sabato 22 gennaio 2022

Guida ai farmaci biosimilari: più conveniente

Si parla di farmaci biosimilari durante il webinar “Biosimilare, un’opportunità per ampliare l’accesso alle cure” evento promosso da Sandoz

Paolo Fedeli, Country Medical Director Sandoz afferma: “I farmaci biologici sono molto costosi e hanno un impatto importante sulla spesa farmaceutica del Ssn. I farmaci biosimilari offrono un’opportunità per il Servizio sanitario nazionale di risparmiare risorse. L’obiettivo è rendere questi farmaci a disposizione di più persone e favorire l’introduzione di farmaci innovativi e fare in modo di garantire un accompagnamento al paziente che ne ha bisogno, nel suo percorso diagnostico-terapeutico.

Durante il meeting a cui hanno partecipato esperti del settore tra cui Ferdinando D’Amico, gastroenterologo del Centro per le malattie infiammatorie croniche intestinali, Ibd Unit del San Raffaele di Milano, Claudio Jommi, professor of Practice di Health Policy presso Sda Bocconi e Antonella Celano, presidente di Apmarr, Associazione nazionale persone con malattie reumatologiche e rare, Paolo Fedeli ha ricordato: “gli indicatori di salute della popolazione italiana sono tali nche grazie ad alcuni farmaci che hanno perso il brevetto. Se noi non garantiamo il mantenimento della disponibilità di queste molecole nella pratica clinica corrente, tutto l’investimento che viene fatto sull’innovazione perde la ragione stessa di esistere. Per cui – ha ammonito – è importante investire su ricerca e sviluppo non solo dei farmaci innovativi ma anche dei biosimilari”.

La Sandoz è costantemente impegnato nello sviluppo del comparto “Life sciences” allocando quasi il 20% di tutto l’investimento dell’azienda nel settore ricerca e sviluppo per  guardare al futuro nell’ottica di portare nuovi farmaci e nuove opzioni per i pazienti e per i medici che devono trovare delle soluzioni per i loro assistiti. Questo investimento in particolare attiene a tre ambiti: estendere il più possibile i benefici delle terapie note, cercare di mettere a disposizione di pazienti e medici farmaci per una platea più ampia e garantire una riallocazione corretta delle risorse sanitarie disponibili, se il costo unitario di un farmaco si riduce io posso fare in modo di liberare nel budget sanitario delle risorse che possono anche favorire l’introduzione dei cosiddetti farmaci innovativi.