Entra in contatto con noi

Attualità

Guida all’aria condizionata: un uso consapevole per non avere danni alla salute

Pubblicato

il

L’aria condizionata è uno di quegli strumenti moderni di cui difficilmente possiamo fare a meno. Occorre saperla  usare

È innegabile che quando il termometro si alza e si fa sentire il caldo, ci salva la vita. In ufficio come a casa, l’aria condizionata è uno strumento che migliora la nostra vita in estate, ma come ogni strumento utile, devi saperlo usare.

Innanzitutto usatelo con parsimonia:

esagerare non fa mai bene e, nel caso dell’aria condizionata, può creare diversi problemi, soprattutto alle vie respiratorie.

Infatti passare da un ambiente esterno caldo a un ambiente interno eccessivamente freddo con un condizionatore provoca un malsano sbalzo di temperatura per il tuo corpo.

Attenti alla salute

Aria condizionata e vie respiratorie
Quando il tuo corpo sperimenta un calo improvviso e drammatico della temperatura, non ha modo di adattarsi. Pertanto, viene stimolata l’irritazione e l’infiammazione delle vie respiratorie, nonché il rischio di sviluppare un’infezione.

Maggiore è la differenza di temperatura, maggiore è il pericolo: 2-3 gradi sono già rischiosi, ma quando si tratta di una differenza superiore a 5 gradi, la probabilità di conseguenze negative è molto alta.

Pertanto, la probabilità di contrarre un’infezione aumenta, perché sei più suscettibile all’attacco dei germi.

Qual è la temperatura ideale per un condizionatore?

Partendo dal presupposto che ognuno di noi ha una propria percezione soggettiva del comfort in termini di temperatura, il consiglio generale per l’estate è di mantenere la temperatura dell’aria tra i 25 ei 26°.

Temperature inferiori a 24° possono danneggiare le vie respiratorie. In estate la temperatura dell’aria esterna è solitamente molto più alta, quindi il passaggio improvviso da un ambiente caldo a uno freddo di 23/24° è una sorta di shock per il corpo.

In questo senso, è sempre meglio accendere l’aria condizionata in casa o in macchina quando si arriva, in modo che la temperatura scenda a poco a poco e il corpo abbia il tempo di abituarsi.

Per lo stesso motivo, se devi andare in un supermercato o in un centro commerciale molto freddo, assicurati di avere con te una sciarpa di cotone o una maglietta per coprirti la bocca. Ciò ti consentirà di respirare aria più calda proteggendo le vie aeree.

Una precauzione particolarmente importante per le persone con allergie, asma o problemi respiratori.

Aria condizionata: persone a rischio

Gli sbalzi di temperatura dovuti a temperature di condizionamento troppo basse sono pericolosi per tutti per i motivi sopra descritti. Ma ci sono soggetti a rischio più alto di altri:

Ancora più attenzione dovrebbe essere prestata a chi soffre di malattie dell’apparato respiratorio. Ad esempio chi è allergico ai pollini o alla congestione nasale dovuta a rinite: quando la temperatura scende, tende a iperventilare con un effetto irritante più forte.

Asmatici fate attenzione

Chi soffre di asma, bronchite cronica o enfisema: l’aria fredda tende a stimolare i recettori della tosse, provocando spasmi e contrazioni dei bronchi, con il rischio di crisi respiratorie anche gravi.
Infine, i fumatori: per loro la probabilità di avere problemi di respirazione se esposti ad aria molto fredda è molto alta. Infatti, il fumo stesso rende le cellule che rivestono le vie aeree meno in grado di difendersi dagli agenti irritanti.