venerdì 24 settembre 2021

Gli Stati Uniti cancellano quasi la metà dei guadagni di lavoro dalla crisi finanziaria in sole due settimane

L’incredibile ritmo con cui gli americani hanno presentato domanda di disoccupazione nelle ultime due settimane ha spazzato via quasi la metà del numero totale di posti di lavoro aggiunti all’economia nell’ultimo decennio dalla crisi finanziaria.

Lo scoppio di COVID – 19 ha spinto i datori di lavoro a fare a pezzi mentre le chiusure di imprese forzate provocano un enorme successo alle entrate e alla terribile necessità di tagliare nuovamente i costi fino a quando la malattia non passa e i governi si sentono a proprio agio nel riprendere il commercio. un record di 6,6 milioni di americani ha presentato domanda di sussidio di disoccupazione la scorsa settimana . L’ultimo rapporto si è aggiunto ai numeri della settimana precedente, secondo cui 3,3 milioni di americani hanno presentato domanda di disoccupazione durante la settimana terminata a marzo 21.

Combinati, ciò significa circa 10 milioni di americani dichiarati per la disoccupazione nelle ultime due settimane di marzo, quasi dimezzando il 24. 8 milioni l’economia americana ha aggiunto tra febbraio 2010 e febbraio 2020.

Quello 10 il picco di richieste di sussidi di disoccupazione supera anche gli 8,7 milioni di richieste presentate dagli americani durante la Grande Recessione da picco a valle.

“Questo fa venire l’acquolina in bocca e siamo ancora solo all’inizio dei licenziamenti stimolati dai blocchi in tutto il paese”, Aberdeen L’economista standard James McCann ha dichiarato in commenti via e-mail.

“Quando guardiamo a tutti i lavori a rischio diretto dalle politiche di distanziamento sociale e quelli che potrebbero essere influenzati indirettamente, i numeri iniziano a diventare piuttosto spaventoso “, ha aggiunto. “La disoccupazione potrebbe benissimo salire nei prossimi mesi a più del 10%, comodamente un record del dopoguerra.”

Le buste paga non agricole sono scese al minimo 129 .7 milioni a febbraio 2010 poiché l’economia americana ha risentito della recessione e i datori di lavoro hanno tagliato le posizioni nel tentativo di ridurre i costi e, in alcuni casi, preservare le loro attività.

Ma i datori di lavoro erano rimbalzati da e fino alla fine di febbraio 2020 avevano aggiunto quasi 25 milioni di posti di lavoro per mettere l’occupazione non agricola degli Stati Uniti in un record 152. 5 milioni.

– Jeff Cox di CNBC ha contribuito alla segnalazione.

Iscriviti a CNBC PRO per approfondimenti e analisi esclusivi e programmazione di giorni lavorativi in ​​diretta da tutto il mondo.

Articolo originale di CNBC