giovedì 25 febbraio 2021

George Soros ha un’idea di come l’Europa possa riprendersi dalla crisi del coronavirus

Investitore e filantropo statunitense ungherese George Soros.

FABRICE COFFRINI

George Soros ha suggerito all’Europa di emettere un debito che non avrebbe mai devono essere rimborsati come mezzo per finanziare i costi della crisi di Covid – 19.

L’Unione europea sta affrontando la crisi economica più profonda dalla Grande Depressione, secondo l’investitore miliardario 27 – il gruppo nazionale dovrebbe emettere “Obbligazioni perpetue” – il che significa che l’importo principale non sarebbe mai rimborsati, solo i pagamenti di interessi annuali. Sono anche noti come console.

“Un’obbligazione da 1 trilione di euro costerebbe 5 miliardi di euro all’anno, ipotizzando un tasso di interesse dello 0,5% Le console non avrebbero bisogno di essere vendute tutte in una volta; potrebbero essere emesse in tranche e sarebbero state rapite da investitori a lungo termine come le compagnie di assicurazione sulla vita “, ha detto Soros in un’intervista al quotidiano olandese De Telegraaf pubblicata venerdì.

Ai sensi del s piano, “l’unico obbligo reciproco è il pagamento degli interessi annuali, che è trascurabile”, ha detto Soros.

L’UE è stata in contrasto negli ultimi mesi sul il modo migliore per affrontare lo shock del coronavirus. L’economia della regione dovrebbe contrarsi di oltre il 7% quest’anno, ma poiché i paesi hanno pile di debito molto diverse, i membri si sono scontrati sul fatto che lo stimolo finanziario dovesse essere fatto tramite prestiti o obbligazioni.

Germania e Francia – le due maggiori economie dell’euro – hanno annunciato lunedì una proposta innovativa che potrebbe far sì che l’UE emetta grandi quantità di debito per mitigare la crisi.

Hanno detto che la Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, dovrebbe raccogliere 500 miliardi di euro ($

miliardi) nei mercati pubblici. Questo denaro verrebbe quindi utilizzato come sovvenzioni per settori e regioni in cui l’impatto del coronavirus è stato il più grave.

L’assegnazione di questi fondi verrebbe effettuata tramite il bilancio europeo – un paniere comune che riceve contributi da tutti i paesi membri 27 e che finanzia progetti in tutta la regione.

Tuttavia, un un piccolo gruppo di nazioni ha criticato il piano, dicendo che dovrebbe fornire prestiti anziché sovvenzioni. Quest’ultimo è più vantaggioso per i paesi che hanno grandi pile di debiti, come l’Italia e la Grecia.

La Commissione europea annuncerà ulteriori dettagli sui nuovi stimoli fiscali la prossima settimana. La discussione è destinata a trascinarsi per un altro paio di settimane poiché le nazioni 27 cercano un consenso.

Nella nel frattempo, la Banca centrale europea sta acquistando debito pubblico e circa 540 miliardi di euro sono disponibili attraverso vari piani per sostenere anche i paesi nell’attuale crisi.

Articolo originale di Cnbc.com