lunedì 14 giugno 2021

Gli ex dipendenti Apple stanno attaccando il problema della carenza di maschere e stanno iniziando con elastici

Fix The Mask cofondatrice Sabrina Paseman (a sinistra) e Megan Duong

Jo Ash Sakula

L’anno scorso in questo momento , Sabrina Paseman era alla Apple e stava lavorando alla progettazione di Mac Pro. Ora, è rinchiusa in un appartamento di San Francisco con un altro ex impiegato della Apple che cerca di affrontare la carenza globale di maschere.

Paseman e Megan Duong sono i fondatori di un’organizzazione no profit che stanno chiamando Fix The Mask, uno sforzo per creare una soluzione semplice a un problema enorme e in crescita. La mancanza di equipaggiamento protettivo tra la pandemia di Covid – 19 è prima di tutto una crisi nel settore sanitario, ma mentre stati e paesi iniziano ad allentare il distanziamento sociale restrizioni, la necessità di maschere diventa più acuta per le persone sugli autobus, nei negozi e nei luoghi di lavoro.

Come ingegnere meccanico, Paseman, 28, decise di usare i primi giorni della pandemia per decostruire una maschera N 95, il tipo usato da medici e infermieri, per vedere se è protettivo le qualità possono essere trasferite ad altri tipi di maschere mediche. Ha scoperto che le maschere chirurgiche che soddisfano lo standard di ASTM International possono avvicinarsi all’efficacia della N 95 con molto meno materiale purché siano adeguatamente montate sul viso. E tutto ciò che serve sono tre elastici.

Collegando gli elastici in una catena, Fix The Mask sta lavorando per convalidare che una maschera chirurgica può essere sigillata sul viso di una persona per evitare che quasi tutte le particelle di dimensioni di coronavirus ottengano in o essere rilasciato. Il gruppo sta collaborando con l’Università della Pennsyvlania e un altro istituto di ricerca nel processo di test.

Fix The Mask ha pubblicato il metodo dell’elastico sul suo sito Web per essere utilizzato da chiunque. Ha anche sviluppato il proprio sigillo destinato alla produzione.

“Vogliamo metterli non solo nelle mani degli ospedali, ma anche dei lavoratori essenziali e di chiunque altro non riesca a ripararsi sul posto “, ha detto Paseman.

Duong, 29, è il direttore marketing di Fix The Mask, responsabile per far conoscere il mondo. In precedenza ha trascorso quattro anni presso Apple come responsabile del marchio e del marketing digitale presso la divisione Claris dell’azienda, precedentemente nota come FileMaker. Suo cognato è un medico del pronto soccorso, che trascorre la sua giornata con i pazienti di Covid – 19.

Duong lasciò Apple a marzo, pochi mesi dopo Paseman. Ora sono in quarantena insieme, parlano con potenziali produttori, raccolgono dati dagli utenti e cercano fondi per aiutare a finanziare i loro sforzi. Uno dei messaggi che Duong sta cercando di diffondere è che le maschere di stoffa, in particolare quelle realizzate con camicie e bandane, non sono un buon sostituto per i prodotti di livello medico.

Oltre al metodo dell’elastico, Fix The Mask ha anche pubblicato le specifiche per la creazione di un morsetto più sofisticato utilizzando un foglio di gomma e il taglio laser con stampa 3D o fabbricazione su larga scala. In questo modo chiunque nel mondo può realizzarli purché abbiano una scorta di maschere chirurgiche ASTM.

“Se ottieni una N 95 maschera – eccezionale, usala, ma questa è la cosa migliore dopo “, ha detto Duong. “Il semplice atto di condividere questo può avere un impatto su così tante persone.”

Fix The Mask sta raccogliendo fondi per la produzione e la distribuzione. Paseman ha detto che il produttore iniziale del gruppo sta cercando di produrre maschere 100, 000 principalmente per le aree colpite duramente intorno Detroit e Chicago.

“Stiamo scoprendo la nostra strategia di distribuzione in base alle necessità”, ha detto Paseman. “Stiamo valutando la necessità attraverso le statistiche pubblicate online e attraverso le nostre piattaforme di social media.”

Sperano che tra produttori su larga scala e produttori fai-da-te, milioni di maschere vengono presto creati ogni settimana. Duong ha affermato che l’obiettivo è donare 1 milione ciascuno a paesi tra cui Tanzania, Filippine e India.

GUARDA: Il commissario della FDA Stephen Hahn su studi e terapie sul coronavirus

Articolo originale di CNBC