lunedì 26 ottobre 2020

I mercati europei si apriranno leggermente al ribasso mentre i casi di coronavirus raggiungono 1 milione

I mercati europei hanno chiuso in ribasso venerdì, ponendo fine a un’altra settimana di scambi rocciosi nel contesto dell’approfondimento della crisi del coronavirus.

Il paneuropeo Stoxx 600 è sceso di quasi l’1%, con i titoli petroliferi e del gas scendono del 4,6% a vantaggio delle perdite, mentre i titoli sanitari hanno invertito la tendenza a salire dello 0,8%.

Venerdì ha visto una serie di strazianti dati PMI (indice dei gestori degli acquisti) di marzo fuori dall’euro zona, poiché l’impatto economico degli arresti necessari alla pandemia continua ad aumentare.

Il numero di casi confermati di coronavirus in tutto il mondo ha superato il milione di giovedì notte, con un conseguente aumento di 53, 000 morti finora. La Spagna ha superato il numero totale di infezioni COVID confermate – 19 in Italia venerdì , secondo i dati compilati dalla Johns Hopkins University, mettendola seconda solo agli Stati Uniti per i casi di coronavirus in tutto il mondo.

La Spagna in genere segnala nuovi casi ogni giorno con alcune ore di anticipo rispetto all’Italia e probabilmente i numeri cambieranno nel corso della giornata.

I mercati azionari globali hanno avuto un inizio traballante secondo trimestre questa settimana mentre gli investitori continuano a valutare le potenziali ramificazioni economiche di blocchi serrati diffusi e la persistente diffusione del virus, insieme alle misure fiscali e monetarie implementate da governi e banche centrali per mitigare la crisi.

Disperazione dei dati

Il titolo IHS Markit composito PMI per la zona euro crollato da 51 .6 a febbraio al minimo storico di .7 a marzo, sotto una stima flash di 31 .4 e il suo più grande calo di un mese dall’inizio dell’indice 1998. Qualunque cosa sotto 50 rappresenta una contrazione dell’attività.

L’amministratore delegato di IHS Markit, Chris Williamson, ha dichiarato che i dati indicano che l’economia della zona euro si sta già contraendo a un ritmo “in avvicinamento 10% “, secondo Reuters, con il peggio a venire.

Il servizio italiano, spagnolo e francese tutti i settori hanno registrato la loro più profonda recessione a marzo, mentre le società di servizi tedesche hanno licenziato i dipendenti al tasso più veloce in quasi 23 anni.

Durante gli scambi pomeridiani, i dati del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti hanno rivelato che i libri paga non agricoli sono diminuiti di 701, 000 a marzo, il primo declino dei posti di lavoro pubblicato negli Stati Uniti dal 2010 e vicino al 800, 000 picco di maggio 2009 durante la crisi finanziaria.

Azioni in movimento

In fondo al benchmark europeo , Sviluppo della proprietà britannica er Hammerson scorrevole 17% e banca delle imprese francesi Natixis calato 16%.

Le scorte assicurative hanno continuato a pesare, con Aegon e Zurigo perdono entrambi circa l’8% mentre CNP Assurances e Gruppo NN È diminuito di oltre il 6%.

Nella parte superiore dello Stoxx 600, le scorte energetiche hanno continuato a salire nella speranza di una tregua del prezzo del petrolio tra Russia e Arabia Saudita. La norvegese Aker BP ha aperto la strada con un 13% jump while Sottomarino 7 e TGS-Nopec entrambi aggiunti intorno 10%.

Articolo originale di CNBC