venerdì 23 ottobre 2020

Fuori dagli schemi: il Coronavirus ha inaugurato un’era glaciale economica. Quando possiamo aspettarci che l’attività si riscaldi di nuovo?

Alla fine, è stata necessaria una microscopica molecola proteica per eliminare un $ 22 trilioni di dollari dell’economia americana e bruscamente porre fine alla più lunga espansione nella storia americana. Il virus COVID – 19, che non è persino un organismo vivente, ora si è infiltrato nel corpo economico mondiale e le convulsioni sono appena iniziate.

L’ultima prova di ciò negli Stati Uniti è arrivata con il rapporto sull’occupazione di marzo in cui i libri paga privati ​​sono precipitati di 713, 000, ponendo fine improvvisamente a una striscia storica che vide 113 mesi consecutivi di crescita del lavoro. La maggior parte dei meteorologi ha previsto un intervallo di – 100, 000 per -500, 000, che sono numeri sorprendenti da soli. Ma i dati sui disoccupati di marzo si sono rivelati sostanzialmente più alti e suggeriscono che i meteorologi (e noi siamo tra questi) non hanno ancora un reale senso di quanti danni sta causando questo virus all’economia ).

      

In effetti la violenza dell’improvvisa recessione economica può essere vista se vista in contrasto con i forti guadagni di lavoro di gennaio e febbraio, in forte aumento 220, 000 e 224,000, rispettivamente, prima che la terra si aprisse e causasse quasi tre- scompaiono i quarti di milione di buste paga.

      

Nel sondaggio separato sulle famiglie, le dimensioni della forza lavoro americana sono diminuite di 1. 63 milioni il mese scorso, quando quasi 3 milioni di lavoratori americani si sono improvvisamente trovati senza lavoro. Ciò ha aumentato il tasso di disoccupazione dal 3,5% a febbraio al 4,4% a marzo.

             

Ma ecco le notizie davvero allarmanti. Da metà marzo, quando il BLS ha condotto l’indagine sull’occupazione per il mese, il deterioramento economico ha subito un’accelerazione. Per tale motivo, il rapporto di marzo è per definizione una vecchia notizia. Non vi è un’illustrazione più vivida della sua irrilevanza rispetto al numero di registrazioni per la prima volta per l’assicurazione contro la disoccupazione. Nel mese di marzo è passato da circa 200, 000 nuove applicazioni nella settimana che termina il 7 marzo, a 3,3 milioni entro marzo 21, a 6. 65 milioni entro marzo 28. In breve, l’economia statunitense nelle ultime due settimane è stata in caduta libera senza fine. Non abbiamo mai visto le condizioni commerciali disintegrarsi con tale velocità.

      

                                             

                 Il virus sta chiamando i colpi.                

                                                                                                                                           

      

Così quello che ora? La tempistica per il momento in cui questa economia riacquista la sua base ha meno a che fare con le enormi politiche fiscali e monetarie di emergenza introdotte e molto più a che fare quando possiamo contenere la diffusione di questo pericoloso agente patogeno. In poche parole, il virus sta chiamando i colpi qui. Il problema è che non puoi sconfiggere il virus senza danneggiare nel frattempo l’economia. L’ammonizione di mantenere le distanze sociali e di allontanarsi dai luoghi pubblici significa che 60 Il% dei consumatori americani è ora in letargo a casa e contribuisce poco alla crescita.

      

E mentre il governo lavora febbrilmente per distribuire $ 1, 200 ai singoli e ai più grandi controlli di disoccupazione, non aspettatevi che questi fondi possano rivitalizzare l’economia in qualsiasi momento presto. I fondi che vengono spesi (cioè presi in prestito) da governi federali, statali e locali sono assolutamente sconcertanti. Ma come mostrano recenti sondaggi sulla fiducia dei consumatori, gli americani hanno molta paura della loro salute e sicurezza e della sicurezza del loro lavoro e delle loro entrate. Questi non sono prerequisiti per la spesa dei consumatori; sono i presupposti per accumulare risparmi perché le prospettive sono al tempo stesso spaventose e incerte.

      

                                             

                 L’attuale recessione assomiglia più a una depressione distruttiva, ma a una compressione di uno o due quarti.                

                                                                                                                                           

      

C’è anche la tentazione di proclamare che l’economia degli Stati Uniti è ora entrata in una recessione o forse l’inizio di una depressione. Ma entrambi i termini sembrano inadeguati nel rappresentare ciò che sta attraversando l’economia.

      

L’intensità e la velocità di curvatura del deterioramento economico sembrano più gravi persino della Grande recessione che ha seguito la crisi finanziaria. Durante la notte siamo entrati in quella che sembra un’era glaciale economica. È un congelamento profondo per gli agricoltori, le compagnie aeree, la maggior parte dei produttori, i rivenditori, i ristoranti, gli hotel e le industrie dell’ospitalità e dell’energia. Se premuto, questo ha tutti i segni distintivi di una depressione molto compressa. La Grande Depressione si dispiegò in numerose ondate per un periodo di quattro anni (1929 – 1933). L’attuale recessione sembra più una depressione distruttiva , ma una che viene compressa in uno o due quarti.

      

                                             

                 Francamente, stiamo volando alla cieca qui.                

                                                                                                                                           

      

Questa è una depressione compressa, innescata da un virus mortale che ha effettivamente messo da parte le previsioni economiche. Francamente, stiamo volando alla cieca qui, incapaci di avvolgere completamente la testa attorno a questo colpevole. Senza ipotesi ragionevoli e ben ponderate, le proiezioni economiche non hanno alcun valore reale. Parlare di un recupero a forma di V, U, L o W in questo momento è un esercizio di insalata di parole.

       

Il meglio che si può dire con una certa sicurezza è che esiste una correlazione inversa tra i cambiamenti nell’aumento di COVID – 19 e quando l’attività economica riprende. Una volta che la gente vede l’angolo è stato girato e il virus non è più una grave minaccia, la spesa dei consumatori e l’attività commerciale riprenderanno.

      

Leggere: 3 modi per garantire l’aiuto SBA per le piccole imprese aiuta chi ne ha più bisogno

      

Per ora, tutto ciò che possiamo fare è esaminare tre possibili scenari:

      

Scenario A: I tassi di infezione e mortalità di COVID – 19 picco entro la primavera o l’estate successiva di 2020 e marcatamente abbassare. Pharma produce un vaccino antivirale o altra risposta immunitaria efficace che riduce notevolmente il pericolo di un COVID – 19 ricadono nella prossima stagione. In questo caso, $ 03 trilioni inoltre i pacchetti fiscali e monetari porteranno a un sano rimbalzo dal 4% al 6% di crescita nell’ultimo trimestre del 2020. Per l’intero anno, tuttavia, la crescita del PIL sarà meno del 2%.

      

Scenario B: I tassi di infezione e mortalità raggiungono il picco alla fine dell’anno. L’industria farmaceutica produce un anti-COVID – 19, ma non abbastanza in tempo per prevenire un altro aumento delle vittime in autunno. Il pacchetto fiscale e monetario avrà solo un modesto impatto sull’economia degli Stati Uniti in 2020. L’output del PIL diminuirà di un tasso 24% nel secondo trimestre, seguito da una crescita relativamente modesta del 3% nel terzo trimestre e da un aumento del 5% negli ultimi tre mesi dell’anno. La produzione complessiva del PIL per 2020 sarà meno del 3,5%. Ciò rappresenta la nostra previsione di base.

      

Scenario C: I tassi di infezione e mortalità raggiungono il picco a metà – 2021. L’industria farmaceutica distribuisce un vaccino antivirale o altra risposta immunitaria efficace che pone fine alla minaccia rappresentata da COVID – 19 nell’estate di 2021. Inoltre, il pacchetto fiscale e monetario non ha alcun impatto evidente sull’economia in 2020 per due motivi:

      

(1) Gli americani continuano a concentrarsi fino a ricevere il vaccino perché questo particolare virus si è diffuso più velocemente e mostra quasi lo stesso tasso di mortalità della pandemia di influenza spagnola di 1918.

      

(2) Una recessione economica che dura più di un anno comporterà numerose vittime di affari con fallimenti multipli e significativi consolidamenti del settore. La dislocazione risultante silenzia qualsiasi ripristino in 2021. Dati i cambiamenti permanenti previsti nel panorama economico e commerciale, non vediamo un rapido rimbalzo dell’attività economica in 2021. In questo scenario, l’output del PIL rimarrà negativo per i prossimi tre trimestri di 2020, con un output complessivo che scenderà al 7% negativo e un debole rimbalzo non superiore al 2,5% in 2021.

      

Bernard Baumohl è capo economista globale presso The Economic Outlook Group, a Princeton, New Jersey

      

Leggere: Ha inchiodato il selloff del coronavirus di marzo – ora dice che ce n’è un altro 30% da percorrere prima che il mercato azionario raggiunga il fondo

      

Di Più: Fondo del mercato o “tempi molto difficili in vista”? Ecco cosa tiene d’occhio un osservatore del grafico

              

Articolo originale di Marketwatch.com