Entra in contatto con noi

Mercati americani

FTX si trasformerà in un grattacapo normativo per Silvergate Capital o Signature Bank?

Pubblicato

il

Capitale Silvergate (SI 16,75%) e Firma Banca (SBNY 1,03%) sono le due principali banche assicurate a livello federale che servono l’industria delle criptovalute.

Entrambi hanno sviluppato reti di pagamento in tempo reale che gli scambi di criptovalute e i trader istituzionali di criptovalute possono utilizzare per scambiare dollari USA in tempo reale, fungendo essenzialmente da rampa di accesso fiat per l’industria delle criptovalute.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Ma con Silvergate e Signature che hanno servito il grande scambio di criptovalute FTX prima che dichiarasse bancarotta, ci sono state molte chiacchiere sul fatto che queste due banche potessero affrontare ordini di consenso normativo o multe. FTX si trasformerà in un grosso grattacapo normativo per una di queste banche? Diamo un’occhiata.

Fonte immagine: Getty Images.

Quali potrebbero essere i problemi normativi

Come molti ora sanno, una cosa di cui FTX è accusata è l’utilizzo dei fondi dei clienti per sostenere la sua consociata Alameda Research dopo che l’hedge fund ha effettuato una serie di investimenti sbagliati. Quindi una grande domanda è stata se Silvergate o Signature avrebbero dovuto segnalare transazioni o segnalare attività sospette riguardanti FTX. E per quanto ne sappiamo, le banche potrebbero aver archiviato molto bene segnalazioni di attività sospette (SAR) o attività irregolari segnalate. Le banche per legge non sono autorizzate a rivelare se lo hanno fatto.

Advertisement

Tuttavia, se una di queste banche ha rilevato alcuni trasferimenti o attività irregolari e non l’ha segnalata correttamente, potrebbe violare le regole antiriciclaggio (AML), Bank Secrecy Act (BSA) o conoscere il tuo cliente (KYC) . Questo è attualmente un argomento centrale sostenuto da molti venditori allo scoperto di Silvergate e Signature.

È interessante notare, tuttavia, che i team di gestione di Silvergate e Signature sono stati interrogati dagli analisti durante le chiamate sugli utili del quarto trimestre su possibili problemi normativi dovuti a FTX e le banche hanno avuto risposte diverse.

dipende a chi lo chiedi

Signature Bank ha detto molto poco sulle sue attività crittografiche in passato. Ma nella sua recente chiamata sugli utili, l’amministratore delegato Joseph DePaula ha dichiarato:

Con l’FTX, non era una questione di BSA/AML. Tutti pensavano che lui [Sam Bankman-Fried] era legittimo e finì per esserlo molto [Bernie] Tipo Madoff. Quindi, non credo che nessuno possa dire di saperlo e lo capiamo.

Advertisement

Più avanti nella chiamata agli utili, il direttore operativo di Signature Bank, Eric Howell, ha fatto un ulteriore passo avanti, aggiungendo:

Sai, avevamo annunciato che stavamo integrando FTX, ma non eravamo ancora integrati con FTX. Quindi non abbiamo avuto transazioni relative ai clienti di FTX sulla nostra piattaforma. Sì, quindi, va sicuramente bene.

Questo è decisamente importante, perché se FTX non ha effettuato transazioni sulla piattaforma Signet di Signature, la banca ha molte più possibilità di evitare difficoltà normative. Alcuni mesi fa, Signature ha riferito di avere solo lo 0,1% dei suoi depositi totali da FTX in particolare.

Da Silvergate chiamata guadagnic’è stata una discussione molto più piccola sull’argomento, poiché la direzione semplicemente non ha commentato quando gli è stato chiesto di questioni normative.

Advertisement

Silvergate è una banca molto più piccola di Signature e opera praticamente solo nel mercato delle criptovalute, mentre Signature ha molte altre linee di attività e riceve depositi da una serie di altre fonti.

Anche Silvergate faceva affari con FTX da molto più tempo e aveva anche Alameda Research come cliente. Quasi il 10% dei depositi relativi alle risorse digitali della banca presso Silvergate erano legati a FTX e la banca in realtà presentava una citazione di Bankman-Fried sul suo sito web prima dello scandalo.

Una delle due banche è nei guai?

Sulla base delle informazioni disponibili, penso che sia più probabile che Silvergate debba affrontare problemi con le autorità di regolamentazione rispetto a Signature, ma è possibile che nessuno dei due lo faccia.

In quanto banca altamente regolamentata, Silvergate ha tre regolatori e deve disporre di protocolli e programmi AML, BSA e KYC. Trovo difficile credere che le autorità di regolamentazione non stessero osservando da vicino Silvergate. Considera anche che la banca stava crescendo molto velocemente durante la pandemia e che ne è stata fortemente coinvolta cripto.

Advertisement

I regolatori hanno anche approvato l’acquisizione da parte di Silvergate della tecnologia stablecoin Diem Metapiattaforme all’inizio del 2022 e le banche di solito devono essere in regola con le autorità di regolamentazione per effettuare acquisizioni.

Silvergate potrebbe certamente affrontare una sorta di azione normativa qui, ma solo il tempo dirà se c’è un ordine di consenso o una pesante multa. In definitiva, credo che Silvergate sia a maggior rischio di Signature.

Randi Zuckerberg, ex direttore dello sviluppo del mercato e portavoce di Facebook e sorella del CEO di Meta Platforms Mark Zuckerberg, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Bram Berkowitz ha posizioni in Silvergate Capital. The Motley Fool ha posizioni e consiglia Meta Platforms. The Motley Fool raccomanda Silvergate Capital. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement
Advertisement

Trending