’omicidio di George Floyd.
Facebook (NASDAQ: FB) sta seguendo il suo obiettivo di alcuni mesi fa, annunciando che inizierà a etichettare i media controllati dallo Stato che pubblicano sulla sua piattaforma.

In un post sul blog, il gigante dei social media, che ha affrontato il contraccolpo dei dipendenti per aver rifiutato di rimuovere i posti infiammatori dal presidente Trump in merito all’omicidio di George Floyd in custodia di polizia e alle proteste che ne conseguono, ha detto che le etichette inizieranno ad apparire come di mercoledì.

Facebook non rimuove le notizie controllate dallo stato, ma etichettandole, cosa che Facebook dice meglio equipaggiare gli utenti per capire chi c’è dietro le notizie. La società ha dichiarato che etichetterà anche gli annunci dei media controllati dallo stato entro la fine dell’estate. “Stiamo offrendo maggiore trasparenza a questi editori perché combinano l’influenza di un’organizzazione mediatica con il supporto strategico di uno stato e crediamo che le persone dovrebbero sapere se le notizie che leggono provengono da una pubblicazione che potrebbe essere sotto l’influenza di un governo “, ha scritto Facebook.
Il gigante tecnologico ha dichiarato di aver consultato più di 65 esperti del globo che si concentra su media, governance e diritti umani, per sviluppare i criteri per ricevere un’etichetta. Facebook guarderà oltre la struttura della proprietà per includere dichiarazioni di missione, linee guida editoriali, informazioni sulla redazione e sul suo personale, fonte di finanziamento e entrate e politiche di governance e responsabilità in atto. “Sappiamo che i governi continuano a utilizzare i meccanismi di finanziamento per controllare i media, ma questo da solo non racconta la storia completa. Ecco perché la nostra definizione di media controllati dallo stato va oltre la semplice valutazione del controllo finanziario o della proprietà e comprende una valutazione del controllo editoriale esercitato da un governo “, ha scritto Facebook.

La mossa di Facebook arriva mentre gli Stati Uniti si dirigono verso quelle che dovrebbero essere le elezioni polarizzanti a novembre rese peggiori dal COVID – 19 pandemia e disordini diffusi. Il gigante dei social media ha affrontato intense critiche per aver permesso alle notizie false di proliferare sulla sua piattaforma durante il periodo precedente al 2016 elezioni e dice che sta lavorando per impedire una ripetizione. Le etichette possono incontrare scetticismo dato che da tempo si rifiuta di rimuovere le pubblicità politiche anche se sono piene di bugie.