Entra in contatto con noi

Mercati americani

Grazie, Reed Hastings

Pubblicato

il

È la fine di un’era. Netflix (NFLX 8,46%) Il fondatore e co-CEO Reed Hastings lo ha annunciato giovedì si sta dimettendo. Netflix non dovrebbe saltare un colpo, però, almeno in teoria. Il titolo è salito dell’8% alla notizia, quindi è chiaro che il mercato è figo con il cambio di leadership. Netflix ha pianificato per questo giorno il momento in cui il guru della programmazione e dei contenuti Ted Sarandos è stato scelto per servire al fianco di Hastings come co-CEO in l’estate del 2020.

Ora Sarandos non avrà l’ufficio d’angolo tutto per sé. Condividerà il titolo di co-CEO con il direttore operativo Greg Peters. Hastings, Sarandos e Peters si appoggiano l’un l’altro a Netflix da almeno 15 anni. Hastings sarà una chiamata se necessario come presidente esecutivo, ma Sarandos e Peters dovrebbero andare bene. È un solido piano di successione, ma prendiamoci un momento per mostrare a Hastings un certo apprezzamento per aver guidato la rivoluzionaria compagnia di streaming nel suo primo quarto di secolo.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Fonte immagine: Getty Images.

Per cortesia riavvolgere il nastro

Mi occupo di Netflix sin dalla sua IPO all’inizio del 2002. All’inizio ero scettico e non ero solo. Nell’autunno di quell’anno, Netflix era un’IPO fallita. Tuttavia, ho cambiato tono e sono diventato un azionista.

Uno dei miei più grandi rimpianti come investitore – e in realtà non è nemmeno vicino – è stato vendere la maggior parte delle mie azioni Netflix troppo presto. io possedere solo il 2% della mia posizione originale, ed è la mia più grande partecipazione individuale. L’altro 98% della mia quota iniziale vale quasi 2,4 milioni di dollari nelle mani di altri investitori.

Advertisement

Ho avuto il vantaggio di intervistare Hastings un paio di volte nei primi anni. Quando ripenso ad alcune delle vecchie interviste di Fool.com che abbiamo condiviso, diventa chiaro quanto fosse avanti rispetto alle tendenze del mercato. Ero bloccato nel presente, sentendomi come se fossi un passo avanti ad altri che si erano persi nel passato. Hastings, nel frattempo, ha inchiodato il futuro. Gli ho chiesto spesso dei flussi di entrate che noi amministratori delegati all’epoca pensavamo stesse trascurando. Non era interessato.

Netflix ha spedito in gran parte DVD nel 2009 e ha appena iniziato ad allungare le ali dello streaming. Si è dilettato brevemente nel mettere annunci sulle sue buste firma. Quando si è fermato, gli ho chiesto perché non è diventato più grande, stringendo collaborazioni con gli sponsor per inserire dischi demo o campioni leggeri nelle buste. Lui ha abbattuto la mia idea. Ha ammesso che i dati demografici degli abbonati Netflix erano allettanti per i professionisti del marketing, ma volevano concentrarsi sui loro partner di elettronica di consumo lavorando sull’inventario dei contenuti anziché sull’inventario degli annunci.

Gli ho chiesto di spiegare perché non stava seguendo Blockbuster, Redbox e Gamefly nel noleggio di dischi di videogiochi. Non c’erano solo soldi incrementali lì per la presa? Lui attaccato alle sue pistolesostenendo che il marchio Netflix riguarda esclusivamente i video di intrattenimento.

Lui aveva ragione. Netflix si sta dilettando nei giochi digitali ora – e ha recentemente lanciato un livello supportato dalla pubblicità – ma questo sta accadendo solo ora quando ha 25 volte la base di abbonati globale rispetto ai 10 milioni di membri che serviva 14 anni fa. Immagino anche che la spinta per le esperienze di gioco mobile e la programmazione supportata dalla pubblicità sia venuta più da Sarandos o Peters che dallo stesso Hastings.

Advertisement

Dopo 25 anni in Netflix e 21 anni di generazione di rendimenti che alterano la ricchezza per gli investitori, Hastings ha la possibilità di vedere la sua compagnia volare senza il vantaggio di lui nella cabina di pilotaggio. Guarda indietro a ciò che il mercato apparentemente ha visto come passi falsi per il leader di scorte di streaming multimediale, e la storia dimostrerà che Hastings aveva sempre ragione. Sì, anche il fiasco di Qwikster ora deve essere visto dalla prospettiva aggiornata in cui era la giusta chiamata a bruciare le sue stesse navi. La brillantezza brilla al massimo per lunghi periodi di tempo e le azioni Netflix sono un gigantesco faro nel fornire rendimenti composti annuali a nord del 30% nei suoi primi due decenni di trading.

Hastings se ne va troppo presto? Se ne va troppo tardi? Solo coloro che non hanno il senso della storia o i lividi che derivano dal dubitare di Hastings farebbero quelle domande. Aveva ragione prima. Ha ragione adesso. Avrà ragione in futuro.

Rick Munarriz ha posizioni in Netflix. The Motley Fool ha posizioni e raccomanda Netflix. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement
Advertisement

Trending