lunedì 30 novembre 2020

Greta Thunberg e la privacy su Internet

 

La lotta per difendere la nostra privacy è molto simile alla lotta contro i cambiamenti climatici: quasi tutti hanno capito che si tratta di una crisi, ma collettivamente sembriamo perdere in quella che sembra una battaglia insormontabile . Non passa quasi una settimana senza la notizia dell’ennesima grande azienda tecnologica catturata dall’uso improprio dei dati dei consumatori, accolta apparentemente con più scrollate di spalle rassegnate che indignazione.

When The Economist chiamato i dati del nuovo olio , stavano pensando all’abuso di antitrust. Potrebbero aver perso una preoccupazione più centrale: il consumo illimitato di dati, come il petrolio, può portare vantaggi alle imprese e persino agli individui a breve termine, ma a lungo termine provoca un immenso danno collettivo.

 

“È pervasivo. È invisibile. L’attribuzione è difficile ”, afferma la giornalista investigativa Julia Angwin , confrontando le violazioni della privacy con l’inquinamento ambientale. “Anche se si ottiene il cancro, non si sa se proviene da quell’impianto chimico lungo la strada. Vivere in un mondo in cui tutti i tuoi dati vengono raccolti e raccolti in questi dragnet per tutto il tempo e verranno utilizzati contro di te in un modo che probabilmente non sarai mai in grado di tracciare e non saprai mai che sembra lo stesso tipo di danno collettivo. ”

La lotta ai cambiamenti climatici è stata recentemente potenziata grazie a Greta Thunberg e alle molte altre che ha ispirato. Cosa possiamo imparare da lei quando si tratta di difendere i nostri diritti sulla privacy?

Dobbiamo riconoscere le conseguenze per le generazioni più giovani e future

Solo 16 stessa, Thunberg invoca effettivamente le generazioni future nella sua chiamata morale all’azione – come osiamo vedere l’avvertimento segni oggi e non agire per impedire un futuro terribile per i nostri figli? Lo stesso si può dire dell’erosione della privacy nell’era digitale. La generazione Z è già cresciuta in un mondo in cui ogni loro azione è catalogata online dai loro genitori e colleghi, quindi analizzata dai giganti della tecnologia per indirizzare la pubblicità e modellare il loro comportamento. L’incapacità dei minori di acconsentire non ha fermato la raccolta dei dati – piattaforme popolari come YouTube e TikTok è stato catturato illegalmente raccogliendo informazioni personali di minori.

Cosa rimarrà della privacy per la prossima generazione, le cui prime parole possono essere catturate dagli assistenti vocali? Di chi genitori e nonni avranno già ceduto il loro materiale genetico a 23 e Me, lasciando loro poca capacità di proteggere il loro DNA da indiscreti compagnie farmaceutiche e assicurative? Di chi ogni decisione sarà inconsciamente modellata da algoritmi?

Con ogni azione o inazione, aiutiamo a decidere come si svolgerà il futuro. Se non parleremo contro aziende e governi che violano la nostra privacy o diventiamo più consapevoli degli effetti a catena della nostra attuale disponibilità a rispettare il capitalismo di sorveglianza, le cose peggioreranno soltanto. C’è un urgente bisogno per noi di iniziare ad agire oggi, oppure i nostri figli possono vivere in un mondo in cui la privacy è un concetto che si trova solo nelle favole lette da Alexa, ma mai qualcosa che possono conoscere o sperimentare personalmente.

Ognuno di noi ha la responsabilità di parlare, attraverso le nostre parole e azioni

I critici possono affermare che il riciclaggio di alcune bottiglie di plastica non arresta il cambiamento climatico. E allo stesso modo, una sola persona che boicotta un’azienda irresponsabile potrebbe non impedire loro di abusare dei dati dei consumatori. Ma Thunberg ci mostra che gli sforzi individuali non sono inutili, anche se sei un adolescente. Allo stesso modo, quando si tratta della lotta per una maggiore privacy, non dobbiamo indurci a pensare che il problema sia troppo radicato perché gli individui possano fare la differenza.

Inizia in piccolo controllando le tue impostazioni sulla privacy e fai lo stesso per le persone meno esperte di tecnologia della tua vita. Allo stesso modo in cui si hanno controlli di salute, considerare di effettuare controlli di sicurezza simili simili per la propria presenza online. Questi sono i primi passi verso un vero calcolo della privacy digitale.

Le tue azioni non incidono solo su di te come individuo, ma anche su quelle intorno a te. Come ha detto Thunberg , “il punto è creare un’opinione. Smettendo di volare, non solo riduci la tua impronta di carbonio, ma mandi anche un segnale ad altre persone intorno a te che la crisi climatica è una cosa reale e che aiuta a spingere un movimento politico. ”

E dobbiamo parlare contro gli abusi della privacy. Ricordi quando Google, Facebook, Amazon e Apple sono stati catturati per aver utilizzato appaltatori umani per rivedere le registrazioni audio degli utenti? Dopo aver ricevuto un grave contraccolpo pubblico, tutti e quattro hanno semplificato la disattivazione dei consumatori o disattivato tali impostazioni per impostazione predefinita.

Dobbiamo chiedere l’intervento dei nostri leader

Perché Greta Thunberg ha navigato attraverso l’Atlantico su una barca a emissioni zero per parlare di fronte ai leader mondiali al Summit delle Nazioni Unite sul clima? Perché mentre gli sforzi individuali contano, le questioni profondamente radicate richiedono un cambiamento sistemico.

Secondo un sondaggio commissionato dalla mia azienda , 83% dei consumatori ritiene che ci dovrebbero essere leggi che impongono alle aziende tecnologiche di ottenere l’autorizzazione prima di raccogliere dati personali. Inoltre, 85% ritiene che ci dovrebbero essere multe per le aziende che perdono i dati degli utenti e 90 Il% ritiene che ci dovrebbero essere ulteriori multe in caso di uso improprio dei dati.

Se per le persone è più difficile rinunciare inconsapevolmente ai propri dati, potrebbero semplicemente smettere di farlo. Se per le aziende è più difficile raccogliere i nostri dati, potrebbero semplicemente cambiare i loro modelli di business. Se per gli inserzionisti è più difficile acquistare i nostri dati, potrebbero semplicemente pensare ad altri modi creativi (e meno invadenti) per raggiungere il loro pubblico.

Se la privacy è davvero un diritto umano, dovremmo tutti sollecitare leggi che garantiscano che gli individui, non Big Tech, mantengano la proprietà e il controllo dei loro dati. Per parafrasare Thunberg, non possiamo pretendere che ciò possa essere risolto solo con “affari come al solito”.