Entra in contatto con noi

Affari e Tecnologia

Guida introduttiva a Podman Desktop, un'alternativa desktop Docker open source

Pubblicato

il

Podman Desktop è un’alternativa gratuita a Docker Desktop questa è un’altra grande opzione per l’uso dello sviluppo locale. Offre un set di funzionalità simile pur rimanendo interamente open-source, permettendoti di evitare le implicazioni di licenza di utilizzando il prodotto di Docker.

In questo articolo imparerai come installare e iniziare a utilizzare Podman Desktop per eseguire i container e distribuirli su Kubernetes. L’esperienza sarà familiare se hai già utilizzato Docker Desktop, ma dovrebbe anche essere veloce da riprendere.

Cos’è Podman Desktop? Podmann è un motore di container OCI che puoi utilizzare al posto di Docker. La CLI di Podman è intenzionalmente simile a quella di Docker; puoi convertire la maggior parte dei comandi semplicemente sostituendo podman invece di dockercome podman run e podman push.

Podman Desktop è un’interfaccia grafica ufficiale per le funzionalità di Podman. Oltre a racchiudere la CLI Podman, raggruppa funzionalità extra tra cui l’integrazione di Kubernetes e le estensioni di terze parti. È possibile utilizzare Desktop per interagire comodamente con i contenitori e le risorse correlate sulla workstation, se si desidera evitare di eseguire i comandi del terminale.

Advertisement

Assicurati di avere il normale Podman CLI installato prima di iniziare a utilizzare Podman Desktop. Desktop deve rilevare l’interfaccia a riga di comando per gestire i tuoi contenitori. È possibile trovare istruzioni dettagliate per l’installazione nei documenti Podman.

Quindi, scarica l’ultima versione di Podman Desktop dal file sito web del progetto. In alternativa, utilizzare uno dei seguenti comandi per l’installazione utilizzando il gestore pacchetti del sistema:

finestre – winget install -e –id RedHat.Podman-Desktop Mac OS – brew install podman-desktop Linux – flatpak install –user flathub io.podman_desktop.PodmanDesktop Ora puoi avviare Podman Desktop. Dovresti vedere che Podman è stato rilevato correttamente. La schermata iniziale mostrerà anche qualsiasi altro ambiente contenitore disponibile sul tuo sistema, come un’installazione di Docker Engine.

Esplorando Podman Desktop L’interfaccia di Podman Desktop è suddivisa in cinque sezioni principali che puoi alternare utilizzando la barra laterale sinistra. C’è anche un menu Impostazioni separato, accessibile nella parte inferiore della barra laterale, in cui è possibile configurare i motori del contenitore, abilitare i proxy HTTP e fornire le credenziali del registro delle immagini.

Advertisement

Contenitori in esecuzione La scheda Contenitori è dove trascorrerai la maggior parte del tuo tempo. Visualizza tutti i contenitori esistenti nel tuo ambiente. Per creare un nuovo contenitore, premi il pulsante viola “Crea contenitore” in alto a destra.

Ti verrà chiesto di scegliere tra la creazione di un Containerfile o Dockerfile o l’avvio di un contenitore da un’immagine esistente:

Se scegli “Da Containerfile/Dockerfile”, dovrai selezionare il percorso del file facendo clic sull’input “Containerfile path” nella schermata successiva. Puoi utilizzare qualsiasi Dockerfile esistente; la terminologia Containerfile è semplicemente un’alternativa più generica. Fornisci un tag iniziale per la tua immagine nel campo “Nome immagine”, quindi premi il pulsante “Costruisci” per creare la tua immagine.

L’output del comando build verrà mostrato in una finestra di terminale incorporata. Fare clic sul pulsante Fine per continuare. Verrai indirizzato alla schermata Immagini dove verrà visualizzata la tua nuova immagine. Se scegli di non creare una nuova immagine, atterrerai sulla schermata Immagini dopo aver premuto il pulsante “Da immagine esistente” nella finestra di dialogo di creazione del contenitore.

Advertisement

Successivamente, passa con il mouse su qualsiasi immagine e fai clic sul pulsante di riproduzione che appare sul lato destro dello schermo:

Ora puoi configurare le proprietà della tua nuova istanza di container. Assegna un nome al tuo contenitore, monta tutti i volumi richiesti e imposta le variabili di ambiente nella scheda “Base”:

La scheda Avanzate consente di allegare un TTY, impostare l’utente con cui viene eseguito il contenitore e modificare il politica di riavvio che si applicherà:

La rete configura lo stack di rete del contenitore, incluso il suo nome host, /etc/hosts voci di file e configurazione DNS:

Advertisement

Infine, la scheda Sicurezza ti consente di attivare modalità privilegiata (se sai di averne bisogno), modifica le funzionalità del kernel del contenitore e specifica un filesystem di sola lettura se ti aspetti un ambiente immutabile:

Una volta terminata la configurazione del contenitore, fai clic sul pulsante viola “Avvia contenitore” nella parte inferiore dello schermo per eseguirlo. Verrà visualizzato di nuovo nella schermata Contenitori.

Gestione dei contenitori Passando il mouse sopra i contenitori vengono visualizzate le azioni che consentono di interromperli o eliminarli. Puoi anche utilizzare le caselle di controllo sul lato sinistro per selezionare più contenitori e applicare le azioni in blocco.

Facendo clic sul pulsante con i tre punti all’estrema destra viene visualizzato un menu di overflow con più opzioni. Qui puoi riavviare immediatamente il tuo contenitore o avviare rapidamente una sessione di terminale.

Advertisement

Fare clic su qualsiasi contenitore per visualizzarne i dettagli. Ciò produce un’interfaccia a schede in cui è possibile accedere ai registri del contenitore, podman inspect output e sessione terminale.

Gestione delle immagini Le immagini sono gestite in modo simile. Fai clic su qualsiasi immagine per accedere ai suoi dettagli, incluso il suo podman inspect output e cronologia dei livelli.

Fai clic sul pulsante “Estrai immagine” in alto a destra nella schermata Immagini per inserire una nuova immagine remota nel tuo ambiente. Ti verrà richiesto di inserire l’immagine che desideri estrarre, ad esempio ubuntu:latest o registry.example.com/private-image:v1.

Podman scaricherà l’immagine quando si preme il pulsante “Pull Image”. L’avanzamento viene visualizzato in una finestra di terminale in linea.

Advertisement

Per utilizzare le immagini nei registri privati, devi prima configurare le credenziali di autenticazione. Premi il pulsante “Gestisci registri” nella schermata Pull Image o vai su Impostazioni > Aggiungi registri, quindi premi il pulsante “Aggiungi registro” in basso a destra. Inserisci il nome host del tuo registro e fornisci nome utente e password. Fare clic sul pulsante Accedi per autenticarsi.

Gestione dei volumi La schermata Volumi fornisce una panoramica di tutti i file volumi persistenti che hai creato, inclusa la loro età e dimensione totale:

Facendo clic su un volume si rivela il suo podman inspect produzione:

Puoi eliminare un volume facendo clic sul pulsante in alto a destra.

Advertisement

Utilizzo di Kubernetes Podman ha integrato il supporto Kubernetes. Questo è emerso nella schermata Pod di Podman Desktop. I pod in Podman sono equivalenti ai pod Kubernetes, essendo una raccolta di più contenitori raggruppati insieme. Per eseguire il deployment di un pod, fai clic sul pulsante “Riproduci Kubernetes YAML” in alto a destra.

Fornisci il percorso del tuo file YAML nella schermata che appare:

Puoi utilizzare questo semplice manifest del pod se non ne hai uno disponibile:

apiVersion: v1 kind: Pod metadata: name: nginx spec: containers: – image: nginx:latest Quando fai clic sul pulsante “Riproduci”, Podman eseguirà il deployment dei pod definiti dal tuo manifest. Gli ID pod creati vengono mostrati nell’output della finestra del terminale incorporato.

Advertisement

Ora vedrai il tuo Pod apparire nella schermata dei Pod:

I pod sono ancora container in esecuzione in Podman. Per distribuire in a vero cluster Kubernetes, espandi il menu a tre puntini del pod e seleziona l’azione “Distribuisci a Kubernetes”.

Nella schermata successiva, scegli se sostituire hostPort attacchi con i servizi Kubernetes. Questo è più sicuro in quanto impedisce ai pod di essere collegati direttamente alle porte sui nodi del tuo cluster. Fai clic su “Distribuisci” per avviare il tuo pod nel tuo cluster Kubernetes attivocome definito dal tuo ~.kube/config file. Puoi scegliere una connessione cluster diversa nel menu delle impostazioni.

Podman Desktop incorpora funzionalità utili per spostarsi tra container locali e cluster Kubernetes. La scheda “Kube” nella schermata dei dettagli del contenitore fornisce un file YAML Kubernetes generato automaticamente per qualsiasi contenitore nel tuo ambiente, consentendoti di eseguire il deployment senza scrivere manualmente i manifest.

Advertisement

Installazione di estensioni Podman Desktop supporta la maggior parte Estensioni desktop Docker in modo da poter aggiungere funzionalità personalizzate. Le estensioni sono distribuite come immagini contenitore con contenuti appositamente preparati. Puoi trovarli sull’hub Docker filtrando in base al tipo di contenuto dell’estensione.

Dopo aver trovato un’estensione che desideri utilizzare, aggiungila a Podman Desktop andando su Impostazioni> Estensioni desktop. Incollare il nome dell’immagine dell’estensione nel campo di immissione, quindi premere il pulsante “Installa estensione dall’immagine OCI”. I registri di installazione verranno mostrati di seguito.

L’interfaccia utente dell’estensione sarà quindi nuovamente disponibile nell’interfaccia principale di Podman Desktop, sotto l’elemento della barra laterale Estensioni.

Riepilogo Podman Desktop è uno strumento grafico per la gestione degli ambienti container Podman. Puoi interagire con i container, le immagini e i volumi sulla tua macchina, distribuire i manifest di Kubernetes e monitorare i log, tutto all’interno di un’unica interfaccia. Podman Desktop è anche compatibile con le estensioni Docker Desktop in modo da poter accedere a integrazioni aggiuntive sviluppate dal più ampio ecosistema di container.

Advertisement

Queste funzionalità significano che Podman Desktop può essere spesso utilizzato come sostituto drop-in per Docker Desktop. Dovrai restare con Docker se ti affidi alla sua collaborazione, gestione aziendale e ambiente di sviluppo funzioni, anche se. Podman non offre nulla di paragonabile a questi, concentrandosi invece su offrendo un veloce, leggero e aperto esperienza del contenitore.

Advertisement

Trending