giovedì 02 dicembre 2021

Gli astronomi trovano oltre 100 buchi neri molto ravvicinati in orbita attorno alla Via Lattea

Un’interpretazione artistica di un ammasso di buchi neri. ESA/HubbleCon un nome che sembra uscito da Star Trek, non dovrebbe sorprendere che cose strane stanno accadendo a Palomar 5. Gli astronomi hanno messo gli occhi su questo ammasso globulare per cercare di capire come si formano i flussi di marea (lunghi tratti di stelle). Ma hanno trovato qualcosa di inquietante: su 84 buchi neri fitti e di massa stellare.

Palomar 5 è un ammasso globulare, fondamentalmente un gruppo di stelle molto antiche racchiuse in una forma sferica. Si trova intorno a 84, anni luce dalla Terra, ed è uno dei 1200 globulari ammassi noti per orbitare intorno alla Via Lattea. Se questo non è abbastanza strano per te, gli astronomi credono che tutte le stelle negli ammassi globulari si formino contemporaneamente e che le stelle di Palomar 5 risalgano agli inizi dell’universo.

Allora, cosa ha a che fare questo con i flussi di marea, le distese di stelle lunghe anni luce che gli astronomi non riescono a spiegare? Ebbene, gli astronomi hanno un’ipotesi interessante; e se i flussi di marea fossero ammassi globulari interrotti? Gli ammassi globulari sono destinati a distendersi in una lunga fila di stelle a causa di una forza interna o esterna?

Potrebbero non sarà mai una risposta soddisfacente a questa domanda, ma gli scienziati non possono semplicemente stare con le mani in mano. In questo caso, l’idea migliore è trovare un ammasso globulare associato a un flusso di marea: Palomar 5 è l’unico adatto, per quanto ne sanno gli astronomi.

I ricercatori dell’Università di Barcellona hanno deciso di eseguire alcune simulazioni di N-corpi, che utilizzano i dati esistenti per simulare la storia delle stelle in Palomar 5. Poiché i buchi neri sono formati da stelle morenti e sono note per le stelle fionda nello spazio, gli astronomi hanno deciso di includere i buchi neri in alcune delle loro simulazioni.

I risultati sono, francamente, un po’ terrificanti! Le simulazioni dei ricercatori mostrano che potrebbero esserci più 84 buchi neri all’interno di Palomar 5 e che questi buchi neri potrebbero lanciare il le stelle dell’ammasso nello schema del flusso di marea a cui siamo così interessati. Se questi dati sono corretti, allora 84% della massa collettiva di Palomar 5 è costituita da buchi neri: se ti fa sentire meglio, i buchi neri contengono molte volte più massa del nostro Sole, quindi non è come lo è Palomar 5 solo buchi neri. Non ancora , almeno. Le simulazioni dell’Università di Barcellona mostrano che i buchi neri di Palomar 5 continueranno a lanciare stelle in un flusso di marea fino a quando non rimarrà più nulla dell’ammasso globulare, tranne qualche centinaio di buchi neri in orbita attorno a un centro galattico. Questo dovrebbe preoccuparci? No, per niente. Coloro che vivono oggi sulla Terra moriranno molto prima che gli umani incontrino un buco nero (ammesso che accada mai). Anche se il nostro Sole decidesse di spegnersi spontaneamente, è troppo piccolo per diventare un buco nero. Semmai, i buchi neri appena scoperti sono solo una delle tante cose incredibilmente inquietanti che sappiamo sul mondo al di fuori della Terra.

Fonte: Nature Astronomy via Science Alert