giovedì 26 maggio 2022

Google sta ancora mostrando annunci mascherati accanto alle storie di coronavirus dopo aver promesso di eliminarli

Sen. Mark Warner (D-VA), vicepresidente del Comitato di intelligence del Senato, interviene al Consiglio per le relazioni estere di giugno 17, 2019 a Washington, DC.

Mark Wilson | Getty Images

Giorni dopo Google ha promesso di rimuovere gli annunci per le maschere mediche, le promozioni continuano ad apparire accanto ai contenuti online relativi al coronavirus, in gran parte all’ira dei legislatori statunitensi.

Sens. Mark Warner (D-VA) e Richard Blumenthal (D-CT) hanno inviato una lettera al presidente della Federal Trade Commission Joseph J. Simons su Martedì, criticando Google per aver continuato a pubblicare annunci accanto alle storie su COVID – 19 su vari siti. I funzionari della sanità federale hanno ripetutamente detto al pubblico di astenersi dall’acquistare maschere in modo che possano essere riservate alle persone che ne hanno bisogno, come operatori sanitari che rispondono alla crisi.

“Google ha fatto ripetutamente dichiarazioni ai consumatori che le sue politiche vietano la pubblicità di prodotti come maschere protettive”, afferma la lettera. “Tuttavia, la società sembra non adottare misure neppure rudimentali per applicare tale politica”.

I senatori hanno affermato che il loro staff è stato in grado di trovare una serie di annunci, offerti da Google, per maschere su siti di notizie accanto a storie sul coronavirus. Mercoledì, CNBC ha trovato ulteriori promozioni maschera da altre società pubblicitarie online, tra cui Teads, RTB House, Criteo , Outbrain e Facebook Rete del pubblico, che appare in o vicino a storie relative al coronavirus.

La scorsa settimana Google ha dichiarato alla CNBC che stava temporaneamente vietando la pubblicità di maschere per il viso e ha detto che ci sarebbero voluti alcuni giorni per rimuoverli. Diversi giorni prima, Facebook ha dichiarato di vietare temporaneamente gli annunci e gli elenchi commerciali che vendono maschere mediche.

Un portavoce di Google ha dichiarato in una nota di aver bloccato “milioni di annunci pubblicitari che hanno tentato di capitalizzare il coronavirus” e “ha implementato un divieto temporaneo su tutti gli annunci di maschere per il viso”.

Un rappresentante di Outbrain ha affermato che la società ha recentemente “rafforzato le sue linee guida per gli inserzionisti globali per indirizzare gli annunci che promuovono o implicano i benefici delle maschere come prevenzione o cura per il coronavirus.” Ha detto che le linee guida di Outbrain “non ammettono annunci di maschere mediche di alcun tipo sulla nostra rete” e che “qualsiasi inserzionista che tenta di aggirare le nostre linee guida ci rivolgeremo e rimuoverà attivamente”. Le altre società non hanno immediatamente risposto alle richieste di commento.

Oltre agli annunci display, CNBC ha trovato esempi di elenchi di acquisti sponsorizzati per prodotti che dichiarano di prevenire il coronavirus, che Google ha dichiarato non consentiti.

La rapida diffusione di COVID – 19 sta creando una grande sfida per le compagnie pubblicitarie online che sono state pesantemente criticate negli ultimi anni per aver permesso la diffusione della disinformazione, in gran parte legata a questioni politiche ed elezioni.

YouTube ha detto lunedì che, rimuovendo i video che violare le politiche aziendali, dipenderà maggiormente dalla tecnologia per aiutare con il lavoro normalmente svolto dai revisori umani. Ciò potrebbe comportare un aumento della quantità di contenuti eliminati. YouTube ha anche affermato che utilizzerà più automazione per la moderazione dei contenuti.

GUARDA: La pandemia di coronavirus è una “situazione di guerra”, afferma Martin Sorrell

Articolo originale di CNBC