mercoledì 25 novembre 2020

Facebook ha deciso di segnalare i messaggi dei politici

Negli ultimi tempi i principali Social Network hanno dato alcuni segni di cambiamento riguardo le politiche interne.

Sulla scia di tutto ciò, l’annuncio è arrivato anche da Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook (FB), in una pubblicazione sulla sua pagina ufficiale.

Facebook segnalerà tutti i messaggi dei personaggi politici che violano le regole sociali. La società non rimuoverà i messaggi, ha detto Zuckerberg, poiché li considera ancora “di interesse giornalistico”, nel senso che sono rilevanti per il dibattito pubblico e la stampa, ma saranno sempre contrassegnati.

Un aggiornamento che fa eco alla decisione di Twitter, che recentemente ha iniziato ad aggiungere tag ai tweet di Donald Trump e di altri politici americani, segnalando se stanno infrangendo le loro regole.

Zuckerberg ha prima criticato Twitter per la sua decisione, poi per l’improvvisa inversione di tendenza:

“Presto inizieremo a taggare parte del contenuto, che lasceremo comunque perché è considerato importante. Permetteremo anche alle persone di condividere questi contenuti lontano da loro, come facciamo con altri contenuti problematici”, ma “aggiungeremo un avviso per informare le persone che i contenuti che condividono potrebbero violare le nostre politiche”.

La svolta di Mark Zuckerberg è arrivata dopo che oltre 100 aziende hanno minacciato di interrompere la pubblicità sulla piattaforma, accusando il social network di non fermare il fenomeno del “ discorso dell’odio ”, inclusi i due grandi Verizon (VZ) e Unilever (UL).

Il social network inizierà anche a inserire un link al suo “centro informazioni di voto” sotto i messaggi dei politici per garantire la conformità delle informazioni condivise: “Questo non è un giudizio sul voto”. accuratezza dei messaggi stessi “, ha detto. Zuckerberg in un video dal vivo sul suo social network, ma un invito agli utenti a verificare i fatti.

La compressione influenzerà anche i contenuti che odorano i discorsi di odio: Zuckerberg ha anche affermato in video che i social media vieteranno le pubblicità che diffondono odio razziale, religioso, sessuale o minacciano altre persone.