mercoledì 27 gennaio 2021

I mercati europei si aprono ai ribassi perché i timori del coronavirus pesano sulla fiducia degli investitori

Mercoledì le azioni europee hanno chiuso bruscamente in ribasso per quanto riguarda la seconda ondata di infezioni da coronavirus e la tempistica di un vaccino, che pesa sul sentimento degli investitori.

Lo Stoxx paneuropeo 600 è sceso del 2% alla chiusura, con titoli di viaggio e tempo libero in calo del 4,8% a causa delle perdite poiché tutti i settori e le principali borse hanno terminato in territorio negativo.

I mercati europei hanno seguito la tendenza negativa stabilita in Asia, dove gli investitori sono rimasti cauti su una recente ripresa dei casi di coronavirus in alcuni paesi a livello regionale quando hanno iniziato a riaprire le loro economie.

Altro di 4,2 milioni di persone in tutto il mondo sono state infettate dal virus adesso, mentre 293, 514 le persone sono morti, secondo i dati compilati dalla Johns Hopkins University.

Negli Stati Uniti, le azioni sono diminuite quando gli investitori hanno affrontato le preoccupazioni sulla riapertura dell’economia e le osservazioni del funzionario di alto livello della Federal Reserve.

“Mentre la risposta economica è stato tempestivo e opportunamente ampio, potrebbe non essere il capitolo finale, dato che la strada da percorrere è al contempo altamente incerta e soggetta a significativi rischi al ribasso “, ha dichiarato il Presidente della Fed Jerome Powell in osservazioni preparate.

In evidenza gli utili

Mercoledì è stata una mattinata intensa per gli utili.

Commerzbank ha registrato una perdita nel primo trimestre in quanto la pandemia di coronavirus e l’aumento degli accantonamenti per perdite sui prestiti hanno pesato sul secondo istituto di credito più grande della Germania. La banca ha registrato una perdita netta di 295 milioni di euro ($ 319. 99 milioni). Le azioni Commerzbank sono scese del 7% alla chiusura.

Il Gruppo TUI ha annunciato nella sua relazione finanziaria semestrale che arriverà a 8, 000 lavori nel tentativo di tagliare i costi mentre la pandemia e gli arresti in tutto il mondo devastano l’industria dei viaggi. Le azioni Tui sono diminuite dell’1,6%.

Il colosso marittimo Maersk ha registrato un aumento 23% degli utili del primo trimestre al lordo delle imposte , deprezzamento e ammortamento (EBITDA) ma ha avvertito di un forte calo dei volumi globali di container a causa della pandemia. Le azioni di Moller-Maersk sono scese del 5,8%.

ABN AMRO ha registrato una perdita del primo trimestre 395 milioni di euro e ha avvertito che gli accantonamenti per sofferenze potrebbero vola a 2,5 miliardi di euro quest’anno. Le azioni del creditore olandese sono precipitate del 9%.

Più grandi promotori

Chipmaker AMS ha registrato un calo delle azioni dell’8% dopo aver svelato le proposte di AGM (riunione generale annuale). Anche l’operatore cinematografico Cineworld ha perso più del 13%.

In cima al benchmark europeo, quotato in Svizzera la società eyecare Alcon è salita di oltre il 4% dopo i guadagni del primo trimestre.

Articolo originale di CNBC