domenica 13 giugno 2021

Fujifilm abbattuta mentre continua la baldoria globale del ransomware

Fujifilm, la società cinematografica globale con sede in Giappone, ha chiuso parti della sua rete in tutto il mondo dopo essere stata apparentemente l’ultima vittima di un ransomware attacco. L’azienda sta ancora cercando di capire la portata e l’entità dell’attacco, ma ecco cosa sappiamo.

Quest’anno abbiamo abbiamo visto un numero sempre più elevato di attacchi ransomware e non sembra che rallenteranno presto. Questi attacchi hanno preso di mira tutti da Apple, Colonial Pipeline, servizi sanitari irlandesi e, più recentemente, l’azienda di lavorazione della carne JBS e ora Fujifilm.

In una dichiarazione all’inizio di questa settimana, Fujifilm ha affermato che la società “sta attualmente conducendo un’indagine su un possibile accesso non autorizzato al proprio server dall’esterno dell’azienda”. Poi ha continuato dicendo che a causa dell’indagine, “la rete di Fujifilm è parzialmente chiusa e disconnessa dalla corrispondenza esterna”, pur rilevando di aver sospeso “tutti i sistemi interessati in coordinamento con le nostre varie entità globali”. Secondo un avviso sul sito web dell’azienda, la sede di Tokyo è stata colpita da un attacco ransomware il 2 giugno. Inoltre, a causa di un guasto del sistema, sub -Le divisioni di tutto il mondo stanno riscontrando problemi. La filiale statunitense di Fujifilm ha aggiunto un avviso simile al proprio sito Web, affermando che si tratta di problemi che hanno avuto un impatto su tutti i tipi di comunicazione.

Noi Non sono ancora del tutto sicuro di cosa stia succedendo, ma secondo vari rapporti, il trojan Qbot ha infettato Fujifilm a metà maggio e l’azienda sta lavorando rapidamente per risolvere la situazione. Si spera che possano chiarire le cose, ottenere un decryptor e tornare online il più rapidamente possibile.

Lo faremo riferisci se impariamo di più. Nel frattempo, ecco come proteggersi dal ransomware.

tramite TechCrunch