mercoledì 21 aprile 2021

Gli scienziati leggono una lettera piegata di 300 anni senza aprirla. Ecco come

Il contenuto succoso di un 300 – le lettere vecchie di un anno sono ora disponibili per chiunque, grazie a un nuovo algoritmo che decostruisce i raggi X per aprire virtualmente i documenti. I ricercatori del MIT hanno sviluppato il metodo di apertura delle lettere virtuale per leggere le lettere non aperte che, a causa dei sigilli di cera e delle pieghe intense, sono troppo fragili per essere aperte oggi.

Aspetta, ho detto che questa lettera è succosa? In realtà è un po ‘banale. Nella lettera, datata luglio 31 st, 1697, l’avvocato francese Jacques Sennacques chiede a suo cugino, Pierre Le Pers, di inviare un certificato di morte per un parente di nome Daniel Le Pers. Purtroppo, la lettera non è mai arrivata a Pierre. Si trovava invece in un baule soprannominato Collezione Brienne accanto a 2, 600 altre lettere, 600 di cui rimangono non aperti.

I ricercatori ficcanaso non possono aprire queste lettere non sigillate, poiché sono tutte “letterlocked”. Il letterlocking, un processo in cui pieghi e sigilli una lettera al punto che non può essere aperta senza essere strappata, è stato un trucco comune per centinaia di anni in Europa e in altri continenti. Serve come deterrente per i ficcanaso, che aprendo una lettera “chiusa a chiave” la danneggerebbe, lasciando la prova che la lettera è stata manomessa.

Dopo 300 anni in una scatola francese polverosa, il le lettere sono troppo fragili per “sbloccarsi” senza causare danni significativi. E anche nei casi in cui i ricercatori potrebbero aprire con successo una lettera, così facendo si cancella il letterlock, che è un prezioso pezzo di storia a sé stante.

I ricercatori possono utilizzare questo metodo di “sblocco” virtuale per rivelare il contenuto delle lettere non aperte, che sono abbastanza comuni data la prevalenza di lettere prima della fine – 20 secolo. La tecnologia potrebbe anche tornare utile per i ricercatori che studiano altri documenti fragili, come vecchi libri e pergamene.

Fonte: Nature Communications tramite New Scientist