Entra in contatto con noi

Mercati americani

I miei settori preferiti in cui investire per il 2023

Pubblicato

il

tdub303

Cari abbonati,

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Il 2022 è stato un anno molto interessante. Anche se ho chiuso l’anno in positivo, la maggior parte degli investitori con cui parlo non l’ha fatto – e non c’è certamente da vergognarsene, visto che tipo di anno abbiamo avuto e dove la maggior parte delle persone era posizionata in termini di allocazione del portafoglio.

Né sto affermando di aver assegnato abilmente i miei fondi esattamente ai settori giusti durante l’anno: un’affermazione del genere sarebbe errata. Ho avuto un’esposizione a settori che hanno visto anche alcuni cali significativi, anche se sono riuscito a segnare alcuni incredibili vincitori con un RoR del 50-90% durante un anno molto difficile.

Tuttavia, il 2022 è ormai finito.

Advertisement

È il momento del 2023.

Cosa significa 2023?

2023 significa, per me, che dobbiamo considerare quanto segue:

  • L’inflazione è ancora alta e le banche centrali lo sono lontano dall’aver finito con gli aumenti dei tassi. Ad un certo punto, è probabile che assisteremo a un rallentamento degli aumenti, a causa dell’impatto sulla crescita economica e del fatto che l’inflazione è sotto controllo.
  • Tuttavia, questo è un passo lontano rimosso da effettivamente retromarcia l’orientamento della politica dei tassi. Credo che ci troveremo in un contesto di tassi di interesse più elevati per un po’ di tempo, e prima che venga fatto qualsiasi abbassamento significativo del tasso di interesse, è molto probabile che i politici esaminino esattamente cosa farà anche una riduzione di 25 punti base all’inflazione, alla disoccupazione e ad altri fattori fondamentali.
  • Il 2022 si preannuncia come uno degli anni peggiori da molto tempo per i portafogli orientati alla tecnologia o alla crescita – e anche i portafogli 60/40 conservatori hanno per lo più ottenuto risultati scadenti o sottoperformanti. Non vedo che cambi necessariamente per il 2023, a seconda di dove stai allocando.
  • Non credo che una riduzione dell’inflazione sia sufficiente perché una banca centrale inizi ad abbassare i tassi nel breve termine. Credo che questo sia un pio desiderio – e nel mio caso, non ci spero. Io, infatti, spero che le banche centrali continuino a spingere i tassi di interesse, poiché credo che le economie globali ne abbiano bisogno.
  • La macroeconomia globale potrebbe affrontare venti contrari a causa del forte stato della valuta statunitense, poiché la maggior parte delle transazioni è denominata in dollari. Ciò significa che i costi per fare affari sono più alti per le società non statunitensi.
  • Questo non riguarda solo le aziende – io stesso commercio denominato in SEK – il dollaro è fino a 10,50 e lo è stato per un po’ di tempo. È ottimo per i dividendi in entrata, ma a causa di ciò solo il 10-20% del mio denaro attuale va in USD, rispetto all’85-90% di soli 2 anni fa. Invece, investo in SEK, NOK, DKK, GBP e JPY. Ciò è reso più semplice con IB, che consente il pieno controllo del Forex.
  • La banca centrale di Inghilterra e Giappone è già dovuta intervenire una volta durante il 4Q22 per stabilizzare le loro valute – Nel caso del Giappone, un calo del valore dello yen, in Inghilterra a causa del suo mercato obbligazionario e del sistema pensionistico. Le increspature dell’instabilità finanziaria si stanno diffondendo, ma per ora sono apparentemente sotto controllo.
  • La posizione generale della maggior parte dei macro analisti che seguo è questa è aumentato l’instabilità finanziaria nel 2023 è improbabile, ma la preparazione è comunque sempre prudente.
  • Cina sta rallentando. C’è un settore immobiliare al collasso e restrizioni COVID-19 ora revocate, un’inversione completa che ha indotto le nazioni europee a imporre restrizioni di viaggio ai viaggiatori cinesi. È probabile che il settore immobiliare cinese continui a diminuire, con un settore delle costruzioni compresso che interessa le aziende di tutto il mondo. L’attenzione di Pechino è stabilità, non stimolo. Tieni presente che la Cina è determinata dal dipartimento del tesoro degli Stati Uniti come a Manipolatore di valuta – quindi qualsiasi cosa al di fuori di questa nazione dovrebbe essere vista e calcolata con estrema cautela. Attualmente sono allo 0% in Cina, senza modifiche pianificate.
  • Dividendi rischiano di rimanere attraenti. Con la maggior parte delle aziende di qualità che compensano gli aumenti dei costi attraverso i prezzi, non credo che vedremo molti tagli di dividendi importanti nella lista A nella maggior parte dei paesi.

Queste, più o meno, sono alcune delle cose principali che ho in mente per il prossimo anno, ma certamente non tutte. L’Europa sembra essere la prima a rischio recessione, il Regno Unito dopo, e gli Stati Uniti al terzo posto. I mercati emergenti sono particolarmente vulnerabili al cambio in USD, il che significa che anche per me gli investimenti rischiosi al di fuori del mondo occidentale passeranno in secondo piano.

Svezia è secondo la maggior parte delle previsioni, probabilmente anche quest’anno entrerà in recessione, anche se solo leggermente.

Tutto sommato, è un mercato stimolante, ma ecco i settori che prediligo e le varie ragioni per cui li favorisco.

Advertisement

Questi non sono in un ordine particolare: l’appello si basa su singole società, non solo su settori.

1. Telecomunicazioni

Il 2022 è stato una sfida (e un’opportunità) per Telco, con la maggior parte delle Telco che ha dovuto affrontare un calo a causa della concorrenza sui prezzi, dei margini e dell’aumento dei costi. La redditività è il grido di battaglia di queste aziende, come dovrebbe essere. Delle mie partecipazioni, solo 2, tra cui Deutsche Telekom (OTCQX:DTEGY) è stato solido per l’anno, con la maggior parte degli altri in rosso.

Tuttavia, considero questo uno sviluppo del tutto illogico e temporaneo, a causa del contesto macro in questo settore. Solo negli Stati Uniti, l’IIJA nel novembre del -22 assegna 65 miliardi di dollari per l’adozione e l’implementazione della banda larga e si prevede che il mercato globale delle telecomunicazioni quasi raddoppierà entro il 2030, con un CAGR del 6,9% dal 2022 al 2030.

La resa e le rispettive qualità delle attività in essa contenute fanno sì che non mi preoccupi minimamente, e tengo questo tra i miei settori più grandi. Ogni azienda ha le sue sfide di margine specifiche e mi concentro sull’investimento in leader di mercato con un posizionamento solido che può resistere alle tempeste, al contrario dei giochi di rischio dei mercati emergenti.

Advertisement

Inoltre, la valutazione per la maggior parte di questi è attualmente incredibilmente compressocreando un caso molto attraente.

Ecco alcune aziende attualmente sottovalutate che guardo nel settore:

  • Comunicazioni Verizon (VZ)
  • AT&T (T)
  • Telenor (OTCPK:TELNY)
  • Deutsche Telecom/T-Mobile (TMUS)
  • Vodafone (VOD)

2. Finanza/Banche

È probabile che le banche sovraperformano per una serie di motivi. Prima di tutto, la crescita del credito è ancora attesa e segnalata come robusta. In secondo luogo, è probabile che qualsiasi cosa legata a NII o NIM (redditi e margini legati agli interessi) superi i rendimenti dati gli aumenti dei tassi di interesse. In terzo luogo, probabili aumenti del PPoP (utile operativo pre-accantonamento), con una continua e solida trazione del reddito da commissioni, nonché del reddito da tesoreria e obbligazioni. Gli unici venti contrari qui sono i costi di finanziamento, ma il fatto è che la maggior parte delle banche in cui investo riporta numeri assolutamente stellari.

Le banche non sono affatto vicine alla posizione in cui si trovavano nel 2008. Ora la maggior parte di loro ha fogli assolutamente stellari che consentiranno loro di sovraperformare in questo ambiente. Questo è il motivo per cui rimango pesante nelle banche e nei finanziari.

Le compagnie di assicurazione e le giocate di riassicurazione, sebbene non completamente uguali, condividono alcune delle caratteristiche qui, e credo che molte di loro lo faranno, e hanno già sovraperformato nel 2022.

Advertisement

A proposito, questo significa anche Società di servizi alle imprese e società di carte di credito nel settore finanziario, come Visa (v).

Ecco alcune aziende attualmente sottovalutate che guardo nel settore:

  • Citigroup (C)
  • Pietra nera (BX)
  • Allianz (OTCPK:ALIZY)
  • Monaco di Baviera (OTCPK: MURGIA)
  • Scotiabank (BNS)

3. Beni di consumo di base

L’attuale stabilizzazione dei tassi di inflazione avrà un impatto sullo sviluppo del reddito reale, che a sua volta sosterrà le società di base. La ripresa in corso nella maggior parte dei settori come la vendita al dettaglio, il turismo, i trasporti e l’ospitalità guiderà la spesa per beni di prima necessità e la spesa discrezionale di fascia bassa, nonché potenzialmente di fascia alta. Un’aspettativa attuale è per una ripresa più rapida del previsto nelle famiglie europee classificate come “a basso reddito”.

I prodotti di base hanno la tendenza ad essere migliori dei metastabili e hanno prestazioni migliori nella maggior parte dei mercati. ecco perché una parte considerevole del mio capitale è allocata in beni di prima necessità come cibo, igiene e prodotti simili, compresi i discrezionali proprio di fascia bassa.

Ecco alcune aziende attualmente sottovalutate che guardo nel settore:

Advertisement
  • Hold Delhaize (OTCQX: ADRNY)
  • Consolidato Coca-Cola (COCA COLA)
  • Keurig Dr Pepper (KDP)
  • Aromi & Fragranze Internazionali (IFF)
  • Altria (MO)
  • tabacco americano britannico (ITV)

4. REIT/Immobiliare

Credo che i REIT siano posizionati per generare prestazioni fuori misura per il 2023 e oltre. La valutazione per i REIT medi, specialmente in alcuni settori, ha visto una distruzione assoluta nel 2022. Le società con rating BBB+ e A vengono scambiate come se stessero fallendo.

Mentre alcuni sosterranno il rischio di premio a termine e il modo in cui i REIT, in particolare alcuni settori, sono esposti agli alti e bassi del ciclo economico più ampio, i fatti sono:

  • I REIT hanno tradizionalmente sovraperformato anche durante i periodi di aumento dei tassi di interesse.
  • Rimane un gioco orientato alla localizzazione e alla valutazione, con particolare attenzione alla qualità degli asset, al gearing/debito.
  • Nonostante i timori, il costo del debito, il costo del capitale proprio e gli aumenti del costo delle opportunità danneggiano le società orientate alla crescita/tecnologiche molto più di quanto non facciano i REIT, a causa della natura fluttuante del ROIC nella maggior parte dei settori (la tecnologia, per la maggior parte, non avere un ROIC mobile). Questo non è unico per i REIT, ma ne è un buon esempio.
  • I flussi di cassa di molti sottosettori REIT, come il self-storage e gli appartamenti, sono fatti esattamente per resistere a flessioni come quelle che stiamo vedendo.

Tuttavia, è importante ricordare che non tutti i REIT o sottosettori REIT sono uguali. Per questo motivo, raccolta quale delle società in cui investi è molto importante.

È qui che entrano in gioco analisti come quelli di iREIT su Alpha/Dividend Kings.

Ecco alcune aziende attualmente sottovalutate che guardo nel settore:

  • Comunità AvalonBay (AVB)
  • Fiducia delle proprietà dell’Essex (ESS)
  • Proprietà VICI (VICI)
  • Vonovia (OTCPK:VONOY)
  • Kilroy Immobiliare (KRC)
  • Proprietà Highwoods (CIAO)
  • Proprietà Boston (BXP)
  • Trust immobiliare digitale (DRL)
  • Affiliati di archiviazione nazionale (NSA)
  • Ammasso pubblico (PSA)

5. Utilità

Le utility sono un gioco generalmente forte per il loro pagamento sicuro e conservativo (di solito) dei dividendi basato sui flussi di cassa che provengono da regolamentato fonti con elevata trasparenza e prevedibilità. Ecco perché io, ad esempio, possiedo il 5,1% di Enel (OTCPK:ENLAY). I servizi di pubblica utilità, che si tratti di elettricità, acqua o altri giochi simili, rimangono un settore interessante con prospettive molto solide.

Ciò è dovuto al caratteristiche difensive di questo settore che ne fanno essenzialmente un rifugio sicuro durante una tempesta come quella che si sta preparando qui.

Advertisement

Tuttavia, non è tutto.

Il potenziale di crescita a lungo termine di questo segmento dovuto al passaggio globale dall’energia petrolchimica all’elettrostato può benissimo fornire un vantaggio realistico a lungo termine che potrebbe combinare un riparo per te con un potenziale di crescita a lungo termine e un appeal conservativo. Quasi tutte le utility stanno giocando al gioco delle rinnovabili: è questione di 5-15 anni prima che ci troviamo in un posto molto diverso, e credo che le utility siano uno dei principali beneficiari di questa tendenza.

Le utility hanno già avuto un buon 2022 per lo stesso motivo che ho menzionato qui. Hanno sovraperformato l’S&P500 di quasi il 15% per il 2022, proprio come un intero segmento.

Continuo a vedere l’importanza complessiva delle utility e continuo a cercare il “meglio” in questo segmento.

Advertisement

Ecco alcune aziende attualmente sottovalutate che guardo nel settore:

  • Enel (OTCPK:ENLAY)
  • Potere Algonchino (AQN)
  • E.ON (OTCPK:EONGY)
  • Forte (OTCPK:FOJCF)

6. Industriali (chiave).

Dopo decenni di investimenti insufficienti in capacità e infrastrutture in Europa e negli Stati Uniti, credo che i settori industriale e manifatturiero continuino ad essere pronti per una tendenza molto forte a lungo termine. Gli industriali sono forse il settore più complicato che guardo perché qui è veramente “individuale” in termini di aziende da scegliere.

Credo che la tendenza sia favorevole alla qualità, attori chiave UE/NA perché la produzione nazionale (al contrario di quella asiatica) è ricercata in molte aree geografiche. L’impatto della recessione sull’intero settore è stato pesante, ma si tratta per lo più di breve termine, il che mi offre più opportunità che preoccupazioni.

Sebbene le catene di approvvigionamento globali non scompariranno in alcun modo, credo che le dinamiche in gioco durante la pandemia di COVID-19 e ciò che ne è seguito (compresa l’invasione della Russia in Ucraina) abbiano evidenziato alla maggior parte dei paesi l’importanza di autosufficienza e produzione industriale domestica.

Le implicazioni a lungo termine per il settore a causa di ciò sono incredibilmente positive, a mio avviso. Questo è il motivo per cui ho creato ampie posizioni in società industriali europee e americane e continuerò a svilupparle man mano che le valutazioni e le tendenze me lo consentiranno.

Advertisement

A breve termine, questo settore è guidato dalle preoccupazioni per l’inflazione (costi), i tassi di interesse e i problemi della catena di approvvigionamento. Tieni presente che l’anno scorso gli industriali hanno effettivamente battuto il più ampio S&P500 del 10% come settore.

Credo che gli industriali chiave siano pronti a sovraperformare di più, ed è per questo che sto investendo di più.

Ecco alcune aziende attualmente sottovalutate che guardo nel settore:

  • Gruppo KION (OTCPK: KIGRY)
  • Porsche/VW (OTCPK:POAHY) (OTCPK:VWAGY)
  • Stanley Black&Decker (SWK)
  • Stellanti (STLA)
  • aerobus (OTCPK:EADSY)
  • Società 3M (Mmm)
  • Sistemi BAE (OTCPK:BAESY)

Avvolgendo

Questi sono alcuni dei settori che seguo e che mi interessano particolarmente.

Tuttavia, voglio chiarire che non tutto in questi settori è attraente. Si tratta di scegliere il aziende giuste al giusta valutazione. Questo è quello che io, come investitore di valore conservatore, contributore e analista finanziario, cerco di fare. Dato il mio track record di 5 anni, sento che questo è qualcosa che faccio discretamente bene (ha battuto l’S&P500 durante quel lasso di tempo). Abbiamo tutti i nostri vincitori e i nostri perdenti, ma io certamente ho più verde che rosso durante il mio tempo, e le aziende che sono attualmente in rosso non sono aziende che mi preoccupano per essere in rosso.

Advertisement

Il 2023 si preannuncia come un anno molto interessante e sembra che stiamo iniziando quell’anno con un giorno in rosso, che onestamente è per lo più in linea con i miei desideri di poter investire a valutazioni basse in grandi aziende.

Una delle domande principali per l’anno sembra essere se entreremo in una recessione, e una delle domande che ricevo spesso da abbonati, follower e lettori è se credo che sia così.

Sì, credo che ci sarà una recessione nel 2023.

Credo che l’Europa, in un senso più ampio, sarà in uno. Credo anche che la Svezia entrerà in uno. Mi aspetto anche che lo sia possibile che gli Stati Uniti potrebbero entrarvi nel 2023 a causa di una combinazione di politiche monetarie aggressive, rallentamenti della crescita monetaria, rallentamento dell’economia globale e compressione. Tuttavia, a mio avviso, ciò creerà importanti potenziali di investimento e punti di svolta per gli investitori nei prossimi 1-12 mesi.

Advertisement

non sono preoccupato su una recessione – vanno e vengono come la marea – fa parte del sistema. Ho un piano per gestirli, come credo dovresti fare tu.

Pubblicherò un secondo articolo dopo questo con Settori che intendo evitare per il 2023 (in generale), quindi assicurati di controllare anche quello!

Domande su questo?

Fammi sapere!

Advertisement

L’azienda discussa in questo articolo è solo un potenziale investimento nel settore. Membri di iREIT su Alpha ottenere l’accesso a idee di investimento con vantaggi che considero significativamente più alti/migliori di questo. Prendi in considerazione la possibilità di iscriverti e saperne di più qui.

Advertisement

Trending