mercoledì 21 aprile 2021

Finito il matrimonio tra Apple e Intel? Ecco perché Intel starebbe meglio

Nell’ultimo anno, abbiamo sentito voci sui piani di Apple di ridurre e/o eliminare la sua partnership con Intel per i chip della CPU per la sua gamma di Mac.

Con la Worldwide Developer Conference (WWDC) di Apple che inizierà il 22 giugno queste voci si sono nuovamente accese , e sembra sempre più che Intel si troverà presto fuori dai piani di Apple per il suo Mac di prossima generazione.

Per molti, questa sembra essere una brutta notizia per Intel (INTC). Ma potrebbe non essere proprio così, anzi.

Oggi Apple rappresenta circa il 6% del mercato globale dei PC in base alle unità vendute e rappresenta circa il 2% – 4% delle vendite di Intel. Sulla base delle entrate di 12 mesi finali di Intel di oltre $ 75 miliardi, ciò significa che la relazione Apple rappresenta tra $ 1,5 miliardi e circa $ 3,0 miliardi di vendite annuali per il produttore di chip. Questo numero è significativo, ma date le dimensioni complessive del business Intel, è quasi insormontabile.

Apple, un fornitore molto esigente

Inoltre, Apple è un fornitore esigente che ha una storia di pressioni immense sui venditori. Lo abbiamo visto nel business del modem 5G – non solo con Intel, che ha venduto la sua attività ad Apple l’anno scorso, ma anche con il gigante dei chip mobili Qualcomm (QCOM), – 0,02% . Senza Apple, Intel può focalizzare maggiormente l’attenzione da dove proviene la sua crescita più significativa: la sua ampia strategia incentrata sui dati, che comprende data center, rete e Internet of Things (IoT).

Nei due trimestri più recenti da quando ha ceduto il business del modem 5G, Intel ha prodotto ottimi risultati, prima nel suo periodo che termina a gennaio 2020 e nel trimestre che termina ad aprile, quando ha visto il 69% di anno in più- crescita degli utili annui con una crescita dei ricavi del 23%.

Forse più importante della crescita complessiva è da dove proviene la crescita. Mentre la società ha registrato un notevole aumento del 14% delle entrate del client computing (PC) nel trimestre di aprile rispetto a un anno prima, ha visto una crescita molto più grande nel suo gruppo Data Center. Le vendite hanno raggiunto $ 7,0 miliardi in questo periodo – una crescita del 43% su base annua.

I servizi cloud

All’interno di questi numeri forti vi sono i fornitori di servizi cloud, in cui le entrate sono aumentate del 53% su base annua mentre il volume e il prezzo medio di vendita sono aumentati rispettivamente del 27% e del 13%. Ciò di per sé è impressionante dato che la normale direzione dei prezzi della tecnologia è al ribasso.

Il recente successo è una testimonianza di un Intel più diversificato. La sua strategia incentrata sui dati, che è stata ufficialmente annunciata nell’aprile 2019, ha lanciato o ampliato molte aree di business tra cui archiviazione, memoria, intelligenza artificiale e networking. Ciò ha spinto il mercato indirizzabile totale della società a nord di $ 300 miliardi, il che rappresenta quasi 10 volte il mercato indirizzabile per lo storico business delle CPU di Intel, che Intel ha raggiunto $ 35 miliardi.