Entra in contatto con noi

Investimenti

Grande preoccupazione delle autorità e degli investitori per le stablecoin dopo il rovinoso crollo di TerraUSD

Pubblicato

il

Le autorità di regolamentazione sono in allerta per le stablecoin dopo il crollo della controversa faccenda legata a TerraUSD. L’intero mercato delle stablecoin ora vale più di 100 miliardi di dollari.

TerraUSD, una stablecoin “algoritmica” che dovrebbe essere ancorata uno a uno con il dollaro USA, ha cancellato molto del suo valore questa settimana dopo una straordinaria performance negativa che ha visto improvvisamente evaporare miliardi di dollari dal suo valore di mercato.

Conosciuta anche come UST, la criptovaluta operava utilizzando un complesso meccanismo di codice combinato con un token fluttuante chiamato luna per bilanciare domanda e offerta e stabilizzare i prezzi, oltre a un mucchio di bitcoin multimiliardario.

Anche Tether, la stablecoin più grande del mondo, è scivolata al di sotto del suo previsto $ 1 per diverse ore giovedì, alimentando i timori di un possibile contagio dalle ricadute del de-pegging UST. A differenza di UST, il tether dovrebbe essere supportato da risorse sufficienti detenute in una riserva.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha affrontato direttamente la questione sia dell’UST che del tether “spezzando il dollaro” questo settimana. In un’audizione al Congresso, la Yellen ha affermato che tali attività al momento non rappresentano un rischio sistemico per la stabilità finanziaria, ma ha suggerito che alla fine potrebbero farlo.

“Non lo caratterizzerei su questa scala come una vera minaccia alla stabilità finanziaria, ma stanno crescendo molto rapidamente”, ha detto giovedì ai legislatori.

“Hanno presentato lo stesso tipo di rischi che conosciamo da secoli in relazione alle corse agli sportelli.”

Yellen ha esortato il Congresso ad approvare la regolamentazione federale delle stablecoin entro la fine di quest’anno.

Anche il governo del Regno Unito se ne sta accorgendo. Un portavoce del governo ha dichiarato venerdì alla CNBC di essere pronta a intraprendere ulteriori azioni sulle stablecoin dopo il crollo di Terra.

“Il governo è stato chiaro che alcune stablecoin non sono adatte per scopi di pagamento poiché condividono le caratteristiche con le criptovalute non supportate”, ha affermato il portavoce. soggetti alla supervisione del watchdog dei mercati del paese.

Proposte separate nell’Unione Europea porterebbero anche le stablecoin sotto una rigorosa supervisione normativa.

Cosa sono le stablecoin?

Sono una specie di fiches da casinò per il mondo delle criptovalute. I trader acquistano token come tether o USDC con dollari reali. I token possono quindi essere utilizzati per scambiare bitcoin e altre criptovalute.

L’idea è che, ogni volta che qualcuno vuole incassare, può ottenere l’equivalente importo di dollari per qualsiasi stablecoin vogliono vendere. Gli emittenti di stablecoin hanno lo scopo di detenere un livello sufficiente di denaro corrispondente al numero di token in circolazione.

Oggi l’intero mercato delle stablecoin vale più di $160 miliardi, secondo i dati di CoinGecko. Tether è il più grande del mondo, con un valore di mercato di circa $80 miliardi.

Cosa è successo con UST?

UST è un caso un po’ unico nel mondo delle stablecoin. A differenza di tether, non aveva denaro reale per sostenere il suo presunto ancoraggio al dollaro, sebbene a un certo punto fosse parzialmente supportato da bitcoin.

Invece , UST si basava su un sistema di algoritmi. È andata più o meno così:

  • Il prezzo di UST può scendere sotto il dollaro quando ci sono troppi token in circolazione ma domanda insufficiente
  • contratti intelligenti — righe di codice scritte nella blockchain — entrerebbero in funzione per prendere l’UST in eccesso esaurito e creare nuove unità di un token chiamato luna, che ha un prezzo variabile
  • C’era anche un sistema di arbitraggio a play, dove i trader sono stati incoraggiati a trarre profitto dalle deviazioni nel prezzo dei due token
  • L’idea era che si potesse sempre acquistare $ 1 di luna per un UST. Quindi se UST valesse centesimi, potresti essenzialmente comprarne uno, scambiarlo con luna e intascare 2 centesimi di profitto.

Luna, il token gemello di UST, ora è praticamente inutile dopo aver precedentemente superato $100 una moneta all’inizio di quest’anno.

L’intero sistema è stato progettato per stabilizzare UST a $1. Ma è crollato sotto la pressione di miliardi di dollari in liquidazioni, in particolare su Anchor, una piattaforma di prestito che prometteva agli utenti tassi di interesse fino a 20% sui loro risparmi. Molti esperti affermano che ciò era insostenibile.

Perché le autorità di regolamentazione sono preoccupate?

Il timore principale è che un importante emittente di stablecoin come Tether possa essere il prossimo a subire una “corsa alla banca”.

Yellen e altri funzionari statunitensi hanno spesso li paragonava ai fondi del mercato monetario. In 2008, il Reserve Primary Fund – il fondo del mercato monetario originale – ha perso il suo valore patrimoniale netto di $ 1 per azione. Il fondo deteneva alcune delle sue attività in commercial paper (debito societario a breve termine) di Lehman Brothers. Quando Lehman è fallita, gli investitori sono fuggiti.

In precedenza, Tether diceva che le sue riserve consistevano interamente in dollari. Ma ha ribaltato questa posizione dopo un accordo 2019 con il procuratore generale di New York. Le rivelazioni dell’azienda hanno rivelato che aveva pochissimi contanti ma molta carta commerciale non identificata.

Tether ora afferma che sta riducendo il livello di carta commerciale che possiede e aumentando le sue partecipazioni in titoli del Tesoro USA bills.

“Ci aspettiamo che i recenti sviluppi portino a un aumento delle richieste di regolamentazione delle stablecoin”, ha affermato giovedì l’agenzia di rating Fitch in una nota.

Sebbene i rischi di stablecoin come tether “possono essere più gestibili” di quelli algoritmici come UST, alla fine dipende dall’affidabilità creditizia delle aziende che li emettono, secondo Fitch.

“Molte entità finanziarie regolamentate hanno aumentato la loro esposizione a criptovalute, defi e altre forme di finanza digitale negli ultimi mesi e alcuni emittenti classificati Fitch potrebbero risentirne se la volatilità del mercato delle criptovalute diventasse grave”, ha affermato la società.

“C’è anche il rischio di un impatto sull’economia reale, ad esempio attraverso effetti di ricchezza negativi se i valori delle criptovalute tutto ripidamente. Tuttavia, riteniamo che i rischi per gli emittenti con rating Fitch e per l’attività economica reale siano generalmente molto bassi.”


Fonte: CNBC