giovedì 26 maggio 2022

I prezzi al consumo in Cina hanno raggiunto il massimo di sei mesi quando il Covid spinge la gente del posto a fare scorta di cibo

PECHINO — Consumatore e produttore cinese i prezzi sono aumentati più del previsto ad aprile, secondo i dati dell’Ufficio nazionale di statistica pubblicati mercoledì.

L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 2,1% il mese scorso rispetto a un anno fa, sostenuto da un aumento dei costi di energia e verdura fresca. La lettura ha superato le aspettative di un aumento dell’1,8% previsto da un sondaggio Reuters.

Il dato di aprile è stato anche il più alto dal 2,3% di novembre e ben al di sopra del 14 media mensile dell’inflazione dei prezzi al consumo dello 0,9%. L’obiettivo CPI ufficiale della Cina per 2022 è “circa il 3%”.

“Il fattore principale è stato un aumento di i prezzi dei generi alimentari a causa dell’aumento dei costi di trasporto e del rifornimento della domanda a causa delle più severe restrizioni Covid”, hanno affermato mercoledì gli analisti di Goldman Sachs in un rapporto.

“In termini anno su anno, prevediamo l’IPC inflazione in aumento e inflazione PPI in calo sugli effetti di base”, afferma il rapporto. “In sequenza l’inflazione CPI potrebbe moderarsi nel breve termine poiché le pressioni inflazionistiche dei prezzi alimentari potrebbero allentarsi con il miglioramento della situazione Covid in Cina.”

Da marzo, la Cina continentale ha inasprito le restrizioni di viaggio e imposto ordini di soggiorno in molte parti delle città per contenere la peggiore epidemia di Covid del paese dall’inizio 2020. I controlli hanno impedito a molte fabbriche di produrre a pieno regime o di spostare merci tra fornitori e clienti.

I prezzi delle verdure fresche sono aumentati di 18% su base annua ad aprile, mentre i prezzi della frutta fresca sono aumentati del 14.1% durante quel periodo. I prezzi del maiale, uno dei principali fattori che contribuiscono all’IPC cinese, hanno registrato un aumento relativamente raro dell’1,5% rispetto al mese precedente per un calo più moderato su base annua di 33.3%.

Prezzi carburanti per trasporto aumentati del 28.4% da un anno in precedenza, riflettendo i recenti aumenti dei prezzi del petrolio e delle materie prime.

Domanda dei consumatori fiacca

Tuttavia, l’aumento dell’indice dei prezzi al consumo in Cina non significa che i locali debbano affrontare la stessa pressione degli americani.

I prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati di più fin dai primi 1980, anche quando si tolgono cibo ed energia. Si prevede che il dato di aprile che uscirà più tardi mercoledì dovrebbe rimanere vicino all’aumento dell’8,5% registrato a marzo.

In Cina, esclusi i prezzi di cibo ed energia, il prezzo al consumo l’indice è aumentato di un debole 0,9% ad aprile rispetto a un anno fa.

A lungo termine, gli analisti avvertono che la domanda complessiva dei consumatori in Cina rimane depressa a causa dell’incertezza sul reddito futuro.

Alcune aziende hanno persino tagliato i prezzi per attirare acquirenti.

Il Caixin Services PMI di aprile, un sondaggio mensile sul sentiment, ha rilevato che le aziende hanno tagliato prezzi al ritmo più veloce da maggio 2020, “con un certo numero di aziende che abbassano le loro commissioni per attirare nuovi affari in condizioni di domanda debole”, afferma un comunicato.

Un’indagine simile tra i produttori ha rilevato che, nonostante un forte aumento del costo di produzione, i prezzi di vendita sono aumentati solo modestamente poiché le aziende hanno cercato di rimanere competitive e di attrarre nuovi affari.

I costi di fabbrica restano elevati

Ad aprile, l’indice dei prezzi alla produzione cinese è sceso per il quarto mese consecutivo, in aumento dell’8% su base annua. Ciò era ancora al di sopra delle previsioni di Reuters per un aumento del 7,7%.

All’interno del PPI, i prezzi di acquisto sono aumentati molto più rapidamente dei cosiddetti prezzi di fabbrica: il prezzo dei beni venduti dalle fabbriche per ulteriore produzione o vendita ai distributori.

Questa è un’indicazione che le pressioni sui costi sono distribuite in modo non uniforme tra i settori, ha affermato Bruce Pang, responsabile della ricerca macro e strategica presso China Renaissance.

Ha affermato che ciò significa che diverse aziende dovranno affrontare diversi tipi di impatto sui propri margini di profitto.

C’è un “bisogno urgente” di risorse monetarie e fiscali politica per fornire un supporto mirato alle aziende gravemente colpite dalla pandemia, ha affermato Pang in cinese, tradotto da CNBC.

Leggi di più sulla Cina da CNBC Pro

La banca centrale cinese e altre autorità hanno annunciato una serie di misure a sostegno della crescita negli ultimi poche settimane, sebbene la scala di queste misure hanno generalmente deluso i mercati.

“I blocchi di Covid hanno eroso l’efficacia dell’allentamento delle politiche e attenuato la domanda più dell’offerta”, Robin Xing, capo economista cinese di Morgan Stanley e un team ha affermato in una nota martedì.

A fine aprile, l’azienda ha ridotto l’obiettivo del PIL per la Cina al 4,2% sulla base delle aspettative che i controlli Covid interromperanno le catene di approvvigionamento dureranno più a lungo. Questo è in calo rispetto alla previsione precedente del 4,6%.


Fonte: CNBC