sabato 02 luglio 2022

Gli ultimi dati macroeconomici cinesi di Aprile sono deludenti: pesano molto i controlli Covid

La persistente diffusione del Covid e i conseguenti ordini di restare a casa, principalmente a Shanghai, hanno costretto le fabbriche a chiudere o operare a capienza limitata nel mese di aprile. Nella foto qui a maggio 12 c’è una fabbrica di frigoriferi a Hefei, in Cina, a circa cinque ore in auto da Shanghai.

PECHINO — La Cina ha registrato un calo delle vendite al dettaglio e della produzione industriale ad aprile — molto peggio di quanto gli analisti si aspettassero.

Le vendite al dettaglio sono diminuite di 11.1% ad aprile rispetto a un anno fa, più del calo del 6,1% previsto in un sondaggio Reuters.

La produzione industriale ad aprile è diminuita del 2,9% rispetto a un anno fa, in contrasto con le aspettative di un leggero aumento dello 0,4%. La produzione delle attività minerarie e dei servizi pubblici è cresciuta.

Ma la produzione è diminuita del 4,6%, per lo più trascinata al ribasso da un crollo nel settore automobilistico e nella produzione di attrezzature, ha affermato il portavoce dell’Ufficio di statistica Fu Linghui. Oltre al Covid, ha affermato che la produzione industriale deve far fronte alla pressione dell’insufficiente domanda di mercato, dell’aumento dei costi e di altri fattori.

Il mese scorso, la persistente diffusione del Covid e il conseguente soggiorno a casa ordini, principalmente a Shanghai, hanno costretto le fabbriche a chiudere o operare a capacità limitata.

Il “ambiente internazionale sempre più cupo e complesso e il maggiore shock di La pandemia di Covid-19 in casa ha ovviamente superato le aspettative, continuano a crescere nuove pressioni al ribasso sull’economia”, Lo ha detto l’ufficio di statistica in una nota. L’ufficio ha affermato che l’impatto del Covid è temporaneo e che l’economia “dovrebbe stabilizzarsi e riprendersi”.

Gli investimenti in immobilizzazioni per i primi quattro mesi dell’anno sono aumentati del 6,8% rispetto a un anno fa, disattendendo leggermente le aspettative di una crescita del 7%.Gli investimenti nel settore immobiliare sono diminuiti del 2,7%, mentre quelli in il manifatturiero è cresciuto del 12.2,% e quello delle infrastrutture del 6,5%.

La produzione cinese di autovetture è diminuita del 22.1% anno su anno ad aprile, secondo la China Passenger Car Association, il settore automobilistico in Cina rappresenta circa un sesto dei posti di lavoro e all’incirca % delle vendite al dettaglio, secondo i dati ufficiali per 2018 compilati dal Ministero del Commercio.

Le vendite di auto sono diminuite del 31.6% ad aprile rispetto a un anno fa, le statistiche mostravano i dati dell’ufficio. È stato meglio del picco del calo all’inizio 2020 — in basso 22% anno su anno a gennaio e febbraio di quell’anno, ma peggiore della variazione dello 0% anno su anno registrata ad aprile 2020.

Riteniamo che i blocchi locali avranno ancora un forte impatto sulla fine della produzione dell’economia a maggio e consideriamo una rapida inversione di tendenza quasi impossibile.

Ting Lu, Capo economista cinese, Nomura

Vendite di ristorazione precipitate da 22.7% — meglio di un 22.1% anno su anno calo ad aprile 2020. I ristoranti di Shanghai sono stati sostanzialmente chiusi ad aprile, mentre il divieto di mangiare nei ristoranti della città di Pechino è entrato in vigore solo all’inizio di maggio.

Nelle vendite al dettaglio, solo bevande, medicinali, cibo e i prodotti petroliferi hanno registrato una crescita anno su anno.

“Sebbene il numero di casi di Covid sia notevolmente diminuito rispetto al picco di metà aprile, l’allentamento dei blocchi è stato estremamente lento, in parte a causa della cautela tra i funzionari del governo locale”, ha affermato in una nota Ting Lu, capo economista cinese di Nomura. “Pertanto, riteniamo che i blocchi locali avranno ancora un forte impatto sulla fine della produzione dell’economia a maggio e consideriamo una rapida inversione di tendenza quasi impossibile”.

La città di Shanghai ha annunciato domenica che avrebbe iniziato a consentire la riapertura graduale dei ristoranti e ha affermato che lunedì la città mirava a riprendere la normale produzione e vita entro la metà di giugno.

Il tasso di disoccupazione aumenta

Il tasso di disoccupazione in Cina 31 le città più grandi sono salite a un nuovo massimo del 6,7% ad aprile, secondo dati che risalgono almeno a 2018.

Il tasso di disoccupazione nelle città è aumentato di 0,3 punti percentuali da marzo al 6,1% ad aprile. Il tasso di disoccupazione tra gli anziani 12 a 24 era quasi tre volte superiore a 12 0,2%.

Per un’ulteriore senso dell’entità del rallentamento economico di aprile, altri dati hanno mostrato un calo della domanda di prestiti da parte di imprese e famiglie.

Finanziamento sociale totale — un’ampia misura di credito e liquidità — circa dimezzato il mese scorso da un anno fa a 910.2 miliardi di yuan ($134.11 miliardi), ha dichiarato venerdì in tarda serata la Banca popolare cinese.

Tuttavia, il capo economista cinese di Macquarie, Larry Hu, ha affermato di aspettarsi che il calo della domanda di credito sarebbe di breve durata. Ha sottolineato che domenica il governo centrale ha intrapreso la sua “prima azione … per salvare la proprietà” tagliando i tassi ipotecari per chi acquista per la prima volta una casa.

Il tasso, che un tempo seguiva il tasso primario di prestito a cinque anni come benchmark, ora è 12 punti base al di sotto di quello.

“Il taglio di oggi è tutt’altro che sufficiente per ribaltare il settore immobiliare, ma arriverebbe un ulteriore allentamento immobiliare”, ha detto Hu in una nota domenica.

Secondo Moody’s, il settore immobiliare e le industrie correlate rappresentano circa un quarto del PIL cinese.


Fonte: CNBC