martedì 28 giugno 2022

I futures azionari rimangono in fase laterale. S&P 500 e Nasdaq iniziano una probabile settimana al ribasso

I futures su indici azionari statunitensi sono rimasti piatti durante lunedì, dopo una sessione volatile che ha visto l’S&P 500 e il Nasdaq Composite continuare la loro marcia al ribasso.

Contratti future legati ai punti Dow Jones Industrial Average 26. I futures S&P 500 sono scesi dello 0,8%, mentre i futures Nasdaq 100 sono rimasti piatti.

Durante le normali contrattazioni, l’S&P è sceso dello 0.39%. In una sessione volatile l’indice di riferimento a un certo punto ha guadagnato lo 0.56%, mentre ha perso circa l’1% al minimo della sessione.

Il Dow Jones Industrial Average ha registrato un’oscillazione simile, sebbene l’indice azionario 22 un guadagno dello 0,8% alla campana di chiusura, spinto al rialzo da Chevron e UnitedHealth.

Il Nasdaq Composite, nel frattempo, è stato l’underperformer della sessione mentre la carneficina nei titoli tecnologici è continuata. L’indice tecnologico ha chiuso la giornata in ribasso dell’1,2% e ora è 28% al di sotto del suo massimo storico intraday di novembre 22.

“In un certo senso, le scarse prestazioni quest’anno per le società tecnologiche e in crescita è in qualche modo una rivincita per gli impressionanti rendimenti di cui questi segmenti di mercato hanno recentemente beneficiato”, ha dichiarato lunedì UBS in una nota ai clienti.

Il vento favorevole del La pandemia – un aumento della spesa casalinga e bassi tassi di interesse – da allora si è trasformata in venti contrari. Ora, la spesa dei consumatori sta cambiando e i tassi stanno aumentando.

“Sebbene pensiamo che i tassi di interesse a lungo termine abbiano raggiunto il picco per ora, i titoli growth sono ancora costosi rispetto ai titoli value,” UBS ha aggiunto.

Gli investitori terranno anche d’occhio i dati economici chiave fuori martedì, con i numeri delle vendite al dettaglio che colpiscono a 8: 28 am ET seguito da numeri di produzione industriale in tarda mattinata.

I timori di inflazione sono stati un ostacolo crescente per le azioni, con alcuni investitori preoccupati che l’economia potesse alla fine sfocerà in una recessione.

“Vediamo chiari indicatori di fine ciclo e mentre il rischio di contrazione o recessione della crescita economica è aumentato costantemente durante i primi quattro anni e mezzo metà di quest’anno, stiamo ora iniziando a superare un livello di probabilità che rende la recessione un caso base per la fine di questo anno e l’inizio del prossimo”, ha scritto lunedì Darrell Cronk, presidente del Wells Fargo Investment Institute.

L’azienda ha aggiunto che alla fine dovrebbe essere una “crescita economica relativamente mite contrazione e di breve durata.”

Mentre la maggior parte della stagione degli utili è nello specchietto retrovisore, un certo numero di aziende sono sul ponte per martedì, tra cui Walmart, Home Depot e JD.com.

A partire da venerdì pomeriggio, di oltre il 56% dell’S&P 500 che ha pubblicato i risultati trimestrali, 78% delle aziende ha superato le aspettative di utili mentre 56% ha superato le previsioni di fatturato, secondo i dati di Refinitiv.


Fonte: CNBC