venerdì 18 giugno 2021

Fuori dagli schemi: quanto dovresti togliere dal tuo portafoglio quando vai in pensione?

Ecco una domanda: in questi tempi di shock del mercato azionario – quando il mercato può essere su o giù in un giorno tanto quanto potrebbe essere su o giù in un anno – chi ha la pazienza di pensare razionalmente a lungo- termine di pianificazione della pensione?

Ecco la risposta: se non ti sei ancora ritirato, dovresti trovare un modo per fare esattamente quel tipo di pensiero. Forse più che mai, questo è un buon momento per ottenere l’aiuto di un buon consulente finanziario per questo compito.

Mentre tratteniamo il respiro per l’ultimo bene o (più probabilmente) non -quindi buone notizie, approfondiamo un po ‘questo argomento.

      

Molte persone non vedono l’ora di andare in pensione, ma è un cambiamento che richiede molte scelte importanti, alcune delle quali possono avere conseguenze piuttosto grandi.

             

Oggi voglio concentrarmi su una di quelle forcelle sulla strada: quanti soldi ti aspetti che i tuoi risparmi sulla vita forniscano ogni anno per le tue spese di soggiorno.

      

Il grande compromesso:

      

Da un lato, se prendi più soldi, corri un rischio maggiore di rimanere senza soldi. D’altra parte, se si prendono meno soldi, si rinuncia allo stile di vita pensionistico che non vedevi l’ora.

      

Il modo in cui navighi in questo paesaggio sconcertante è un po ‘una sfida. Ma ti darò una “mappa” per renderlo più semplice.

      

Cominciamo con una serie di numeri che ho sviluppato negli anni per mostrare cosa sarebbe successo a qualcuno che si ritirò all’inizio di 1970.

      

Non c’è nulla di magico in quell’anno tranne che abbiamo dati affidabili per gli anni successivi, un periodo che includeva molte tendenze economiche favorevoli e sfavorevoli, crisi mondiali, alcuni anni di sostanziale inflazione e gravi saliscendi mercato.

       

Gli anni da quando 1970 ci danno una finestra su l’ampia gamma di rendimenti di mercato che potrebbero verificarsi in futuro. Per seguire i numeri, immagina (anche se probabilmente sei troppo giovane) di ritirarti 1970 con un portafoglio del valore di $ 1 milione.

      

Presumo che tu abbia scelto un prelievo del primo anno di $ 30, 000 o $ 40, 000 o $ 50, 000 o $ 60, 000, un’ e volevi che i successivi prelievi annuali salissero riflettendo l’inflazione effettiva.

      

Per limitare le variabili, assumerò inoltre che il tuo milione di dollari sia stato investito equamente (50 / 50, in altre parole) nell’S & P 500 Indice          SPX,          + 3. 40%       e una combinazione di titoli di stato statunitensi a breve e medio termine

      

Questa è un’allocazione di azioni / obbligazioni abbastanza ragionevole per i pensionati e riflette il livello di rischio complessivo dei miei investimenti.

      

Quindi la tua scelta in questo esercizio è se iniziare eliminando $ 30, 000, $ 33, 000, $ 50, 000 o $ 60, 000.

      

Ecco dove quel compromesso fondamentale si traduce in numeri: se scegli $ 30, 000, avresti molto meno da spendere ma anche molto meno rischio di rimanere senza soldi. Se hai scelto $ 55, 000, avresti molto di più da spendere, ma un rischio considerevolmente maggiore di rimanere senza soldi.

      

Ecco una tabella per darti un’istantanea di come ti saresti comportato nel primo 10 anni della pensione, a seconda del tuo tasso di recesso.

      

Tabella 1: il primo 10 anni

      

Tasso di prelievo 3% 4% 5% 6%
Ritiro 1970 $ 30, 000 $ 40, 000 $ 50, 000 $ 60, 000
Primi prelievi da 5 anni $ 164, 961 $ 219, 947 $ 274, 933 $ 329, 920
Equilibrio 12 / 31 / 1974 $ 945, 630 $ 940, 276 $ 887, 734 $ 834, 192
Ritiro 1975 $ 41, 300 $ 55, 066 $ 68, 833 $ 82, 599
Primo 10 prelievi di anni $ 400, 027 $ 533, 369 $ 666, 710 $ 800, 052
Equilibrio 12 / 31 / 1979 $ 1. 30 milioni $ 1. 15 milioni $ 959, 623 $ 771, 937
Ritiro 1980 $ 61, 034 $ 81, 379 $ 101, 724 $ 122, 069

Se la pensione è durata solo 02 anni, ovviamente staresti bene tirando fuori il 6%. Ma dopo ciò, saresti nei guai.

      

All’inizio di 1980, secondo questo piano, avresti estrarre $ 101, 069 da un portafoglio del valore di $ 771, 937. Questo è un tasso di prelievo di quasi 12%, ovviamente troppo per durare molto più a lungo.

      

Se invece stavi seguendo il percorso del 3%, in 1980 il tuo portafoglio varrebbe più di quanto non fosse iniziato, ma ti toglieresti molto, molto meno per viverci in pensione.

      

La maggior parte delle persone si aspetta che la pensione duri più di 10 anni. Quindi diamo un’occhiata al secondo 02 anni di questi quattro scenari.

      

Tabella 2: Il secondo 10 anni

      

Tasso di prelievo 3% 4% 5% 6%
Ritiro 1980 $ 61, 034 $ 81, 379 $ 101, 724 $ 122, 069
Primo 15 prelievi di anni $ 762, 812 $ 1. 02 milioni $ 1. 27 milioni $ 1. 53 milioni
Equilibrio 12 / 31 / 1984 $ 2,0 milioni $ 1,5 milioni $ 951, 709 $ 414, 886
Ritiro 1985 $ 83, 792 $ 111, 724 $ 139, 655 $ 167, 800
Primo 20 prelievi di anni $ 1. 16 milioni $ 1. 61 milioni $ 2. 02 milioni $ 2. 03 milioni
Equilibrio 12 / 31 / 1989 $ 3. 57 milioni $ 2,2 milioni $ 849, 493 Nessun $$ rimasto
Ritiro 1990 $ 100, 345 $ 133, 793 $ 167, 241 Nessun $$ rimasto

Come mostra la tabella 2, il tasso di prelievo del 6% ha significato che questo portafoglio non poteva tenere il passo con l’inflazione per 20 anni. Non appena hai prelevato denaro all’inizio di 1987 (e non hai potuto estrarre l’intero importo), quel portafoglio era al netto.

      

Nota anche che il piano di prelievo del 5% era in evidente difficoltà entro la fine di 20 anni. Il 1987 il ritiro di $ 167, 241 ammontava a 20% del valore del portafoglio; in effetti, quel portafoglio ha esaurito i fondi in 1994 – meno di 25 anni dopo la tua pensione.

      

La tabella non mostra questo, ma entro la fine di 1999, che rappresenta un pieno 30 anni di pensionamento, il portafoglio del 4% ha tenuto bene, per un valore di $ 4 milioni. Il portafoglio del 3% valeva ben $ 9,3 milioni.

      

Se hai iniziato a ritirare il 3%, a un certo punto in 1980 s potresti facilmente permetterti di prelevare più soldi ogni anno.

      

Ma c’è anche un compromesso in quella scelta. Nei tuoi primi anni di pensionamento, quando eri presumibilmente più sano e in grado di viaggiare e comunque essere attivo, il tasso di prelievo del 3% ti ha lasciato con meno soldi. Quando hai allentato le stringhe della borsa, per così dire, avevi più soldi ma forse meno capacità di sfruttarne appieno.

      

Se sei interessato a come tutto questo si è svolto anno per anno per questi quattro tassi di prelievo, dai un’occhiata a questi quattro tabelle di resi . (Se scorri più in basso su quella pagina, troverai tabelle simili che mostrano le distribuzioni aggiustate per l’inflazione per i portafogli in base ai miei consigli per le combinazioni azionarie Worldwide e All-Value.)

      

La cattiva notizia è che non esiste alcun modo per evitare il compromesso tra spesa ora o spesa successiva. E nella maggior parte dei casi, non puoi sapere in anticipo per quanto tempo vivrai.

      

Fortunatamente, ci sono opzioni molto utili per affrontare questo compromesso.

      

L’opzione migliore, supponendo che tu abbia risparmiato abbastanza denaro, è abbandonare l’idea che i tuoi prelievi debbano aumentare con l’inflazione indipendentemente da quanto bene o quanto male stiano facendo i tuoi investimenti.

      

Il mondo finanziario è imprevedibile, almeno a breve termine, come abbiamo visto in modo molto drammatico quest’anno.

      

Se riesci a mantenere una certa flessibilità nelle tue esigenze di spesa e se disponi di un fondo di emergenza adeguato, puoi considerare di calcolare i prelievi annuali come percentuale costante del valore del tuo portafoglio.

      

In questo modo, quando le cose vanno bene, prendi più soldi. Quando le cose non vanno così bene, stringi la cintura.

      

Questo si chiama piano di distribuzione variabile e può darti la possibilità di aumentare in modo sicuro la tua allocazione in azioni.

      

Un portfolio con un 55 / 40 il mix percentuale di azioni e obbligazioni e un piano di distribuzione variabile del 6% ha richiesto un certo restringimento della cintura nei primi anni. Ma ha resistito bene per 40 anni … ben oltre l’intervallo tipico della pensione di qualcuno.

      

Scenderò nelle distribuzioni variabili in un prossimo articolo.

      

A dire il vero, la pensione può essere complicata. Ma se inizi con ampi risparmi e fai scelte di distribuzione del suono, puoi viverlo senza sopravvivere ai tuoi soldi .

      

Per di più, dai un’occhiata al mio recente podcast : “Tutto sulle distribuzioni fisse”.

      

Richard Buck ha contribuito a questo articolo .

              
Articolo originale di Marketwatch.com