venerdì 23 ottobre 2020

I titolari di carta Capital One possono ricevere la soppressione delle commissioni e l’assistenza di pagamento minima se interessati dal coronavirus

I possessori di carte di credito potrebbero chiedersi come potranno permettersi le loro bollette durante la pandemia di coronavirus in corso, ma per fortuna gli emittenti di carte offrono assistenza. Capital One si unisce a molti emittenti di carte, insieme a American Express , Apple , Bank of America , Chase , Citi e Scopri , che offrono supporto di emergenza ai clienti che devono affrontare difficoltà finanziarie.

Capital One ha una pagina web dedicata agli aggiornamenti e alle risorse di coronavirus per i propri clienti, che includono una serie di domande frequenti relative a dubbi sulla prenotazione di viaggi e aperture di filiali. E simile a molti emittenti, Capital One incoraggia i suoi clienti a utilizzare strumenti digitali e altre risorse, come l’app Capital One, per operazioni bancarie self-service e 24 / 7 accesso all’account.

Un portavoce di Capital One ha dichiarato che la società è “impegnata a rispondere alle esigenze dei nostri clienti e collaboratori in base all’evolversi della situazione” e comprende che i clienti potrebbero trovarsi di fronte a difficoltà finanziarie. Capital One incoraggia i clienti che potrebbero essere colpiti dal coronavirus a contattare il servizio clienti per una soluzione.

Ecco la potenziale assistenza offerta ai clienti, secondo una Capital Un portavoce:

“Le disposizioni specifiche offerte dipendono in realtà dalle esigenze del singolo cliente, ma possono includere la soppressione delle commissioni, l’assistenza di pagamento minima e i pagamenti di prestito differito.”

Ad esempio, se si dispone del Credit One® Cash Rewards Credit Card o Capital One® Spark® Classic for Business e non puoi effettuare il tuo pagamento minimo in tempo, potresti ricevere più tempo per pagare o rinunciare alle commissioni, ma dipende dalla tua situazione. Se hai bisogno di aiuto finanziario, contatta il servizio clienti di Capital One.

Come contattare il servizio clienti di Capital One

Puoi parlare con un rappresentante di Capital One per telefono o per posta (che non è consigliabile poiché causa ritardi). Il miglior numero di contatto dipende dal tipo di supporto necessario. Vedi sotto per come contattare il supporto della carta di credito per telefono.

Carte di credito personali

  • Servizio clienti: 1 – 800 – CAPITALE (1 – 800 – 227 – 4825)
  • Al di fuori degli Stati Uniti, chiamare raccogliere: 1 – 804 – 934 – 2001
  • Supporto bancario online: 1 – 866 – 750 – 0873
  • Protezione antifrode: 1 – 800 – 427 – 9428 o 1 – 800 – 239 – 7054
  • International raccoglie le chiamate per segnalare una carta smarrita o rubata: 1 – 804 – 934 – 2001

Carte di credito per piccole imprese

  • Servizio clienti carta di credito per piccole imprese: 1 – 800 – 867 – 0904
  • Servizio clienti di servizi bancari online per clienti con carta di credito per piccole imprese: 1- 866 – 750 – 0873
  • Rappresentante o una carta smarrita o rubata: 1 – 804 – 934 – 2001

Assicurati di avere a portata di mano la tua carta di credito, nonché eventuali parole di sicurezza che potrebbero essere richieste. Preparati a sperimentare tempi di attesa più lunghi del solito.

Quando arrivi a un rappresentante, discuti di eventuali difficoltà finanziarie che stai affrontando, come un recente licenziamento o riduzione dell’orario di lavoro che riduce le entrate e la capacità di effettuare pagamenti. Ciò consente al rappresentante di comprendere la tua situazione e discutere le opzioni disponibili per assisterti durante questo periodo.

Le informazioni sulla carta di credito Capital One® Savor® Cash Rewards e sulla Capital One® Spark® Classic for Business sono state raccolte in modo indipendente da CNBC e non sono state esaminate o fornito dall’emittente delle carte prima della pubblicazione.

Nota editoriale: Le opinioni, le analisi, le recensioni o le raccomandazioni espresse in questo articolo sono quelle della sola redazione della CNBC Select e non hanno stato rivisto, approvato o altrimenti approvato da terze parti.

Articolo originale di CNBC