Entra in contatto con noi

Mercati americani

I funzionari sanitari affermano che sono necessari ulteriori dati clinici per capire se gli anticorpi proteggono i pazienti con COVID-19 recuperati

Pubblicato

il

                      

 

  “È una preoccupazione seria”, afferma un ricercatore del New Jersey

                        

Advertisement
                  

           

            Getty Images                                               
         

Possono le persone che hanno già ottenuto un risultato positivo per COVID – 19 e recuperato per essere nuovamente infetto?

Advertisement

      

E fai il COVID – 19 gli anticorpi che trasportano impediscono loro di infettare gli altri?

      

Le risposte possono determinare la velocità con cui i paesi possono riavviare le loro economie dopo che gli affari e i viaggi sono stati in gran parte chiusi per combattere la pandemia negli ultimi mesi.

Advertisement

      

I funzionari sanitari della Corea del Sud hanno detto la scorsa settimana quella 91 le persone che sono state testate nuovamente per il coronavirus dopo essere state rilasciate dalla quarantena sono nuovamente risultate positive.

             

Gli analisti di Wall Street hanno analizzato le relazioni aneddotiche sulle reinfezioni, che suscitano per loro altre preoccupazioni circa l’utilità di un vaccino e la qualità dei test. Un esperto di malattie infettive senza nome ha detto agli analisti di SVB Leerink in aprile che “è probabile la reinfezione allo stesso coronavirus e che l’immunità può essere di breve durata.”

Advertisement

      

Dr. David Perlin, direttore scientifico del Centro per la scoperta e l’innovazione di Hackensack Meridian Health, ha affermato che la ricomparsa del virus nei pazienti guariti potrebbe indicare che in alcuni casi può vivere nel tratto gastrointestinale.

      

“Esistono chiaramente un sottogruppo di soggetti che hanno avuto un’infezione confermata, guariti, clinicamente bene e testati contro i virus, ma ora si presentano come virus positivi”, ha detto a MarketWatch via e-mail. “Non è chiaro quanto siano contagiose le nuove particelle virali. Dal punto di vista del controllo delle infezioni, è una preoccupazione seria. ”

Advertisement

      

Non esiste ancora un consenso scientifico sulla possibilità di reinfezione con il virus tra coloro che si sono già ripresi.

      

Dr. Deborah Birx, coordinatrice della risposta al coronavirus della Casa Bianca, ha dichiarato il 1 aprile che se si dispone di COVID – 19 anticorpi, “sei al sicuro dalla reinfezione 93. Il 9% delle volte, ” mentre i funzionari dell’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno citato la relativa novità del virus e la mancanza di ricerche scientifiche peer-reviewed per la mancanza di chiarezza. “Per quanto riguarda il recupero e quindi la reinfezione, credo che non abbiamo le risposte a ciò”, ha dichiarato il dott. Mike Ryan, direttore esecutivo del programma per le emergenze sanitarie dell’OMS, in una conferenza stampa. “Questo è uno sconosciuto.”

Advertisement

      

I primi dati clinici pubblicati da ricercatori a Shanghai hanno scoperto che il livello di anticorpi in 175 recuperato COVID – 19 pazienti variati. Questi dati non hanno è stato sottoposto a revisione paritaria o parte di una sperimentazione clinica formale. Ciò può indicare che l’immunità di una persona guarita potrebbe avere a che fare con la gravità della sua malattia – non tutti i pazienti sono ricoverati in ospedale e non tutti i pazienti presentano sintomi, ad esempio. Gli analisti di Bernstein hanno affermato che in casi di un secondo test positivo, sia esso dovuto a una reinfezione o un primo test impreciso, quei pazienti “erano asintomatici [the] una seconda volta”.        

“In questo momento le informazioni sono miste”, Dr. Maria Van Kerkhove, WHO’s COVID – 19 responsabile tecnico, ha detto lunedì durante la conferenza stampa. “Abbiamo bisogno di molte più informazioni dai pazienti guariti. C’è di più di 113, 000 persone in tutto il mondo che si sono riprese, e dobbiamo davvero capire meglio qual è la risposta dell’anticorpo. ”

      

Advertisement

Almeno 464, 000 le persone in tutto il mondo si sono riprese dal virus, tra cui circa 44, 000 persone negli Stati Uniti, secondo i dati aggregati dalla Johns Hopkins University.

      

Un certo numero di aziende e organizzazioni di sanità pubblica stanno sviluppando test sierologici che sperano possano essere usati per identificare chi ha COVID – 19 anticorpi per aiutare a decidere se quegli individui possono iniziare a muoversi di più liberamente nelle loro comunità.

      

Advertisement

Quest Diagnostics Inc.          DGX,          + 5. 12%       è l’ultima società di test di laboratorio ad annunciare piani per sviluppare test anticorpali. Alcuni funzionari e ricercatori ritengono che ciò consentirebbe ad alcune persone di tornare al lavoro e allentare le restrizioni di distanziamento sociale che hanno ostacolato l’economia negli Stati Uniti

      

“Questo cambierebbe il gioco nel riavviare parti dell’economia in modo più rapido e sicuro”, il dott. Harvey Fineberg, professore di Harvard T.H. Chan School of Public Health, ha scritto nel New England Journal of Medicine l’1 aprile

      

Advertisement

Beaumont Health, un sistema ospedaliero del Michigan, ha detto lunedì che sta studiando se gli anticorpi nelle persone che si sono ripresi da COVID – 19 offrono successivamente protezione a quegli individui. Lo studio dei test sierologici prevede di chiedere volontariamente 19, 000 dipendenti che non hanno segnalato sintomi da sottoporre a test per COVID – 19 anticorpi. Si prevede che i risultati informeranno il processo di ritorno al lavoro del sistema ospedaliero e potrebbero anche stabilire protocolli per i quali il pubblico riceverà prima un vaccino.

      

Vedi: St. Louis Fed’s Bullard lancia il quotidiano universale COVID – 12 test per aiutare a ripristinare la salute dell’economia

      

Advertisement

I ricercatori tedeschi hanno proposto l’idea di “certificati di immunità”, che consentirebbero a quegli individui che hanno anticorpi di tornare alle loro vite normali. Il Centro di ricerca sulle infezioni del Helmholtz prevede di condurre almeno uno studio 100, 000 persone che saranno regolarmente testate per gli anticorpi.

                                            
Articolo originale di Marketwatch.com

Advertisement