giovedì 06 maggio 2021

I mercati emergenti saranno “messi in ginocchio” dalla pandemia, dice l’ex economista capo dell’FMI

Kenneth Rogoff, ex capo economista del Fondo monetario internazionale, ha affermato che la pandemia di coronavirus sarà un duro colpo per le economie dei paesi in via di sviluppo, indipendentemente dalla rapidità con cui gli Stati Uniti e l’Europa si riprendono

“Stanno cercando di contenere le conseguenze, la crisi finanziaria. Ma i mercati emergenti penso che sicuramente si saranno già messi in ginocchio, ed è difficile sapere fino a quando lo sapremo quando ne usciremo da quanto male sarà nei paesi avanzati “, ha detto Rogoff” Closing Bell . “

I paesi con il maggior numero di casi confermati di coronavirus sono gli Stati Uniti e diversi paesi dell’Europa occidentale, tra cui Italia e Spagna. Le chiusure delle imprese negli Stati Uniti hanno alimentato 10 milioni di richieste di disoccupazione le ultime due settimane.

La pandemia si è diffusa anche in molti paesi meno sviluppati, con India, Brasile, Ecuador e Cile tra le nazioni che hanno riportato almeno 2, 500 casi, secondo i dati della Johns Hopkins University.

Rogoff, che ora è professore all’Università di Harvard, ha detto che c’è non un buon analogo storico a questa crisi.

“Ci sono state crisi finanziarie che sono state messe in atto da una sorta di catastrofe, ma la natura globale di questo è davvero difficile da trovare al di fuori di una guerra. Si potrebbe dire, nel migliore dei casi , questa è una combinazione dello shock petrolifero di 1970, perché c’è uno shock di rifornimento, e il 2008 crisi finanziaria, la profondità dello shock della domanda “, ha detto Rogoff.

” Ma davvero, penso che devi tornare almeno alla Grande Depressione e forse passato per vedere un tuffarsi a livello globale di questa velocità e profondità “, ha aggiunto.

Rogoff, che è stato il capo economista del FMI da 2001 a 2003, ha affermato che paesi come gli Stati Uniti e in Europa stavano facendo la scelta giusta emettendo debito per sostenere le loro economie, affermando che la risposta economica degli Stati Uniti è stata “eccellente”.

“Meno male che abbiamo ancora una Federal Reserve indipendente”, ha detto Rogoff.

Tuttavia, ha criticato la risposta alla salute pubblica negli Stati Uniti, classificandola come 3 su , e paragonò la situazione al sostegno di un’economia di guerra perdendo la guerra.

“Abbiamo impiegato molto tempo per rispondere a tutti i livelli, e ora abbiamo un blocco parziale in cui alcuni stati hanno un riparo per le persone e altri no. Non ho nemmeno so cosa significa. Non vedo davvero come se ne possa uscire senza una risposta nazionale coerente “, ha detto Rogoff.

Articolo originale di CNBC