giovedì 29 luglio 2021

I prezzi delle case stavano guadagnando seri punti di forza poco prima della chiusura del coronavirus, in aumento del 4,2% annuo per Case-Shiller

Un cartello in vendita è visto vicino a una casa in vendita a South Pasadena, California, ad aprile 24, 2020.

Frederic J. Brown | AFP | Getty Images

I prezzi delle case non stavano solo guadagnando a febbraio, i guadagni stavano aumentando costantemente. A livello nazionale, i prezzi sono aumentati del 4,2% ogni anno nel mese, in aumento rispetto a un aumento del 3,9% a gennaio, secondo gli indici S&P CoreLogic Case-Shiller rilasciati martedì.

– City Composite è aumentato del 2,9% ogni anno a febbraio, rispetto al 2,6% del mese precedente. Il 20 – City Composite è aumentato del 3,5%, rispetto al 3,1%.

I prezzi a febbraio sono stati alimentati dalla forte domanda di acquirenti di case , offerta ridotta e tassi ipotecari quasi record. Mentre i tassi sono ancora bassi e l’offerta è ancora più bassa, la domanda è diminuita drasticamente a causa di Covid – 19 e della chiusura economica.

“I risultati del mese sono stati di ampia base, con guadagni in ogni città nel nostro 20 – City Composite; 17 delle città 20 hanno visto prezzi in accelerazione “, ha affermato Craig Lazzara, amministratore delegato e responsabile globale della strategia di investimento sugli indici di S&P Dow Jones Indices.

Gli aumenti di prezzo hanno continuato a essere più forti a Phoenix, Seattle, Tampa e Charlotte. A febbraio, i valori delle case Phoenix sono cresciuti del 7,5% anno su anno, seguiti da Seattle con un aumento del 6% e Tampa e Charlotte con un aumento del 5,2%. Chicago, New York e Dallas hanno visto i più piccoli aumenti di prezzo annuali rispettivamente dello 0,7%, 1,5% e 2,5%.

Naturalmente c’è un avvertimento in tutto questo.

“Soprattutto, il rapporto di oggi copre le transazioni immobiliari chiuse durante il mese di febbraio e non mostra alcun segno di alcun effetto negativo derivante dalla soppressione governativa dell’attività economica in risposta al COVID – 19 pandemia “, ha detto Lazzara. “Poiché gran parte dell’economia degli Stati Uniti è stata chiusa a marzo, i dati del mese prossimo potrebbero iniziare a riflettere l’impatto di queste politiche sul mercato immobiliare.”

Mentre la maggior parte degli analisti non si aspettano casa i prezzi scenderanno a livello nazionale, come hanno fatto in seguito alla crisi dei mutui subprime, è probabile che gli aumenti dei prezzi si indeboliscano insieme alle vendite di case. Le vendite di case nuove ed esistenti hanno iniziato a calare a marzo e probabilmente sono diminuite molto rapidamente in aprile.

Alcuni mercati le cui economie sono le più colpite, in particolare quelli che dipendono dal tempo libero e dall’ospitalità, potrebbe vedere cadere i prezzi. Questi includono Las Vegas e Orlando, che stanno già vedendo profondi cali nelle vendite di case.

Articolo originale di CNBC