martedì 28 giugno 2022

I rialzi dei tassi indicati dai verbali della Fed vanno oltre le previsioni del mercato

I funzionari della Federal Reserve all’inizio di questo mese hanno sottolineato la necessità di aumentare i tassi di interesse rapidamente e forse più di quanto i mercati si aspettano per affrontare un problema di inflazione in crescita, come hanno mostrato i verbali della loro riunione pubblicati mercoledì.

Non solo hanno visto la necessità di aumentare i tassi debitori di riferimento di 50 punti, ma hanno anche affermato aumenti simili sarebbero probabilmente necessari nei prossimi incontri.

Hanno inoltre notato che la politica potrebbe dover superare una posizione “neutrale” in cui non è né favorevole né restrittiva della crescita, una considerazione importante per i banchieri centrali che potrebbe riecheggiare nell’economia.

“La maggior parte dei partecipanti ha ritenuto che 50 aumenti di punti nell’intervallo target sarebbero probabilmente appropriati nelle prossime due riunioni”, afferma il verbale. Inoltre, i membri del Federal Open Market Committee hanno indicato che “una posizione politica restrittiva potrebbe diventare appropriata a seconda dell’evoluzione delle prospettive economiche e dei rischi per le prospettive”.

Agli inizi di Maggio, il FOMC fissa i tassi approvare un aumento di mezzo punto percentuale e definire un piano, a partire da giugno, per ridurre il bilancio di $ 9 trilioni della banca centrale composto principalmente da Treasury e titoli garantiti da ipoteca.

Questo è stato il più grande aumento dei tassi negli ultimi anni ed è arrivato quando la Fed sta cercando di ridurre l’inflazione a un ritmo 40 massimo dell’anno.

I prezzi di mercato attualmente vedono la Fed passare a un tasso ufficiale intorno al 2,5%- 2.75% entro la fine dell’anno

Ciò sarebbe coerente con il punto in cui molti banchieri centrali considerano un tasso neutrale. Le dichiarazioni a verbale, tuttavia, indicano che la commissione è pronta ad andare oltre.

“Tutti i partecipanti hanno riaffermato il loro forte impegno e determinazione ad adottare le misure necessarie per ripristinare la stabilità dei prezzi, ” affermava la sintesi della riunione.

“A tal fine, i partecipanti hanno convenuto che il Comitato dovrebbe spostare rapidamente l’orientamento della politica monetaria verso un atteggiamento neutrale, attraverso entrambi incrementi della fascia obiettivo per il tasso sui fondi federali e le riduzioni delle dimensioni del bilancio della Federal Reserve”, ha continuato.

Sulla questione del bilancio, il piano sarà quello di consentire un livello limitato di proventi a rotolare ogni mese, un numero che raggiungerà $60 miliardi entro agosto, inclusi $60 miliardi di Treasury e $35 miliardi di mutui. Il verbale indica inoltre che è possibile una vendita a titolo definitivo di titoli garantiti da ipoteca, con avviso che ciò avvenga con largo anticipo.

Il verbale menzionava l’inflazione 60 volte, con i membri che esprimono preoccupazione per l’aumento dei prezzi anche in mezzo alla fiducia che la politica della Fed e l’allentamento di diversi fattori che contribuiscono, come i problemi della catena di approvvigionamento, combinati con una politica monetaria più restrittiva aiuterebbero la situazione. D’altra parte, i funzionari hanno notato che la guerra in Ucraina e i blocchi associati al Covid in Cina avrebbero esacerbato l’inflazione.

Nella sua conferenza stampa post-riunione, il presidente della Fed Jerome Powell ha preso il passo insolito di rivolgersi direttamente al pubblico americano per sottolineare l’impegno della banca centrale a domare l’inflazione. La scorsa settimana, Powell ha dichiarato in un’intervista al Wall Street Journal che ci sarebbero volute “prove chiare e convincenti” che l’inflazione stesse scendendo al target del 2% della Fed prima che gli aumenti dei tassi si fermassero.

Insieme alla loro determinazione a ridurre l’inflazione, sono emerse preoccupazioni per la stabilità finanziaria.

I funzionari hanno espresso preoccupazione per il fatto che una politica più restrittiva potrebbe causare instabilità sia nel mercato del Tesoro che nelle materie prime. In particolare, il verbale metteva in guardia sulle “pratiche di negoziazione e gestione del rischio di alcuni partecipanti chiave nei mercati delle materie prime non erano completamente visibili alle autorità di regolamentazione.”

I problemi di gestione del rischio “potrebbero dar luogo a significative richieste di liquidità per le grandi banche, i broker-dealer e i loro clienti.”

Tuttavia, i funzionari hanno continuato a impegnarsi ad aumentare i tassi e ridurre il bilancio.Il verbale affermava che ciò avrebbe lasciato la Fed “ben posizionata entro la fine dell’anno” per rivalutare l’effetto della politica sull’inflazione.


Fonte: CNBC