lunedì 30 novembre 2020

Foxconn, produttore di iPhone, realizza maschere chirurgiche insieme ai prodotti Apple a Shenzhen

                                  

Foxconn                                                                                                                                                                                                                       2354, – 0. 32%                                                                                                                                                           inizierà a realizzare maschere chirurgiche accanto a Apple                                                                                                                                                                                                                       AAPL, – 1. 36%                                                                                                                                                           prodotti nello stabilimento di Shenzhen in risposta allo scoppio del coronavirus che ha fatto ammalare migliaia di persone, secondo quanto riferito dai media venerdì. I rapporti citavano una dichiarazione rilasciata da Foxconn, il più grande produttore mondiale di elettronica a contratto, sul sito cinese di social media WeChat. “Le maschere per il viso sono ora l’equipaggiamento standard nella nostra lotta contro l’epidemia”, afferma la dichiarazione, secondo AFP. Foxconn produce iPhone e altri prodotti Apple nelle fabbriche in Cina, che dovrebbero riaprire a febbraio 10 dopo l’annuale festività del capodanno lunare che è stata prorogata quest’anno a causa della malattia. L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato venerdì che a causa dello scoppio mancano i dispositivi di protezione individuale. Foxconn ha detto che prevede di produrre 20 milioni di maschere entro la fine di febbraio. Ora ci sono 31, 420 hanno confermato i casi di coronavirus e almeno 638 le persone sono morte a causa del virus, secondo gli ultimi dati dell’Organizzazione mondiale della sanità. In Cina, ci sono 31, 161 casi confermati e 636 morti, ha affermato la Commissione nazionale per la salute cinese nel suo ultimo aggiornamento, mentre gli Stati Uniti hanno almeno 12 casi confermati, secondo i funzionari sanitari locali e federali. Questo coronavirus, che è stato dichiarato un’emergenza per la salute pubblica, è nato a Wuhan, in Cina, alla fine dell’anno scorso e ora si è diffuso in 25 paesi.

                                                                                                                                                                                                                                                         

Articolo originale di Marketwatch.com