domenica 28 febbraio 2021

Huawei afferma che il suo sistema operativo può competere con Google, Apple, ma gli esperti sostengono che potrebbe essere una lotta

Un ospite detiene il suo telefono che mostra una foto scattata durante la conferenza stampa di Huawei svelando il suo nuovo sistema operativo HarmonyOS a Dongguan, nella provincia del Guangdong, il 9 agosto , 2019.

Fred Dufour | AFP | Getty Images

Un dirigente di Huawei ha affermato che Il sistema operativo mobile della società cinese è in grado di competere con Google e Apple, ma gli analisti hanno detto alla CNBC che potrebbe essere difficile da raggiungere, soprattutto nei mercati al di fuori della Cina dove i giganti della tecnologia degli Stati Uniti hanno una solida base.

“Huawei è in grado di fornire un ecosistema che è alla pari degli ecosistemi di Google e Apple”, ha detto Martedì il vicepresidente Huawei dei servizi di cloud consumer nella sua attività di consumo, Eric Tan. “Abbiamo la fiducia di essere uno dei migliori sviluppatori di ecosistemi al mondo”.

Stava parlando del sistema operativo della società, chiamato HarmonyOS, che è stato lanciato ad agosto.

Viene come Il colosso della tecnologia cinese tenta di farsi strada senza la tecnologia americana.

Gli smartphone Huawei si affidano al sistema operativo Android di Google da diversi anni. Ma in 2019, la società cinese è stata inserita in una lista nera degli Stati Uniti che limitava l’accesso alla tecnologia americana e significava che non era più in grado di utilizzare il software Android con licenza sui suoi telefoni.

In risposta, Huawei ha lanciato il proprio sistema operativo nello stesso anno.

Martedì, i dirigenti di Huawei hanno parlato di HarmonyOS, sfruttando la sua capacità di essere un sistema operativo in grado di funzionare su un numero di dispositivi anziché solo smartphone, il che potrebbe attirare gli sviluppatori che desiderano realizzare app che funzionano su hardware diverso.

La direzione ha anche parlato di Huawei Mobile Services (HMS), una raccolta di varie app Huawei dalle mappe ai pagamenti al suo app store.

L’affermazione di Huawei di poter fornire un ecosistema “alla pari” con Google e Apple è importante, considerando che la società ha lanciato il suo sistema operativo solo meno di un anno fa.

Ma Tan ha sostenuto i suoi commenti rivelando che alla fine di marzo Huawei aveva 1,4 milioni di sviluppatori a bordo 115% dalla fine del primo trimestre di 2019.

In Cina, dove Huawei è il maggiore produttore di smartphone per quota di mercato, non avere accesso ad Android di Google non è un grosso problema. Questo perché i servizi di Google, come la ricerca, sono bloccati nel Paese e gli utenti non possono comunque usarli. Ciò significa anche che HarmonyOS di Huawei ha la possibilità di avere successo nel mercato interno.

Quindi nel complesso senza sviluppatori di tendoni a bordo sta andando a essere una vendita difficile.

Neil Shah

Counterpoint Research

Tuttavia, nei mercati internazionali in cui sono sviluppate le app Servizi di Google – integrazione di mappe o pagamenti, ad esempio – Huawei potrebbe trovare la sua HarmonyOS una vendita difficile.

“Non sarà facile per Huawei creare una libreria di applicazioni principali al di fuori della Cina, poiché molti di loro si affidano a Google per cose come la gestione dei diritti digitali, la localizzazione, i pagamenti e i servizi di notifica “, ha detto a CNBC Bryan Ma, vice presidente della ricerca sui dispositivi presso IDC.

Huawei non è stato immediatamente disponibile per un commento quando contattato dalla CNBC.

“Gli sviluppatori spesso devono essere selettivi su quali progetti trascorrono il loro tempo e un fattore chiave in tale processo decisionale è se esiste una massa critica sufficiente nella base di utenti per giustificare il tempo e gli sforzi spesi per il porting delle applicazioni “, ha detto Ma.

L’HMS di Huawei è simile ai servizi mobili di Google e offre kit per sviluppatori che può essere utilizzato per integrare cose come i servizi di localizzazione nelle app. La società cinese ha affermato che esistono 60, 000 app che utilizzano i cosiddetti servizi HMS Core, ma non ha scomposto in quali paesi o regioni si trovino.

Neil Shah, direttore della ricerca di Counterpoint Research, ha definito il numero di app “limitato” e ha affermato che a Huawei manca ancora Apps.

“Al di fuori della Cina, sarà difficile poiché la maggior parte delle applicazioni di selezione provengono da sviluppatori statunitensi di grande profilo: Netflix, proprietà di Facebook (Instagram, WhatsApp), app di Google, ecc. – che sono ovviamente vietati a collaborare con Huawei “, ha detto Shah.

” Quindi, nel complesso, senza sviluppatori di tendoni a bordo, sarà una vendita difficile. “

In effetti, alcune delle principali app importanti nei mercati internazionali non si trovano nell’app store di Huawei, chiamato AppGallery. Gli utenti non possono scaricare app Google o servizi di proprietà di Facebook. Netflix o Spotify non sono disponibili neanche.

Tuttavia, ha l’app Amazon Shopping e l’app di condivisione video TikTok, di proprietà della società cinese ByteDance.

Huawei ha espresso il desiderio di inserire app Google nella AppGallery.

“Speriamo che i servizi Google possano essere disponibili tramite la nostra AppGallery , proprio come i servizi Google sono disponibili tramite l’App Store di Apple “, ha dichiarato Eric Xu, presidente di turno di Huawei in un’intervista a CNBC a marzo.

Ma questa sarà una sfida, secondo Ma.

“A parte le considerazioni legali, trovo altamente improbabile che Google pubblichi le proprie app in AppGallery, in quanto hanno gli stessi hook nei suoi servizi di terze parti. E se qualsiasi cosa, vogliono guidare l’uso dei loro servizi “, ha detto.

Articolo originale di Cnbc.com